Leucemia mieloide acuta: nuova speranza da Flotetuzumab, immunoterapia in fase di sviluppo

Immagine: Public Domain.

Un nuovo studio consentirà ai medici di identificare i pazienti con leucemia mieloide acuta che non risponderanno alla chemioterapia e coloro che hanno maggiori probabilità di beneficiare di una nuova immunoterapia con Flotetuzumab.

La ricerca internazionale, condotta dalla Nottingham Trent University, ha sviluppato una maggiore comprensione di come il sistema immunitario risponde nei pazienti con leucemia mieloide acuta. Si spera che i risultati di questo studio aprano la strada a nuove e più personalizzate terapie per i pazienti, oltre a garantire che ottengano il giusto trattamento il più rapidamente possibile e senza l’uso della chemioterapia, che è ancora lo standard di cura per la maggior parte delle persone con cancro.

La leucemia mieloide acuta progredisce rapidamente, in modo aggressivo e richiede un trattamento immediato: è molto resistente alla chemioterapia, ha un alto tasso di recidiva e solo un paziente su cinque sopravvive oltre i cinque anni dalla diagnosi. La capacità di prevedere i gruppi di pazienti e i tipi di cancro che risponderanno al target immunitario, un approccio che sfrutta il sistema immunitario del corpo per combattere il cancro, rimane limitata. Per coloro che non rispondono bene alla chemioterapia c’è un tasso di sopravvivenza di soli quattro mesi e attualmente non esiste un trattamento per questo gruppo.Study paves way for faster, more accurate therapies for hard-to-treat leukaemia patientsImmagine: macchie fluorescenti della proteina CD3 (verde) in una biopsia del midollo osseo di un paziente con leucemia mieloide acuta. Credito: J. Vadakekolathu et al., Science Translational Medicine (2020).

Nell’ambito dello studio, i ricercatori hanno analizzato la struttura immunologica dei campioni di midollo osseo di centinaia di adulti e bambini con LMA utilizzando approcci tecnologici innovativi. Ciò ha permesso loro di svelare le differenze critiche nei geni immunitari attraverso le diverse fasi della malattia e fasce d’età. Il lavoro ha comportato la creazione di un compendio di importanti geni e proteine che ha fornito nuove informazioni sulle interazioni tra il sistema immunitario dei pazienti LMA e le cellule tumorali. Ciò ha consentito di comprendere come il trattamento può essere adattato a specifici gruppi di pazienti.
L’approccio ha portato all’identificazione di biomarcatori immunitari in grado di prevedere i pazienti resistenti alla chemioterapia e quelli che potrebbero trarre beneficio da Flotetuzumab, una nuova immunoterapia attualmente in fase di sviluppo.
Questa classe di farmaci, chiamati “bispecifici”, ha una struttura simile a quella di un anticorpo e rinvigorisce le cellule T, un sottoinsieme di cellule immunitarie che sono normalmente implicate nella difesa contro i microbi invasori e le cellule tumorali e che non funzionano correttamente in pazienti con il cancro.
Flotetuzumab è progettato per avvicinare le cellule T alle cellule tumorali e promuoverne l’uccisione.

 

Study paves way for faster, more accurate therapies for hard-to-treat leukaemia patients

Immagine: decifrare la complessità dell’architettura immunitaria della leucemia mieloide acuta. Credito: Sergio Rutella, Nottingham Trent University.

“La leucemia mieloide acuta è un’area di insoddisfacente necessità clinica”, ha affermato Sergio Rutella, Professore di immunoterapia del cancro presso il centro di ricerca sul cancro John van Geest della Nottingham Trent University. Ha aggiunto: “I risultati dei pazienti LMA sono insoddisfacenti, con resistenza alla chemioterapia e recidiva della malattia molto comuni. Il nostro lavoro ha caratterizzato “l’ecosistema immunitario” della LMA a una profondità senza precedenti e ha identificato le firme dei geni immunitari nel tumore che riflettono lo stato immunitario e prevedono il potenziale immunitario anti-leucemia.

“Ciò ha trasformato la nostra comprensione di come il trattamento dovrebbe essere adattato a pazienti specifici, in particolare quelli resistenti alla chemioterapia e che sono molto difficili da trattare, ma potrebbero mostrare risposte significative all’immunoterapia di seconda linea con Flotetuzumab”.

Study paves way for faster, more accurate therapies for hard-to-treat leukaemia patients

Immagine: identificare il miglior trattamento di precisione per i pazienti con leucemia difficili da trattare. Credito: Sergio Rutella, Nottingham Trent University.

“Essere in grado di prevedere le risposte dei pazienti sarà fondamentale per adattare i farmaci agli individui che hanno maggiori probabilità di trarne beneficio”, ha aggiunto il ricercatore.
Lo studio, pubblicato su Science Translational Medicine, ha coinvolto ematologi clinici, patologi, sperimentatori clinici e immunologi.
Fonte: Science