Le bevande energetiche sono sicure per i bambini?

bevande energetiche

Le bevande energetiche sono bevande che contengono quantità concentrate di caffeina e altri stimolanti, tra cui zucchero, edulcoranti, integratori a base di erbe, vitamine e taurina.

Le bevande energetiche sono commercializzate per migliorare l’energia, la resistenza, la concentrazione, le prestazioni atletiche e persino la perdita di peso. Ma ci sono studi limitati per dimostrare queste affermazioni. Molti effetti collaterali sono stati collegati a questi prodotti, sollevando la questione se sono sicuri da consumare.

Sebbene queste bevande non siano consigliate per i bambini, il numero di giovani che le assumono è aumentato nel corso degli anni. Nella fascia di età tra gli 11 e i 18 anni, i ragazzi consumano più bevande energetiche rispetto alle ragazze. Inoltre, le persone più e meno sedentarie sono quelle che consumano più di queste bevande.

Le bevande energetiche sono sicure per i bambini?

Le bevande energetiche contengono quantità elevate e non regolate di caffeina. Normalmente, i bambini e gli adolescenti di età compresa tra 12 e 18 anni non devono bere più di 100 mg di caffeina al giorno, che è equivalente a una tazza di caffè.

Le bevande energetiche contengono da circa 50 mg a ben 500 mg di caffeina per porzione. L’aumento dei livelli di caffeina consumati dai bambini può causare una vasta gamma di conseguenze sulla salute. Alcuni di questi effetti avversi sono abbastanza gravi da richiedere l’assistenza medica.

Complessivamente, il numero di visite annuali del dipartimento di emergenza legate al consumo di bevande energetiche è aumentato da 10.068 nel 2007 a ben 20.783 nel 2011. Inoltre, ci sono stati 34 decessi associati a bevande energetiche che giustificano le indagini sulla sicurezza di queste bevande.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) riportano che 1.145 adolescenti di età compresa tra 12 e 17 sono andati al pronto soccorso per le emergenze legate al consumo di bevande energetiche nel 2007. Nel 2011 il numero è salito a 1.499.

Quali sono gli effetti delle bevande energetiche sulla salute dei bambini?

Anche se le persone sane possono tollerare la caffeina con moderazione, il consumo di caffeina pesante, proprio come bere bevande energetiche, è stato collegato a gravi effetti sulla salute come convulsioni, ictus e persino morte improvvisa.

I bambini e gli adolescenti sono a più alto rischio di sviluppare effetti negativi dal consumo di bevande energetiche quali palpitazioni, disturbi del sonno, mal di testa, nausea, vomito, diarrea e convulsioni. I bambini che bevevano più bevande energetiche mostravano iperattività e altri comportamenti ad alto rischio. Ciò era anche legato al comportamento autodistruttivo, ai problemi di regolazione comportamentale e ad altre abilità sociali, nonché a scelte di vita povere come il consumo di cibo spazzatura. A lungo termine, l’alto contenuto di zuccheri di queste bevande causa carie dentali, aumento di peso, obesità o sovrappeso e diabete mellito di tipo 2.

Grandi quantità di caffeina possono causare gravi problemi cardiaci e dei vasi sanguigni come disturbi del ritmo cardiaco, aumento della frequenza cardiaca e pressione alta. Nei bambini, la caffeina può avere un impatto negativo sui loro sistemi cardiovascolari e nervosi. 

Vedi anche,Gravi rischi per la salute associati alle bevande energetiche.

In alcuni casi, bambini e adolescenti bevono queste bevande senza controllo. Intossicazione da caffeina, sintomi di astinenza da caffeina, disturbi del sonno, disidratazione e ansia sono tra i pericoli immediati del consumo di bevande energetiche non regolamentate.

Infatti, l’American Heart Association (AHA) mette in guardia e consiglia di tenere lontano i bambini da queste bevande. In uno studio randomizzato condotto da esperti, i ricercatori hanno scoperto che le bevande energetiche contenenti caffeina prolungano notevolmente l’intervallo QTc, una misurazione eseguita su un elettrocardiogramma usato per valutare alcune delle proprietà elettriche del cuore e anche aumentare la pressione sanguigna centrale e brachiale. L’intervallo QTc prolungato aumenta la probabilità di tachicardia ventricolare, un tipo di battito cardiaco accelerato derivante da un’attività elettrica alterata nel cuore.

Fonte, NHI.Gov

 


Altri articoli su bevande energetiche