Nuova mappa polmonare rivela nuove cellule responsabili dell’asma

asma

Per la prima volta, i ricercatori hanno mappato i diversi tipi di cellule nei polmoni e identificato le principali differenze tra le vie aeree sane e le vie aeree colpite dall’asma in uno studio pubblicato su Nature Medicine. I risultati dello studio potrebbero aiutare a far avanzare la scoperta di nuovi bersagli farmacologici per la condizione.

Nell’ambito dell’iniziativa Human Cell Atlas, una comunità collaborativa che lavora per creare mappe di riferimento di ogni cellula umana, i ricercatori hanno studiato oltre 36.000 singole cellule dall’area nasale e tre aree separate del polmone in campioni prelevati da 17 persone senza asma.

Utilizzando la trascrittomica a singola cellula, sono stati identificati e localizzati i tipi di cellule e sono stati documentati anche eventuali geni attivi all’interno della cellula.

Questo processo è stato poi ripetuto in esami su sei persone con asma. Ciò ha portato il team di ricerca a confrontare le differenze cellulari tra i due gruppi e sono state riscontrate differenze significative tra polmoni asmatici e polmoni sani.

Vedi anche, La pillola per l’ asma prende di mira i muscoli delle vie aeree per diminuire gli attacchi.

Questi esami hanno portato alla scoperta di un nuovo stato cellulare nei polmoni asmatici che contribuisce alla sovrapproduzione di muco, chiamato stato mucillare. Fino ad ora, i ricercatori non avevano scoperto tutte le cellule responsabili di questa risposta nelle vie aeree.

Un primo autore dello studio, Dr. Felipe Vieira Braga, del Wellcome Sanger Institute e Open Targets, spiega il significato di questa scoperta:

“Abbiamo generato una mappa anatomica dettagliata delle vie aeree respiratorie, producendo il primo abbozzo di atlante di cellule polmonari umane da persone normali e asmatiche. Questo ci ha dato una migliore definizione dei tipi di cellule nei polmoni asmatici e ci ha permesso di scoprire uno stato cellulare completamente nuovo nei pazienti asmatici che producono muco “.

Capire il ruolo delle cellule T-helper

Inoltre, è stato scoperto che i polmoni asmatici avevano una maggiore quantità di cellule T helper di tipo 2 (T H 2), che erano responsabili dell’invio di gran parte dei segnali cellulari nell’asma. Le cellule T H 2 sono necessarie per l’immunità mediata dai fluidi corporei e sono anche importanti nel regolare le risposte immunitarie ai patogeni extracellulari.

“I polmoni umani consentono uno scambio efficiente di gas e formano un’interfaccia con l’ambiente, che dipende dall’immunità delle mucose per la protezione dagli agenti infettivi”.

Nei polmoni sani, si stava verificando un’ampia gamma di comunicazioni cellulari che non erano dominate dalle cellule T H 2.

Il Dott. Martijn Nawijn, autore senior del Centro medico universitario Groningen, ha spiegato,

Sapevamo già che le cellule T H 2 infiammatorie avevano un ruolo nell’asma, ma solo ora vediamo quanto sia grande quell’influenza. Nelle persone normali, tutti i tipi di cellule comunicano tra loro al fine di mantenere le vie aeree funzionanti, ma nei pazienti asmatici, quasi tutte queste interazioni sono perse. Invece di una rete di interazioni, nell’asma le cellule infiammatorie sembrano dominare completamente la comunicazione nelle vie aeree “.

Lo studio ha descritto il processo in modo più dettagliato, affermando: “L’ampio segnale di crescita tra le cellule epiteliali e le cellule mesenchimali osservate nella parete delle vie aeree è in gran parte perso nella parete delle vie aeree asmatiche, in contrasto con la riattivazione dell’unità trofica epitelio-mesenchimale”.

Oltre al tipo di cellule presenti nei polmoni, anche la posizione delle cellule è risultata importante, con cellule in diverse aree polmonari che svolgono funzioni cellulari molto diverse. Tutte queste nuove scoperte hanno importanti implicazioni nello sviluppo futuro di bersagli farmacologici e prove per l’asma.

L’asma è un’importante area di ricerca

L’asma è una condizione polmonare comune e cronica che causa difficoltà respiratorie. Spesso inizia nell’infanzia, ma può svilupparsi in qualsiasi momento della vita e colpire persone di ogni età.

Secondo l’ Organizzazione Mondiale della Sanità, attualmente 235 milioni di persone vivono con asma e nel 2015 ci sono stati 383.000 decessi correlati all’asma, con la maggior parte dei decessi causati dalla malattia nei paesi a basso e medio reddito.

Nell’asma, il rivestimento del tubo bronchiale si gonfia e le vie respiratorie si intasano di muco in risposta a sostanze irritanti, ma la ragione esatta per cui i polmoni rispondono in questo modo a una vasta gamma di fattori scatenanti non è stata ancora identificata.

Esercizio fisico, raffreddore e influenza possono anche peggiorare la condizione e anche lo stress e alcune emozioni (come ridere) possono scatenare un attacco d’asma.

Sebbene al momento non vi sia una cura, i sintomi possono essere controllati con inalatori che agiscono come misura preventiva arrestando inizialmente i sintomi o alleviando i sintomi man mano che si presentano.

Fonte, Nature

 


Altri articoli su asma