L’apnea del sonno può aumentare il rischio di sviluppare l’Alzheimer

alzheimer,apnea del sonno

L’ apnea del sonno (OSA) può aumentare nelle persone anziane il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer (AD), secondo nuove ricerche pubblicate online in American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine dell’ American Thoracic Society.

I ricercatori riferiscono che i biomarker per le beta amiloidi, i peptidi che generano la placca associata alla malattia di Alzheimer, aumentano nel tempo negli adulti anziani con apnea del sonno in proporzione alla severità della condizione.Gli individui con apnea più severa hanno mostrato maggiore accumulo di amiloide nel cervello, nel tempo.

( Vedi anche: Apnea del sonno non trattata può aumentare lo stress metabolico e cardiovascolare).

Secondo gli autori, l’alzheimer è un disturbo neurodegenerativo che affligge circa cinque milioni di anziani americani, ma l’apnea del sonno è ancora più comune e affligge dal 30 all’ 80 per cento degli anziani.

“Diversi studi hanno suggerito che i disturbi del sonno potrebbero contribuire ai deposito di beta amiloide e accelerare il declino cognitivo nelle persone a rischio di AD”, ha affermato Ricardo S. Osorio,  autore senior dello studio e assistente di psichiatria presso la New York University School of Medicine.

“Tuttavia, finora è stato difficile verificare la causalità di queste associazioni “.

Lo scopo di questo studio era quello di indagare sulle associazioni tra la gravità di OSA ed i cambiamenti dei biomarcatori AD longitudinalmente, in particolare verificare se i depositi di beta amiloide aumentano nel tempo nei partecipanti anziani sani con apnea del sonno.

Lo studio ha incluso 208 partecipanti di 55-90 anni, con cognizione normale misurata con prove standardizzate e valutazioni cliniche.

Lo studio ha scoperto che più della metà dei partecipanti era affetto da apnea. Il  36,5 per cento dei partecipanti era affetto da apnea del sonno mite e il 16,8 per cento  moderata o grave. Circa 104 partecipanti del campione totale hanno preso parte ad uno studio longitudinale di due anni che ha trovato una correlazione tra la severità di OSA e una diminuzione dei livelli di CSF A 42, nel corso del tempo.Questa constatazione è compatibile con un aumento dei depositi di amiloide nel cervello; la constatazione è stata confermata nel sottogruppo di partecipanti con apnea del sonno sottoposti a scansioni PET, che hanno mostrato un aumento del carico amiloide.

Sorprendentemente, lo studio non ha scoperto che la gravità della condizione prevedeva un deterioramento cognitivo in sani adulti anziani. Andrew Varga è coautore dello studio e medico specializzato in medicina del sonno e neurologia presso la scuola di medicina Icahn al Monte Sinai di New York.

“La relazione tra carico amiloide e cognizione è probabilmente non lineare e dipende da fattori aggiuntivi”, ha spiegato il ricercatore.

Fonte: Alzheimer’s Society

Altri articoli su alzheimer, apnea del sonno