Individuato un biomarker utile per la diagnosi precoce di alzheimer

alzheimer

Immagine: DAG (peptide verde-etichettato)  nell’ippocampo del cervello di Alzheimer. Credito: Ruoslahti Lab, SBP.

I ricercatori del Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute (SBP) hanno identificato un peptide che potrebbe portare alla diagnosi precoce della malattia di Alzheimer (AD). La scoperta, pubblicata in Nature Communications, può anche fornire un mezzo per mettere a punto farmaci per curare l’AD, la malattia di Parkinson, così come glioblastoma, lesioni cerebrali e ictus.

( Vedi anche:Alzheimer: trovata una associazione tra glucosio nel cervello e placche amiloidi).

“Il nostro obiettivo era trovare un nuovo biomarker per l’AD”, afferma Aman Mann, Professore di ricerca presso l’SBP che condivide lo studio con Pablo Scodeller,  ricercatore post-dottorato presso la SBP. “Abbiamo identificato un peptide (DAG) che riconosce una proteina elevata nei vasi sanguigni cerebrali dei topi con alzheimer e dei pazienti umani. Il target DAG, fattore di crescita del tessuto connettivo (CTGF), appare nel cervello AD prima delle placche amiloide , segno distintivo della malattia“.

“CTGF è una proteina che viene prodotta nel cervello in risposta all’infiammazione e alla riparazione dei tessuti”, spiega Mann. “La nostra scoperta che collega elevati livelli di CTGF con AD ed è in linea con il crescente numero di prove che suggeriscono che l’infiammazione svolge un ruolo importante nello sviluppo dell’ alzheimer“.

Il team di ricerca ha identificato il peptide DAG usando screening del fegato in vivo in diverse fasi di sviluppo dell’ alzheimer in un modello di topo. Nei giovani topi AD il peptide DAG ha rilevato la prima fase della malattia. Se la comparsa precoce dell’obiettivo DAG sarà rilevata anche negli esseri umani, significa che DAG potrebbe essere utilizzato come strumento per identificare i pazienti in fase precoce sintomatica della malattia, quando i trattamenti già disponibili possono essere ancora efficaci.

“Abbiamo dimostrato che DAG si lega alle cellule del cervello da pazienti umani di AD in un modo CTGF dipendente” dice Mann. “Questo è coerente con un precedente rapporto che rivela l’alta espressione di CTGF nel cervello dei pazienti AD”.

“I nostri risultati mostrano che le cellule endoteliali, le cellule che formano il rivestimento interno dei vasi sanguigni, legano il nostro peptide DAG nelle parti del cervello del topo colpito dalla malattia”, afferma Erkki Ruoslahti, Professore distinto SBP e autore maggiore dell’articolo. “Questo è significativo perché le cellule endoteliali sono facilmente accessibili alle sonde iniettate nel flusso sanguigno, mentre altri tipi di cellule del cervello sono custodite dietro una parete protettiva chiamata barriera emato-encefalica. La modifica dei vasi sanguigni AD ci offre un’opportunità per creare un metodo diagnostico in grado di rilevare l’AD nella prima fase possibile”.

“Ma innanzitutto dobbiamo sviluppare una piattaforma di imaging utilizzando scansioni MRI o PET per distinguere i topi AD dal vivo da topi normali e solo dopo, possiamo concentrarci sull’uomo”, aggiunge Ruoslahti.

“Come la nostra ricerca progredisce, prevediamo anche di utilizzare CTGF come un potenziale obiettivo terapeutico che non è correlato alle beta amiloide (Aβ), la proteina tossica che crea placche nel cervello”, dice Ruoslahti. “Considerato il numero di studi clinici falliti che hanno cercato di trattare i pazienti con AD targetando Aβ, è chiaro che i nuovi trattamenti dovranno essere somministrati in precedenza, prima che appaiano le placche di amiloidi o che devono essere destinati a percorsi completamente diversi. DAG ha il potenziale per svolgere entrambi i ruoli, identificando gli individui a rischio prima che compaiono i segni evidenti di AD e la consegna mirata di farmaci alle aree malate del cervello. Forse CTGF può essere un bersaglio farmacologico in AD e altri disturbi cerebrali legati all’infiammazione. Dovremo solo saperne di più sul suo ruolo in queste malattie “.

Questa tecnologia è stata concessa in licenza ad una società di avvio, AivoCode Inc.

Fonte: Medicalxpress

Altri articoli su alzheimer