L’aggiunta di farmaci per la SM alla terapia del cancro può migliorare i risultati del glioblastoma

glioblastoma

Immagine, in un modello di tumore derivato dal paziente nei topi, i glioblastoma (viola scuro) si riducono significativamente quando trattati con teriflunomide, farmaco per la SM e con il farmaco antitumorale mirato BKM-120. Credito: UC San Diego School of Medicine.

Il glioblastoma è una forma aggressiva di cancro al cervello che si infiltra nei tessuti cerebrali circostanti, rendendo estremamente difficile il trattamento chirurgico. Anche quando la chemioterapia e le radiazioni distruggono con successo la maggior parte delle cellule di glioblastoma di un paziente, potrebbero non influenzare le cellule staminali del cancro. Questa piccola popolazione di cellule tumorali ha la capacità di crescere e moltiplicarsi indefinitamente e può portare alla ricorrenza del tumore.

Per studiare questi tumori e testare nuove terapie, i ricercatori della University of California San Diego School of Medicine hanno utilizzato modelli di topo di glioblastoma da pazienti sottoposti a chirurgia. Con questo approccio, hanno recentemente scoperto che il trattamento sia con una terapia del cancro mirata sia con teriflunomide, un farmaco per la sclerosi multipla (SM), le cellule staminali del glioblastoma vengono bloccate, i tumori notevolmente ridotti e e migliorata la sopravvivenza dei topi.

Lo studio è stato pubblicato il 7 agosto 2019 in Science Translational Medicine.

“Pensavamo di trovare un solo trattamento magico per curare tutti i glioblastomi”, ha detto l’autore senior Jeremy Rich, Professore di medicina alla UC San Diego School of Medicine e Direttore di neuro-oncologia  presso la UC San Diego Health. “Ma ora ci rendiamo conto che dobbiamo scoprire cosa guida il tumore unico di ciascun paziente e adattare i nostri trattamenti a ciascun individuo”.

Vedi anche, Nuove strategie per rallentare la crescita del glioblastoma.

Negli ultimi anni, il desiderio di personalizzare le terapie per il cancro ha portato allo sviluppo di diverse terapie mirate con farmaci che agiscono inibendo molecole specifiche su cui fanno affidamento le cellule tumorali per la crescita e la sopravvivenza. Per questo motivo, le terapie mirate possono funzionare meglio e causare meno effetti collaterali rispetto alle terapie tradizionali come la chemioterapia e le radiazioni. Tuttavia, le terapie mirate non hanno avuto il successo sperato dalla comunità scientifica. Secondo Rich, questo perché di solito non è sufficiente inibire solo una molecola o un percorso che guida la formazione o la sopravvivenza del tumore: le cellule tumorali troveranno un modo per compensare.

Ha affermato Rich, che è anche un membro della facoltà del Consorzio Sanford per la medicina rigenerativa e il Centro clinico della Sanford presso la UC San Diego Health: “Come clinico, provo anche a guardare il quadro generale. Non sto cercando solo uno o due farmaci per aiutare i miei pazienti, perché penso a un cocktail completamente personalizzato di molti farmaci diversi per mettere davvero le cellule cancerose in fuga “.

Per continuare a replicarsi, le cellule staminali del glioblastoma devono continuare a produrre più DNA e per farlo devono utilizzare la pirimidina, uno dei mattoni del DNA. Utilizzando dati genomici del tumore disponibili per centinaia di pazienti affetti da glioblastoma in sei diversi database, il team di Rich hanno notato che punteggi più alti sul metabolismo della pirimidina erano associati a una sopravvivenza del paziente più scarsa.

“È molto difficile essere una cellula cancerosa perchè deve lavorare continuamente per trovare il modo di mettere insieme i percorsi per sopravvivere e crescere”, ha affermato Rich. “Non che io abbia simpatia per queste cellule, ma sapere questo ci aiuta a trovare i suoi punti deboli”.

Il teriflunomide, farmaco per la SM, sembra bloccare gli enzimi che formano la pirimidina. Rich e il team hanno scoperto che la teriflunomide inibisce la sopravvivenza delle cellule di glioblastoma, l’auto-rinnovamento e l’inizio del tumore in laboratorio. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che quando trattati con la sola teriflunomide, i tumori derivati ​​dal paziente si sono leggermente ridotti e i topi portatori di questi tumori, sono sopravvissuti un po’ più a lungo, rispetto ai topi trattati con terapia standard.

Il team ha anche testato due terapie antitumorali mirate: BKM-120, un inibitore che funziona meglio nelle cellule di glioblastoma guidato dalla mancanza di un enzima chiamato PTEN e lapatinib, un inibitore usato per trattare i tumori guidati da mutazioni nel recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR) ). Con il solo trattamento BKM-120, i tumori si sono ridotti moderatamente e i topi sono sopravvissuti ancora più a lungo, rispetto ai topi di controllo o ai topi trattati con teriflunomide.

Ma quando trattati con teriflunomide e BKM-120, i tumori si sono ridotti notevolmente  e i topi sono sopravvissuti significativamente più a lungo, rispetto ai topi di controllo o ai topi che hanno ricevuto entrambi i trattamenti da soli.

“Siamo entusiasti di questi risultati, soprattutto perché stiamo parlando di un farmaco che è già noto per essere sicuro negli esseri umani”, ha detto Rich. “Ma questo modello di laboratorio non è perfetto: sì, utilizza campioni di pazienti umani, ma manca ancora del contesto che un glioblastoma avrebbe nel corpo umano, come l’interazione con il sistema immunitario, che sappiamo svolgere un ruolo importante nel determinare la crescita e la sopravvivenza del tumore. Prima che questo farmaco possa diventare disponibile per i pazienti con glioblastoma, sono necessari studi clinici sull’uomo per supportarne la sicurezza e l’efficacia “.

Fonte, Science Translational Medicine


Altri articoli su glioblastoma