La terapia sperimentale CAR-T per il linfoma di Hodgkin riceve la designazione accelerata dalla FDA

0
33

Sulla base dei risultati degli studi clinici condotti presso il Lineberger Comprehensive Cancer Center dell’Università del North Carolina e il Baylor College of Medicine, un’immunoterapia cellulare sperimentale per il linfoma di Hodgkin ha ricevuto una designazione di Terapia Avanzata di Medicina Rigenerativa dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti.

Tessa Therapeutics ha annunciato la designazione basata su risultati preliminari della sperimentazione clinica per una terapia con cellule T del recettore chimerico dell’antigene (CAR-T) studiata in pazienti con linfoma di Hodgkin recidivante o refrattario presso UNC e BCM.

La terapia CAR-T prevede il prelievo di cellule immunitarie specifiche dai pazienti, l’ingegnerizzazione delle cellule in laboratorio per eliminare le cellule tumorali che mostrano un bersaglio molecolare specifico e quindi la reinfusione nel paziente per combattere il loro cancro.

Oltre a ottimizzare la terapia attraverso i primi studi clinici, i ricercatori dell’UNC Lineberger hanno svolto un ruolo fondamentale nei primi studi di laboratorio che hanno portato alla progettazione della terapia sperimentale. Tessa Therapeutics ha annunciato l’intenzione di continuare a sviluppare il trattamento sperimentale negli studi di fase II previsti per il quarto trimestre di quest’anno.

Vedi anche: Alto rischio di tumori solidi per i sopravvissuti al Linfoma di Hodgkin

“Abbiamo iniziato a lavorare su questa terapia per migliorare i risultati dei pazienti con linfoma di Hodgkin recidivo o refrattario in un momento in cui la prognosi per questi pazienti era molto scarsa e il trattamento prolungato era tossico e alterava la qualità della vita dei pazienti. I dati clinici della sperimentazione clinica che abbiamo condotto all’UNC indicano che la terapia sperimentale è sicura e che i tassi di risposta sono stati notevoli in una popolazione pesantemente pretrattata “, dice  Barbara Savoldo di UNC Lineberger, MD, PhD, Pr.ssa della Divisione Scuola di Medicina UNC di Ematologia-Oncologia Pediatrica.
Savoldois è anche viceDirettore del Programma di immunoterapia clinica Lineberger dell’UNC. Sotto la direzione di Natalie Grover dell’UNC Lineberger, MD, assistente Professore di medicina e Direttore clinico del Programma di terapia cellulare e Anne Beaven, UNC Lineberger, Prof.ssa associato di medicina e Direttore del Programma linfoma, UNC Lineberger, Savoldois  ha lanciato uno studio clinico di fase 1b / 2 per studiare la sicurezza della terapia CAR-T per pazienti con linfoma di Hodgkin recidivante o refrattario e per linfoma non Hodgkin positivo per il marker cellulare CD30. I ricercatori del BCM hanno avviato autonomamente anche studi sulla terapia sperimentale CAR-T.
L’UNC Lineberger ha reclutato Savoldo e Gianpietro Dotti, MD, ora membro dell’UNC Lineberger e Professore presso il Dipartimento di Microbiologia e Immunologia della Scuola di Medicina dell’UNC, presso BCM nel 2015 per continuare il lavoro sviluppando e studiando nuove terapie CAR-T traslazionali, tra cui il CD30 Terapia CAR-T per linfoma di Hodgkin.
I primi studi di laboratorio presso il BCM, condotti da Savoldo, hanno portato allo sviluppo della terapia sperimentale per il linfoma CD30 positivo. “Il lavoro di Barbara sulla progettazione della terapia è stato fondamentale ed è stato utilizzato negli studi presso entrambe le istituzioni”, ha dichiarato Jon Serody, MD, Professore di medicina, microbiologia e immunologia dell’UNC Lineberger e Direttore del programma di terapia cellulare. “Il nostro lavoro è stato fondamentale nel trovare un approccio di linfodeplezione che ottimizzasse la funzione della terapia”.
I risultati dello studio dell’UNC Lineberger sono in attesa di pubblicazione, ma i ricercatori affermano che i dati preliminari sono promettenti, in particolare quando hanno usato un regime specifico di chemioterapia – noto come linfodeplezione – prima dell’infusione delle cellule CAR-T.
Fonte: News Medical