La malattia epatica può essere collegata all’insufficienza cardiaca?

malattia epatica

La malattia epatica può essere collegata all’insufficienza cardiaca?

I ricercatori della Virginia Commonwealth University hanno collaborato a uno studio clinico che identifica gli indicatori per la steatosi epatica non alcolica, una malattia tipicamente asintomatica causata da accumulo di grasso nel fegato e la principale causa di malattia del fegato negli Stati Uniti.

Mohammad Siddiqui, Professore associato presso la VCU School of Medicine e ricercatori con esperienza in cardiologia, epatologia e fisiologia dell’esercizio hanno condotto ricerche focalizzando l’attenzione sul legame tra danni al cuore e al fegato. I loro sforzi hanno portato a uno studio in cui i ricercatori tracciano una connessione tra pazienti con tipi aggressivi di steatosi epatica e limitazioni nella capacità di esercizio.

Siddiqui , che è l’autore senior dello studio, dice  che “la disfunzione diastolica e l’intolleranza all’esercizio sono collegate alla gravità della fibrosi epatica nella malattia del fegato grasso non alcolico”.

Vedi anche Steatosi epatica non alcolica: i metaboliti liberati dal microbiota intestinale tengono a bada l’infiammazione.

Il team ha recentemente presentato lo studio alla conferenza American Heart Association Scientific Sessions di Chicago.

“L’insufficienza epatica non alcolica viene spesso trascurata nelle cure primarie ed i pazienti ricevono l’appropriata sottospecialità di riferimento di solito quando hanno sviluppato stadi avanzati della malattia”, ha detto Siddiqui, un epatologo della VCU, Dipartimento della salute dell’apparato digerente.

Limitazioni nella capacità di esercizio

Anziché analizzare le persone che avevano già avuto cirrosi o insufficienza cardiaca, come hanno fatto studi precedenti, il team di ricerca interdisciplinare della VCU ha analizzato persone che avevano sospettato un danno epatico ed erano state inviate dai loro medici al VCU Health per una biopsia epatica.

Circa 35 pazienti con malattia del fegato grasso non alcolica provata con biopsia senza diagnosi di insufficienza cardiaca hanno partecipato a uno studio clinico presso l’Unità di servizi di ricerca clinica del VCU Medical Center. I pazienti sono stati sottoposti a ecocardiogrammi e ecocardiogrammi da stress, mentre i ricercatori hanno osservato il loro funzionamento cardiaco mentre si allenavano su un tapis roulant. 

Lo studio è stato il primo nel suo genere a includere biopsie epatiche e valutazioni della capacità di esercizio insieme a questionari nell’analisi complessiva.

“Con i questionari, siamo stati in grado di concentrarci su come le valutazioni di funzionalità si traducono in come i pazienti si sentono”, ha detto Siddiqui.

I ricercatori hanno scoperto che i pazienti che avevano un tipo di malattia del fegato grasso più aggressiva, chiamata steatoepatite non alcolica , avevano maggiori probabilità di avere limitazioni nella capacità di esercizio. Quando i pazienti hanno iniziato a sviluppare più cicatrici nel fegato, hanno anche mostrato maggiori probabilità di avere ulteriori riduzioni della capacità di esercizio..

Anche se sono necessarie ulteriori ricerche, lo studio indica che i pazienti che non hanno una diagnosi di insufficienza cardiaca, ma hanno una malattia del fegato grasso, potrebbero essere a rischio di sviluppare sintomi che portano allo scompenso cardiaco.

Fonte, VCUnews

Altri articoli su malattia epatica