Integratore di mannosio rallenta la crescita del cancro

mannosio

Lo zucchero mannosio, un integratore alimentare, può sia rallentare la crescita del cancro che migliorare gli effetti della chemioterapia nei topi con più tipi di cancro.

Il D-mannosio è un monosaccaride che si trova in certi batteri, funghi e piante e quasi mai è presente in natura come monosaccaride libero.

Questo studio di laboratorio è a un passo verso la comprensione di come il mannosio potrebbe essere usato per curare il cancro.

I risultati dello studio, che è stato finanziato da Cancer Research UK e Worldwide Cancer Research, sono stati pubblicati su Nature il 20 novembre 2018.

I tumori usano più glucosio rispetto ai normali tessuti sani. Tuttavia, è molto difficile controllare la quantità di glucosio nel corpo attraverso la sola dieta. In questo studio, i ricercatori hanno scoperto che il mannosio può interferire con il glucosio per ridurre la quantità di zucchero che le cellule tumorali possono utilizzare.

Il Professor Kevin Ryan, autore principale dello studio del Beatson Institute del Cancer Research UK, ha dichiarato: “I tumori necessitano di molto glucosio per crescere, quindi limitare la quantità che possono utilizzare dovrebbe rallentare la progressione del cancro. Nel nostro studio, abbiamo trovato un dosaggio di mannosio che potrebbe bloccare abbastanza glucosio per rallentare la crescita del tumore nei topi, ma che tuttavia colpisce anche i tessuti normali. Si spera che trovare un equilibrio perfetto significhi che, in futuro, il mannosio potrebbe essere somministrato a pazienti oncologici per migliorare la chemioterapia senza danneggiare la loro salute generale “.

I ricercatori hanno prima esaminato come i topi con cancro del pancreas, del polmone o della pelle rispondevano quando il mannosio veniva aggiunto alla loro acqua da bere e somministrato come trattamento orale. Hanno scoperto che l’aggiunta del supplemento ha rallentato significativamente la crescita dei tumori e non ha causato alcun evidente effetto collaterale.

Per testare in che modo il mannosio potrebbe influenzare anche il trattamento del cancro, i topi sono stati trattati con cisplatino e doxorubicina-due dei farmaci chemioterapici più usati. I ricercatori hanno scoperto che il mannosio ha potenziato gli effetti della chemioterapia, rallentando la crescita del tumore, riducendo le dimensioni dei tumori e aumentando la durata di vita di alcuni topi.

Sono stati anche studiati diversi altri tipi di cancro, tra cui la leucemia, l’osteosarcoma, il cancro dell’ovaio e dell’intestino. I ricercatori hanno coltivato cellule tumorali in laboratorio e poi le hanno trattate con mannosio per vedere se la loro crescita è stata influenzata.

Alcune cellule rispondevano bene al trattamento, mentre altre no. Si è anche scoperto che la presenza di un enzima che scompone il mannosio nelle cellule era un buon indicatore di quanto fosse efficace il trattamento.

Il Professor Kevin Ryan ha aggiunto: “Il nostro prossimo passo è studiare perché il trattamento funziona solo in alcune cellule, in modo che possiamo capire quali pazienti potrebbero trarre il maggior beneficio da questo approccio. Speriamo di iniziare le sperimentazioni cliniche con il mannosio il prima possibile determinare il suo vero potenziale come una nuova terapia contro il cancro”.

Il mannosio viene talvolta utilizzato per brevi periodi per trattare le infezioni del tratto urinario, ma i suoi effetti a lungo termine non sono stati studiati. È importante che vengano condotte ulteriori ricerche prima che il mannosio possa essere usato nei pazienti oncologici .

Martin Ledwick, del Cancer Research UK, ha dichiarato: “Sebbene questi risultati siano molto promettenti per il futuro di alcuni trattamenti antitumorali, questa è una ricerca molto precoce e non è ancora stata testata sull’uomo: i pazienti non dovrebbero auto-prescriversi mannosio, un vero rischio di effetti collaterali negativi che non sono stati ancora testati: è importante consultare un medico prima di cambiare drasticamente la dieta o assumere nuovi integratori “.

Fonte, Nature

Altri articoli su mannosio