Ivacaftor può ridurre le infezioni comuni nei pazienti con FC

Fibrosi cistica

 I pazienti con fibrosi cistica che assumono ivacaftor sembrano avere meno infezioni respiratorie nel tempo, rispetto a quelli che non assumono il farmaco, secondo una nuova ricerca pubblicata online negli Annali dell’American Thoracic Society.

Ivacaftor (Kalydeco®) è prescritto a pazienti la cui FC è causata da una mutazione “gating”. Questo gruppo di mutazioni, responsabile di circa il 4% di tutti i casi di CF, impedisce al cloruro di muoversi dentro e fuori dalle cellule. Ripristinando la funzione del cloruro, ivacaftor ha dimostrato di migliorare la funzionalità polmonare e la qualità della vita dei pazienti.

I ricercatori nel Regno Unito riferiscono che ivacaftor può anche ridurre alcune delle più comuni infezioni polmonari in pazienti con CF, tra cui P. aeruginosa. “Se questo è vero”, dicono i ricercatori, ” potrebbe significare che alcuni pazienti che assumono ivacaftor possono assumere meno antibiotici a lungo termine e rimangono comunque clinicamente stabili”.

Le persone con fibrosi cistica notano un miglioramento della funzionalità polmonare e della qualità della vita subito dopo l’assunzione di ivacaftor, ma devono ancora sopportare un notevole onere terapeutico da tutti gli altri farmaci che assumono“, ha detto l’autore principale dello studio, Freddy Frost, BMBS, un medico al Liverpool Heart & Chest Hospital. “Al momento, semplicemente non sappiamo se è sicuro interrompere alcuni di questi altri trattamenti. Il fatto che abbiamo visto una riduzione delle infezioni in questo studio, suggerisce che ci possono essere alcune persone che possono tranquillamente sospendere i farmaci mirati verso tali infezioni”.

Vedi anche, Il miele di Manuka potrebbe essere utile nel trattamento dell’ infezione polmonare da fibrosi cistica.

Usando i dati di un registro CF nel Regno Unito, gli autori hanno confrontato i pazienti con FC (di età pari o superiore a 6 anni) che hanno assunto ivacaftor con quei pazienti FC che non hanno assunto il farmaco per un periodo di tre anni.

Lo studio ha rilevato che ivacaftor era associato a una riduzione del 32% del numero di persone infette da P. aeruginosa e una riduzione del 15% del numero di persone affette da Staphylococcus aureus. Queste riduzioni derivavano sia da una maggiore clearance dell’infezione in quelle persone già infette che da una riduzione dell’acquisizione in quelle persone non infette.

Gli autori hanno affermato che nelle persone che iniziano ad assumere ivacaftor e altri farmaci che correggono i difetti del gene CF sin dalla tenera età, la possibilità di prevenire queste infezioni è particolarmente elevata. “Se questi farmaci vengono assunti prima che inizi l’infezione cronica, il rischio di sviluppare infezioni in futuro potrebbe ridursi considerevolmente”, ha detto il Dott. Frost.

In Dr. Frost ha detto che lo studio si aggiunge alla crescente evidenza dei benefici a lungo termine di ivacaftor. “Tuttavia”, ha aggiunto il ricercatore, “saranno necessari studi randomizzati e controllati per sapere se è sicuro ridurre il carico complessivo del trattamento della FC diminuendo l’uso di antibiotici nei pazienti che assumono ivacaftor o altri farmaci che colpiscono i difetti nel gene CF”.

Fonte, Eureka Alert


Altri articoli su Fibrosi cistica