HomeSalutePolmoniIpertensione polmonare: nuove speranze da Tyvaso

Ipertensione polmonare: nuove speranze da Tyvaso

“Ipertensione polmonare: un farmaco somministrato per via inalatoria potrebbe rendere l’attività fisica quotidiana un po’ più facile per i pazienti con gravi cicatrici ai polmoni”, rileva un nuovo studio clinico.

Lo studio, pubblicato online il 13 gennaio sul New England Journal of Medicine, ha coinvolto pazienti con ipertensione polmonare causata da malattia polmonare interstiziale (ILD).

ILD è un termine ampio per indicare la cicatrizzazione progressiva del tessuto che circonda le sacche d’aria e i vasi sanguigni dei polmoni. Può avere una serie di cause, dal fumo all’esposizione professionale a tossine come l’amianto, nonché a malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide. A volte, nessuna causa può essere trovata.

- Advertisement -

Una potenziale e grave complicanza di quella cicatrizzazione è l’ipertensione polmonare, in cui i vasi che forniscono sangue ai polmoni diventano duri e stretti.

Una volta che si manifesta l’ipertensione polmonare, i pazienti possono diventare così a corto di fiato che hanno difficoltà a camminare e spesso hanno bisogno di usare ossigeno supplementare. La complicazione può anche compromettere la durata della vita. 

“Al momento, nessun farmaco è stato approvato specificamente per l’ipertensione polmonare causata da ILD”, ha affermato il Dottor Steven Nathan, ricercatore senior del nuovo studio e Direttore dell’Advanced Lung Disease and Lung Transplant Program presso Inova Fairfax Hospital di Falls Church, in Virginia.

Esistono, tuttavia, farmaci per un’altra forma di ipertensione polmonare, nota come ipertensione arteriosa polmonare. Questi farmaci sono vasodilatatori, il che significa che aiutano i vasi sanguigni nei polmoni a rilassarsi e ad allargarsi. E il team di Nathan ha scoperto che uno di questi farmaci, un farmaco somministrato per inalazione chiamato Tyvaso (treprostinil), migliora la capacità di esercizio dei pazienti con ILD.

- Advertisement -

Per oltre 16 settimane, i pazienti assegnati in modo casuale all’uso del farmaco sono stati in grado di migliorare le loro prestazioni su una camminata di sei minuti sul tapis roulant. Oltre a ciò, la loro malattia polmonare è rimasta più stabile. Circa il 23% ha mostrato un peggioramento, rispetto al 33% dei pazienti assegnati in modo casuale ad assumere un placebo (una soluzione inattiva per inalazione).

Secondo Nathan, lo studio è il primo a mostrare “in modo inequivocabile” i benefici dei farmaci vasodilatatori per i pazienti con ipertensione polmonare causata da ILD.

Vedi anche:Ricercatori della Johns Hopkins svelano le radici biologiche dell’ipertensione polmonare

Il periodo di studio è stato breve (16 settimane) e non è chiaro quali sarebbero gli effetti a lungo termine della terapia, incluso se il farmaco può aiutare a prolungare la vita dei pazienti. “Ma gli attuali farmaci per l’ipertensione arteriosa polmonare sono stati approvati sulla base di studi ancora più brevi”, ha sottolineato Nathan che ha riferito che le nuove scoperte dovrebbero essere sufficienti per la Food and Drug Administration degli Stati Uniti per approvare Tyvaso per i pazienti affetti da ILD. “Queste sono prove sufficienti per me per prescrive Tyvaso ai miei pazienti”, ha aggiunto Nathan. (I medici sono autorizzati a prescrivere farmaci approvati dalla FDA per usi non approvati quando ritengono che sia appropriato dal punto di vista medico).

Il Dottor Albert Rizzo, Direttore medico dell’American Lung Association, ha descritto i risultati come incoraggianti. “Questi pazienti sono molto indeboliti”, ha detto, “ed è importante anche un piccolo miglioramento nell’attività fisica. In particolare è impportante camminare per questi pazienti perché camminare è una parte fondamentale della gestione della malattia polmonare. Vogliamo che i pazienti rimangano attivi”, ha detto Rizzo, “e camminare è il miglior esercizio per loro”.

Lo studio, finanziato dal produttore di Tyvaso United Therapeutics, ha coinvolto 326 pazienti. La metà è stata assegnata in modo casuale a utilizzare il farmaco inalatore ogni giorno per 16 settimane; l’altra metà ha ricevuto un placebo dall’aspetto identico.

Durante quel periodo, i pazienti che assumevano il farmaco hanno migliorato la loro distanza percorribile durante i test sul tapis roulant, mentre i pazienti trattati con placebo generalmente hanno diminuito queta capacità. In media, i pazienti con Tyvaso sono riusciti ad andare più lontano di circa 30 metri.

I principali effetti collaterali sono stati tosse e irritazione alla gola derivanti dall’uso dell’inalatore.

Se Tyvaso sarà approvato per i pazienti affetti da ILD, Nathan prevede che sia un altro strumento che i medici possono utilizzare, insieme all’ossigenoterapia e alla riabilitazione polmonare (che prevede l’esercizio sotto supervisione).

Fonte:Medicalxpress

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...