HomeSaluteInfluenza: nuovo studio spiega perchè può diventare fatale

Influenza: nuovo studio spiega perchè può diventare fatale

Influenza-Immagine: Public Domain.

L’influenza è causata da un virus, ma la causa più comune di morte causata dall’inflluenza è la polmonite batterica secondaria piuttosto che il virus dell’influenza di per sé.

Non è in gran parte sconosciuto il motivo per cui le infezioni influenzali comportano un aumento del rischio di polmonite batterica. I ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia hanno ora descritto importanti scoperte che portano alle cosiddette superinfezioni, che ogni anno fanno molte vittime in tutto il mondo. 

- Advertisement -

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista PNASProceedings of the National Academy of Sciences e può anche contribuire alla ricerca su COVID-19.

L’influenza spagnola è stata una pandemia influenzale che ha colpito il mondo nel 1918-20 e, a differenza di molte altre pandemie, ha colpito in modo sproporzionato giovani adulti altrimenti sani. Una ragione importante di ciò erano le cosiddette superinfezioni causate da batteri, in particolare gli pneumococchi.

L’influenza è causata da un virus, ma la causa più comune di morte da influenza fatale è la polmonite batterica secondaria piuttosto che il virus dell’influenza di per sé. Le infezioni da pneumococco sono la causa più comune di polmonite acquisita in comunità e una delle principali cause di morte a livello mondiale. Una precedente infezione da virus dell’influenza sensibilizza alle infezioni da pneumococco, ma i meccanismi alla base di questa maggiore suscettibilità non sono completamente compresi. I ricercatori del Karolinska Institutet hanno ora identificato i cambiamenti indotti dall’influenza nelle vie aeree inferiori che influenzano la crescita degli pneumococchi nei polmoni.

Utilizzando un modello animale, i ricercatori hanno scoperto che diversi nutrienti e antiossidanti, come la vitamina C e altre sostanze normalmente protettive cellulari fuoriescono dal sangue, creando così un ambiente nei polmoni che favorisce la crescita dei batteri. I batteri si adattano all’ambiente infiammatorio aumentando la produzione dell’enzima batterico HtrA.

- Advertisement -

La presenza di HtrA indebolisce il sistema immunitario e promuove la crescita batterica nelle vie aeree infettate dall’influenza. La mancanza di HtrA arresta la crescita batterica.

Vedi anche:Cosa succederà quando COVID-19 e l’influenza si scontreranno questo autunno?

“La capacità dello pneumococco di crescere nelle vie aeree inferiori durante un’infezione influenzale sembra dipendere dall’ambiente ricco di sostanze nutritive con i suoi livelli più elevati di antiossidanti che si verificano durante un’infezione virale, nonché dalla capacità dei batteri di adattarsi all’ambiente e proteggersi dall’eradicazione del sistema immunitario “, afferma il ricercatore principale Birgitta Henriques Normark, Professore presso il Dipartimento di Microbiologia, Tumori e Biologia Cellulare, Karolinska Institutet.

I risultati dello studio forniscono preziose informazioni su come i batteri si integrano con il loro ambiente nei polmoni e potrebbero essere utilizzati per trovare nuove terapie per le doppie infezioni tra il virus dell’influenza e i batteri pneumococcici.

HtrA è un enzima, una proteasi, che aiuta a indebolire il sistema immunitario e consente ai batteri pneumococcici di penetrare nello strato cellulare protettivo all’interno delle vie aeree“, spiega la prima autrice del documento Vicky Sender, ricercatrice dello stesso dipartimento. “Una possibile strategia può quindi essere l’uso di inibitori della proteasi per prevenire la crescita pneumococcica nei polmoni“.

Non è ancora noto se i pazienti COVID-19 siano anche sensibili a tali infezioni batteriche secondarie, ma i ricercatori ritengono che meccanismi simili potrebbero potenzialmente essere trovati in pazienti COVID-19 gravemente malati.

È probabile che l’infiammazione polmonare acuta, indipendentemente dalla causa, dia luogo a perdite di nutrienti e antiossidanti e a un ambiente che favorisce la crescita batterica”, afferma il Professor Henriques Normark.

Fonte:Karolinska Institutet

ULTIMI ARTICOLI

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...