Home Medicina Alternativa Dalla cannabis estratti che proteggono da COVID 19

Dalla cannabis estratti che proteggono da COVID 19

Cannabis-Immagine: Public Domain.

Nuovi estratti dalla cannabis sativa possono ridurre i livelli del recettore della cellula ospite che il coronavirus SARS-CoV-2 utilizza per ottenere l’ingresso virale nei tessuti bersaglio.

SARS-CoV-2 è l’agente responsabile dell’attuale pandemia COVID-19 che continua a travolgere il globo minacciando la salute pubblica e l’economia mondiale.

- Advertisement -

Il team – dell’Università di Lethbridge e Pathway Rx Inc., Lethbridge – ha sviluppato centinaia di nuove coltivazioni di C. sativa e testato 23 estratti in modelli umani 3D artificiali dei tessuti orali, delle vie aeree e intestinali.

Come recentemente riportato nella rivista Aging, 13 degli estratti hanno sottoregolato l’espressione dell’enzima 2 di conversione dell’angiotensina (ACE2) del recettore della cellula ospite SARS-CoV-2.

“La sottoregolazione osservata dell’espressione genica di ACE2 da parte di diversi estratti testati di nuove cultivar di C. sativa è una scoperta nuova e cruciale”, affermano i ricercatori.

“Mentre i nostri estratti più efficaci richiedono un’ulteriore convalida su larga scala, il nostro studio è importante per le analisi future degli effetti della cannabis medica su COVID-19”, scrivono Olga Kovalchuk e colleghi.

- Advertisement -

Il recettore ACE2 che SARS-CoV-2 e altri coronavirus utilizzano per accedere alle cellule ospiti è espresso in una serie di tessuti, inclusi polmone, mucosa nasale, reni e tratto gastrointestinale.

Uno studio recente ha riportato alti livelli di espressione di ACE2 nei tessuti epiteliali orali e ha suggerito che la cavità orale potrebbe essere un obiettivo importante per le strategie di prevenzione.

Numerosi studi hanno anche riportato alti livelli di espressione di ACE2 nel tratto respiratorio inferiore di pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). Questo gruppo di pazienti è associato a una maggiore suscettibilità a COVID-19 e a malattie più gravi.

“La sotto-regolazione dei livelli di ACE2 nei tessuti gateway può quindi essere una strategia plausibile per diminuire la suscettibilità alla malattia”, hanno detto Kovalchuk e colleghi.

Da dove viene la Cannabis sativa ?

La C. sativa, in particolare le cultivar ricche di cannabidiolo (CBD), hanno già dimostrato di alterare l’espressione genica e di possedere proprietà antinfiammatorie e antitumorali.

“Tuttavia, gli effetti di C. sativa sull’espressione di ACE2 non sono noti”, afferma il team.

Lavorando con una licenza di ricerca della Health Canada, i ricercatori hanno sviluppato più di 800 nuove cultivar ed estratti di C. sativa. Hanno quindi utilizzato modelli umani 3D artificiali per verificare se 23 degli estratti ad alto contenuto di CBD avrebbero alterato l’espressione di ACE2 nei tessuti COVID-19 bersaglio.

Dato che l’infiammazione è una componente significativa della malattia virale, i ricercatori hanno anche esaminato l’effetto degli estratti sull’espressione di ACE2 in modelli di tessuto 3D stimolati dall’infiammazione.

Utilizzando modelli umani 3D artificiali di tessuti orali, delle vie aeree e intestinali, i ricercatori hanno identificato 13 estratti di C. sativa ad alto contenuto di CBD che hanno ridotto significativamente l’espressione di ACE2.

Vedi anche:La cannabis medica può ridurre gli effetti collaterali della chemioterapia

Gli effetti sui tessuti non stimolati dall’infiammazione

In un modello di tessuti delle vie aeree che non erano stati stimolati dall’infiammazione, l’analisi Western blot ha identificato sei estratti che sottoregolavano significativamente l’espressione di ACE2 e due estratti che ne sovraregolavano leggermente l’espressione.

In un modello di tessuto orale non stimolato, due estratti hanno sottoregolato l’espressione di ACE2, mentre altri tre estratti hanno sovraregolato la sua espressione.

Gli effetti sui tessuti stimolati dall’infiammazione

Successivamente, il team ha esaminato un modello di tessuto orale che era stato stimolato dal trattamento con le citochine infiammatorie fattore di necrosi tumorale-α (TNF-α) e interferone-γ (IFNγ).

L’analisi mediante sequenziamento dell’RNA ha mostrato che TNFα e IFNγ avevano livelli di mRNA sovraregolati di ACE2 nel tessuto orale. Tuttavia, tutti gli estratti di C. sativa tranne uno hanno sottoregolato l’espressione di questo livello di mRNA ACE2 alterato.

Inoltre, in un modello di tessuti intestinali 3D stimolati dall’infiammazione, due estratti hanno ridotto significativamente i livelli di mRNA di ACE2 e in un modello di tessuti delle vie aeree stimolati, tutti gli estratti hanno attenuato l’espressione di ACE2 indotta da TNFα e IFNγ.

Utilizzando modelli umani 3D artificiali di tessuti orali, delle vie aeree e intestinali, abbiamo identificato 13 estratti di C. sativa ad alto contenuto di CBD che riducono i livelli di proteina ACE2“, scrive il team.

Quali sono le implicazioni dello studio?

I ricercatori affermano che i risultati dello studio forniscono una base per ulteriori analisi degli effetti che C. sativa può avere sulla patogenesi di COVID-19 e di altre malattie virali in cui il recettore ACE2 viene utilizzato come gateway molecolare.

“Se questi risultati saranno ulteriormente confermati, questi estratti di cannabis ad alto contenuto di CBD possono essere utilizzati per sviluppare strategie di prevenzione dirette ad abbassare i livelli di ACE2 nei tessuti gateway ad alto rischio“, scrivono gli autori.

“Gli estratti delle nostre nuove linee di C. sativa ad alto contenuto di CBD di maggior successo, in attesa di ulteriori indagini, possono diventare un’aggiunta utile e sicura alla prevenzione e al trattamento di COVID-19 come terapia aggiuntiva”, conclude il team.

Fonte: Aging 

ULTIMI ARTICOLI

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...

Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

(Zenzero-Immagine Credit Public Domain). Lo zenzero è noto per avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti che lo rendono un popolare rimedio naturale per il trattamento delle...

COVID 19: un vaccino italianio da biotech ReiThera

"L'Italia ha investito nella società locale di biotecnologie ReiThera per sostenere lo sviluppo del suo vaccino COVID-19", ha detto un alto funzionario martedì dopo...