Individuato un metodo migliore per il trattamento del cancro del pancreas

cancro del pancreas

Immagine: queste sono cellule tumorali pancreatiche colorate con coloranti fluorescenti, vive/ morei, con cellule vive in verde e morte in rosso. Nella foto ci sono anche le cellule di controllo (in alto a sinistra), le cellule congelate (in alto a destra), le cellule riscaldate (in basso a sinistra) e le cellule trattate con DTA (in basso a destra).  Credit: Kenneth W Baumann.

Un processo di riscaldamento e congelamento noto come ablazione termica doppia può uccidere le cellule del cancro del pancreas, secondo una nuova ricerca della Binghamton University, State University di New York.

Lo studio collaborativo, condotto da ricercatori del mondo accademico e industriale e finanziato con sovvenzioni dal National Cancer Institute, ha utilizzato cellule di cancro del pancreas per studiare l’effetto del riscaldamento e del congelamento sulla morte cellulare. La ricerca è stata condotta da Robert Van Buskirk e John Baust, Professori di scienze biologiche e Direttori presso l’Institute of Biomedical Technology della Binghamton University e Kenneth Baumann, uno studente laureato in biologia.

“Come risolviamo il problema del cancro del pancreas quando la chemio e le radiazioni semplicemente non funzionano?” dice Van Buskirk.

La domanda di base è se congelamento e calore in combinazione sono più efficaci del congelamento o del calore da soli. Se si congelano le cellule tumorali del pancreas come si fa nella crioablazione, molte di esse muoiono, ma alcune sopravvivono e si rigenerano. moriranno, ma di nuovo qualcuna tornerà, ma con l’ablazione a doppia termica, per ragioni che ancora non comprendiamo, moriranno più cellule tumorali e non torneranno, anzi, nel tempo, le cellule che sopravvivono all’insulto iniziale continueranno a morire “, aggiungre il ricercatore.

( Vedi anche:La nanomedicina inibisce nei topi la progressione del cancro del pancreas).

Quello che abbiamo osservato è che siamo in grado di raggiungere la morte cellulare completa utilizzando una combinazione di riscaldamento e quindi di congelamento a temperature che da sole non sarebbero letali per uccidere le cellule del cancro del pancreas“, ha detto Baumann.

I ricercatori hanno riscaldato e congelato le cellule tumorali e hanno esaminato l’effetto, utilizzando varie tecnologie per determinare il livello di morte cellulare, la ricrescita e quali percorsi di stress cellulare sono stati attivati.

“Utilizzando una varietà di saggi, siamo in grado di determinare il livello iniziale di morte cellulare e in quale misura la popolazione sopravvissuta è in grado di ricrescere”, ha detto Baumann. “Siamo anche stati in grado di determinare i percorsi specifici di morte cellulare attivati ​​a seguito della doppia esposizione termica.”

“Quando le cellule sono disturbate – il che significa che sono congelate o sottoposte a calore – vengono attivati ​​vari percorsi di stress cellulare“, ha detto Van Buskirk. “La cosa interessante delle cellule, in particolare delle cellule tumorali, è che esse attivano i percorsi per proteggersi. L’obiettivo di questa linea di ricerca a base molecolare è scoprire quali percorsi di stress sono attivati ​​nelle cellule di cancro del pancreas in modo che possiamo capire meglio perché l’ablazione a doppia termica sembra essere più efficace”.

“Gli studi attuali sono focalizzati sul chiarimento dei percorsi di stress che causano la morte di queste cellule o su ciò che le mantiene in vita, in modo da ottimizzare questo trattamento per renderlo il più efficace possibile contro il cancro del pancreas”, ha detto Baumann.

Secondo Van Buskirk, la modulazione di questi percorsi di stress è la chiave per rendere più efficace il processo di ablazione di riscaldamento e congelamento. Ciò potrebbe portare allo sviluppo di un nuovo modo di rimuovere i tumori del pancreas.

Oltre alla ricerca molecolare cellulare, diversi membri del gruppo di studio stanno lavorando allo sviluppo di nuove tecnologie per catetere, per fornire questa terapia ablativa ai pazienti. “Se un catetere molto sottile può essere sviluppato per colpire il tumore e se comprendiamo come il cancro del pancreas risponde all’ablazione a livello molecolare, allora potremmo essere in grado di sviluppare una nuova terapia per approcciare qualcosa che è stato completamente inavvicinabile, il tumore in un posto molto difficile: il pancreas “, ha detto Van Buskirk.

Fonte: Oatext

Altri articoli su cancro del pancreas