La nanomedicina inibisce nei topi la progressione del cancro del pancreas

cancro del pancreas

Un nuovo studio dell’Università di Tel Aviv ha individuato la correlazione inversa tra un oncogene noto – un gene che promuove lo sviluppo del cancro – e l’espressione di un microRNA oncosoppressore come la ragione della prolungata sopravvivenza del cancro del pancreas.

Lo studio può servire come base per lo sviluppo di un cocktail efficace di farmaci per questa malattia mortale e anche per altri tumori.

Lo studio, pubblicato su Nature Communications, è stato diretto dal Prof. Ronit Satchi-Fainaro, Presidente del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia presso la Facoltà di Medicina Sackler della TAU e condotto da Hadas Gibori e dal Dr. Shay Eliyahu, entrambi Prof. presso il laboratorio multidisciplinare di Satchi-Fainaro, in collaborazione con il Prof. Eytan Ruppin del Dipartimento di Informatica della TAU e l’Università del Maryland e dal Prof. Iris Barshack eDr. Talia Golan del Centro Medico Chaim Sheba, Tel Hashomer.

Il cancro del pancreas è tra i tumori più aggressivi conosciuti oggi. La stragrande maggioranza dei pazienti con cancro del pancreas muore entro un anno dalla diagnosi. “Nonostante tutti i trattamenti offerti dalla medicina moderna, circa il 75% di tutti i pazienti con cancro del pancreas muoiono entro 12 mesi dalla diagnosi, compresi molti che muoiono entro pochi mesi”, dice il Prof. Satchi-Fainaro. “Ma circa il sette per cento delle persone diagnosticate sopravvive per più di cinque anni e abbiamo cercato di esaminare ciò che distingue i sopravvissuti dal resto dei pazienti“, continua il Prof. Satchi-Fainaro. “Abbiamo pensato che se potessimo capire perchè alcune persone vivono diversi anni con questa malattia aggressiva, potremmo sviluppare una nuova strategia terapeutica”.

( Vedi anche:Un trattamento mirato potrebbe prevenire la diffusione del cancro del pancreas).

Il team di ricerca ha esaminato le cellule del cancro del pancreas e scoperto una correlazione inversa tra le firme di miR-34a, un soppressore del tumore e PLK1, un oncogene noto.

I livelli di miR-34a erano bassi nei modelli murini di cancro del pancreas, mentre i livelli dell’oncogene erano alti. Questa correlazione aveva senso per un cancro così aggressivo ed il team aveva bisogno di capire se la stessa situazione si verificava negli umani.

Gli scienziati hanno eseguito la profilatura dell’RNA e l’analisi di campioni prelevati da pazienti affetti da cancro del pancreas. La profilatura molecolare ha rivelato lo stesso pattern genomico trovato in precedenza nei modelli murini di cancro del pancreas.

Gli scienziati hanno quindi ideato una nuova nanoparticella che distribuisce selettivamente materiale genetico a un tumore e previene gli effetti collaterali nei tessuti sani circostanti.

“Abbiamo progettato un nanocarrier per trasportare due passeggeri: (1) miR-34a, che degrada centinaia di oncogeni e (2) un piccolo RNA interferente PLK1 (siRNA), che silenzia un singolo gene”, dice il Prof. Satchi-Fainaro. “Questi sono stati consegnati direttamente al sito del tumore per modificare la firma molecolare delle cellule tumorali, rendendo il tumore dormiente o estirpandolo del tutto. La nanoparticella è come un taxi che trasporta due passeggeri importanti”, continua il Prof. Satchi-Fainaro. “Molti protocolli oncologici sono cocktail, ma i farmaci di solito non raggiungono il tumore allo stesso tempo, mentre il nostro ‘taxi’ ha tenuto i ‘passeggeri’ – e il resto del corpo – al sicuro per tutto il percorso, prendendo di mira solo il tumore. Una volta “parcheggiato”, un enzima presente nel cancro del pancreas ha indotto il carrier a biodegradarsi, permettendo al carico terapeutico di essere rilasciato all’indirizzo corretto – le cellule tumorali “.

Migliorare le probabilità

Per convalidare le loro scoperte, gli scienziati hanno iniettato le nuove nanoparticelle in topi portatori di tumore pancreatico e hanno osservato che bilanciando questi due obiettivi – portandoli a un livello normale aumentando la loro espressione o bloccando il gene responsabile della loro espressione – hanno significativamente prolungato la sopravvivenza dei topi.

“Questo trattamento prende in considerazione l’intero schema genomico e dimostra che l’influenza su un singolo gene non è sufficiente per il trattamento del cancro del pancreas o di qualsiasi tipo di cancro in generale“, secondo il Prof. Satchi-Fainaro.

Fonte: Tel Aviv University

Altri articoli su cancro del pancreas