Individuato nuovo obiettivo terapeutico per il reflusso acido

reflusso acido

Il reflusso acido e il bruciore di stomaco colpiscono oltre il 20 per cento della popolazione degli Stati Uniti, ma i farmaci comuni utilizzati per trattare la condizione non sono efficaci per una grande porzione di persone.

In un nuovo studio, i ricercatori dell’Università del Michigan hanno identificato un percorso nelle cellule del rivestimento dello stomaco che potrebbe essere un bersaglio promettente per lo sviluppo di nuovi farmaci per trattare la malattia.

Quando si assume cibo, l’istamina, che regola la funzione nell’intestino, si lega ad un recettore sulle cellule epiteliali-o cellule che rivestono l’interno dello stomaco. Quando l’istamina entra in azione, una proteina chiamata TRPML1 innesca il percorso del calcio.

( Vedi anche:Uso a lungo termine di antiacidi per lo stomaco, legato a carenza di vitamina B12).

“Il percorso del calcio avvia il movimento un’altra proteina, una pompa protonica”, ha spiegato il ricercatore Haoxing Xu,  Professore di biologia molecolare, cellulare e dello sviluppo. ” Quando la pompa protonica è attivata, secerne acido nello stomaco che scompone il cibo in componenti digeribili”.

Se questo percorso del calcio non funziona correttamente, può produrre poco acido e la carenza di acido porta ad atrofia dello stomaco e, potenzialmente, a lungo termine, al cancro allo stomaco. Quando il percorso tuttavia, produce troppo acido, porta al reflusso acido.

Precedenti generazioni di farmaci per il trattamento del reflusso acido sono indirizzati al recettore dell’istamina o alla pompa protonica. I farmaci antiacido che colpiscono l’istamina spengono il messaggio della pompa protonica che serve per liberare l’acido. Gli antiacidi che colpiscono la pompa protonica bloccano la produzione di acido dalla pompa stessa.

Ma questi farmaci non funzionano nel 20 per cento della popolazione con malattia da reflusso acido, secondo la Fondazione internazionale per i disordini funzionali gastrointestinali. Per queste persone, il team di Xu ha individuato nella proteina TRPML1 un nuovo bersaglio farmacologico.

Per verificare se la proteina è fondamentale per indurre la pompa protonica a produrre acido, il team di Xu ha esaminato il percorso in diversi modi. In primo luogo, ha usato un topo con il percorso della pompa protonica geneticamente eliminato e il topo non ha prodotto acido. In secondo luogo, ha usato uno screening ad alto rendimento per trovare piccole molecole in grado di inibire i canali del calcio.

L’attivazione dei canali del calcio con queste piccole molecole ha portato ad un aumento della produzione di acido nello stomaco, mentre l’inibizione ha bloccato la produzione di acido. Ciò dimostra, secondo Xu, che la proteina TRPML1 interferisce con la produzione di acido nello stomaco.

Fonte: Cell

 


Altri articoli su reflusso acido