Individuato nuovo obiettivo per ridurre la fibrosi epatica nella steatosi epatica alcolica

steatosi epatica

Immagine: l’up-regulation del miR-34a contribuisce alla fibrosi epatica nella steatosi epatica alcolica aumentando la senescenza degli epatociti e diminuendo la senescenza delle cellule stellate epatiche (HSC). Credito: Ying Wan.

L’invecchiamento delle cellule epatiche causato da microRNA-34a può essere inibito, riducendo la fibrosi epatica nella steatosi epatica, secondo una nuova relazione pubblicata nel The American Journal of Pathology.

Nel 2015, quasi la metà di 80.000 morti dovute a malattie epatiche negli Stati Uniti erano legate alla steatosi epatica alcolica (ALD), secondo l’Istituto Nazionale per l’abuso di alcol e l’alcoolismo. Il consumo cronico di alcol causa l’accumulo di grassi anormali nelle cellule epatiche (steatosi) e la fibrosi epatica, che possono portare ad epatite, cirrosi e talvolta cancro al fegato. Il nuovo studio offre intuizioni sull’ invecchiamento cellulare che può scatenare la formazione di fibrosi eccessiva nel fegato e può portare allo sviluppo di nuovi possibili approcci terapeutici per inibire questi cambiamenti in ALD.

( Vedi anche:Identificate le cellule infiammatorie coinvolte nella steatosi epatica non alcolica).

“Crediamo che le cellule senescenti contribuiscano alla degenerazione dei tessuti legata all’età durante le lesioni croniche del fegato”, ha spiegato il co-autore Fanyin Meng, Dottore di Ricerca, Professore Associato Internal Medicine at Baylor Scott & White Digestive Disease Research Center (BSWDDRC), Texas A&M College of Medicine and Central Texas Veterans Health Care System, Temple, TX.  “La senescenza cellulare indica uno stato di arresto del ciclo cellulare irreversibile combinato con la secrezione di citochine proinfiammatorie e disfunzione epatocellulare. Il nostro studio dimostra che i conducenti dell’invecchiamento sono mediatori critici della steatosi epatica alcolica”.

I ricercatori hanno studiato il tessuto epatico da pazienti con steatoepatite, che erano bevitori alcolici pesanti e da topi alimentati con etanolo, per identificare marcatori biochimici di senescenza cellulare. I loro risultati mostrano che l’up-regulation del microRNA-34a (miR-34a) durante il consumo di alcol, contribuisce allo sviluppo della fibrosi epatica nell’epatite alcolica. Gli effetti produttori di fibrosi di miR-34a sono correlati a differenti segnalazioni di invecchiamento in due diversi tipi di cellule epatiche. In particolare, negli epatociti, le cellule epatiche primarie che costituiscono il 70% –  85% della massa del fegato e svolgono le funzioni di base del fegato, la senescenza è aumentata. Al contrario, la senescenza è diminuita in cellule stellate epatiche attivate (HSCs), le cellule di supporto che, innescate dall’ alcool, iniziano a produrre un materiale fibroso eccessivo.

Questa ricerca dimostra anche che l’inibizione dell’espressione epatica miR-34a riduce la lesione epatica e la fibrosi epatica in ALD.

“La comprensione dei meccanismi che sottendono all’attivazione e alla regressione HSC è diventata un’ area di maggiore interesse e i nostri risultati contribuiscono a favorire la comprensione della complessità di questo fenomeno”, ha osservato il Dr. Meng.

Su una scala più ampia, lo studio ha identificato un nuovo percorso attraverso il quale sono regolate l’attivazione e la regressione delle HSC, che potrebbe essere potenzialmente applicato ad altre malattie epatiche associate all’invecchiamento.

“Il target dei piloti dell’invecchiamento e delle cellule senescenti può essere una nuova strategia terapeutica per ridurre la steatosi epatica e la fibrosi epatica nei pazienti affetti da epatite alcolica”, ha commentato il coautore Gianfranco Alpini, Dottore distrettuale nel Dipartimento di Fisiologia Medica presso il Texas A & M College of Medicine, Senior Research Scientist del Central Texas Veterans Health Care System e Direttore del BSW DDRC.

Inoltre, il co-autore Heather Francis, Dottore di ricerca, Professore associato di Fisiologia Medica presso il Texas A & M College of Medicine e membro del BSWDDRC, ha dichiarato:  “Il target miR-34a può anche essere la chiave per la gestione della fibrosi epatica in altre colangiopatie come la colangite sclerosante primitiva e colangite biliare primaria. Il nostro studio apre la porta alla possibilità di sfruttare i geni legati all’età nello sviluppo di future terapie”.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su steatosi epatica