HomeSaluteFegatoIdentificate le cellule infiammatorie coinvolte nella steatosi epatica non alcolica

Identificate le cellule infiammatorie coinvolte nella steatosi epatica non alcolica

Un team di ricercatori guidato da Rohit Kohli del Children’s Hospital di Los Angeles, ha identificato le cellule infiammatorie chiave coinvolte nella steatosi epatica non alcolica. Attualmente nessun farmaco è stato approvato per il suo trattamento.

I risultati di questo studio forniscono un potenziale bersaglio terapeutico e offrono la possibilità di sviluppare nuovi trattamenti.

Lo studio è stato pubblicato il 16 maggio 2017 dalla rivista Hepatology Communications .

- Advertisement -

“L’aumento dei casi di obesità ha portato ad un’epidemia di malattia del fegato grasso nei bambini e negli adulti”, ha detto Kohli, capo della divisione di Gastroenterologia, Epatologia e Nutrizione presso CHLA. “Tuttavia, solo un numero minore di questi individui svilupperà la forma più grave di questa malattia nota come steatoepatite non alcolica o NASH, caratterizzata da infiammazione epatica e danni causati da depositi di grasso in eccesso nel fegato. Anche se la causa esatta della malattia è ancora oggetto di indagine, poichè si sviluppa nelle persone obese, potrebbe essere anche associata al diabete di tipo 2, colesterolo alto o altre anomalie metaboliche”.

( Vedi anche:Individuato un nuovo percorso per il trattamento della steatosi epatica non alcolica).

I ricercatori hanno condotto una serie di esperimenti per determinare come la dieta contribuisce all’ infiammazione nel fegato che progredisce ulteriormente in NASH. Indagando le cellule immunitarie coinvolte nel processo infiammatorio del tessuto adiposo nei pazienti con insulino-resistenza, i ricercatori hanno cercato di determinare il ruolo che le cellule Natural Killer T (NKT) e cellule CD8 T svolgono nello sviluppo della malattia.

I topi utilizzati per la sperimentazione sono stati alimentati con una dieta ricca di grassi e ad alto contenuto di carboidrati (HFHC), mentre gli animali di controllo sono stati alimentati con una dieta tradizionale per topi. Dopo 16 settimane, i topi nutriti con la dieta HFHC hanno mostrato un aumento dell’infiammazione. Specificamente, hanno mostrato l’infiltrazione di cellule NKT e CD8 T- nel fegato, rispetto al gruppo di controllo.

- Advertisement -

In un esperimento separato, i topi sono stati trattati con un anticorpo che ha come bersaglio le cellule T CD8. Dopo il trattamento gli animali sono diventati obesi, tuttavia, sono stati protetti dalla steatosi epatica non  alcolica. Questi animali avevano anche un minor numero di macrofagi nel fegato così come meno fibrosi.

Per dimostrare la rilevanza di questi risultati negli esseri umani, i ricercatori hanno analizzato biopsie epatiche di pazienti con NASH e hanno trovato l’infiltrazione di cellule CD8 T nel fegato. Anche se l’infiltrazione di cellule NKT non è stata osservata, i ricercatori ipotizzano che i cambiamenti in questa popolazione di cellule potrebbero essere transitori.

“I nostri risultati aiuteranno a focalizzare l’attenzione su alcuni tipi di cellule infiammatorie che sembrano essere fondamentali per lo sviluppo di gravi malattie del fegato e ci avvicinano allo sviluppo di un nuovo trattamento”, ha detto Kohli, Prof. Associato di pediatria presso la Keck School of Medicine della USC.

Fonte: Hepatology Communication

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...