Nuova classe di farmaci immunoterapici offre la speranza per il futuro trattamento del cancro

cancro

Immagine, Credit: CC0 Public Domain.

Un articolo pubblicato oggi da 44 scienziati sulla rivista scientifica Nature, riporta la scoperta di una potenziale nuova classe di farmaci immunoterapici per trattare alcuni dei tipi di cancro più comuni. 

Lo studio mostra come funzionano queste molecole e cosa potrebbero significare per il futuro del trattamento del cancro.

Usare il sistema immunitario per combattere il cancro

Il sistema immunitario è una complessa rete di cellule che lavorano insieme per prevenire infezioni e malattie. Le cellule che costituiscono il sistema immunitario possono rilevare migliaia di trigger, dai virus ai parassiti, noti come agenti patogeni. È importante sottolineare che le cellule immunitarie possono distinguere tra le cellule del corpo e il materiale estraneo. Una volta che le cellule immunitarie si bloccano sul bersaglio, perfezionano una risposta per distruggere l’agente patogeno invasore.

È una rete potente e gli scienziati hanno esaminato nuovi modi di utilizzare il sistema immunitario per combattere il cancro e per rispondere alla domanda: possiamo addestrare il sistema immunitario a identificare le cellule tumorali come bersaglio e segnalarle per la distruzione?

Una delle proteine ​​che ha suscitato l’interesse degli scienziati è chiamata STING. Quando è attiva il corpo rilascia un sottogruppo di cellule T in grado di riconoscere e distruggere le cellule tumorali. Ma può essere attivata?

Nel documento pubblicato oggi, gli scienziati descrivono il loro lavoro per trovare nuove molecole per attivare STING.

Vedi anche Trovati nuovi bersagli farmacologici in due tipi di cancro rari.

Joshi Ramanjulu, Direttore senior della chimica farmaceutica e autore principale dello studio, afferma: “Trovare una molecola che corrisponda alla proteina che stai cercando è un processo difficile. Abbiamo studiato STING per un certo numero di anni per saperne di più su come funziona e su cosa causa nella cellula, attraverso lo screening di più molecole. Abbiamo trovato una famiglia di molecole che mostravano attività promettenti e, modificare le loro proprietà, le ha rese un attivatore più efficiente della proteina STING“.

Queste molecole sono le prime del loro genere e funzionano in modo diverso rispetto ad altri attivatori di STING che sono in fase di sviluppo.

Joshi spiega: “Uno dei potenziali vantaggi di queste nuove molecole è che possono essere somministrate mediante iniezione anziché direttamente in un tumore perchè possono potenzialmente raggiungere tumori solidi inaccessibili e gruppi di cellule tumorali che si sono staccati dal tumore principale, ampliando le opzioni di trattamento per i pazienti. Abbiamo anche visto in modelli murini di cancro che le nuove molecole attivano la memoria del sistema immunitario che significa che se il cancro recidiva, il sistema immunitario è pronto ad attaccarlo senza il bisogno di ulteriori trattamenti “.

Sbloccare il potenziale di STING

Gli scienziati sono entusiasti del potenziale di queste nuove molecole, ma riconoscono che questa è la ricerca iniziale e sono necessari molti anni prima che possa diventare un trattamento approvato. Le molecole in questo documento non sono state ancora testate nei pazienti e non sono approvate per l’uso da alcuna autorità di regolamentazione.

“Continueremo a studiare gli attivatori di STING come potenziali trattamenti contro il cancro e il passo successivo sarà quello di passare agli studi sulla sicurezza umana delle molecole che prevediamo possano iniziare nel 2019. La biologia di STING è davvero interessante, quindi siamo anche noi interessati ad esplorare gli effetti del passaggio di STING come un modo per aumentare la risposta ai vaccini e come il passaggio da STING potrebbe essere una potenziale via di trattamento per alcune malattie autoimmuni come il lupus “, ha aggiunto Joshi.

Fonte, Nature

Altri articoli su cancro