HomeSaluteInattività fisica causa il 7,2% di decessi nel mondo

Inattività fisica causa il 7,2% di decessi nel mondo

(Inattività fisica-Immagine Credit Public Domain).

Gli esseri umani si sono evoluti in un ambiente di sforzo fisico e la nostra biochimica richiede uno sforzo fisico per innescare meccanismi di mantenimento cellulare e regolazione metabolica. Le popolazioni che si esercitano vigorosamente fino a tarda età, come gli Tsimane in Bolivia, mostrano livelli molto più bassi di malattie cardiovascolari.

Inoltre, l’inattivitàò fisica e uno stile di vita sedentario riduce l’aspettativa di vita e aumenta il rischio di malattia rispetto alle persone che esercitano anche la quantità moderata di attività fisica che è l’attuale livello raccomandato. I dati della curva dose-risposta per l’attività fisica suggeriscono che il livello raccomandato dovrebbe essere molto più alto. L’inattività fisica è un fattore di rischio per la mortalità prematura e diverse malattie non trasmissibili. 

- Advertisement -

Lo scopo di questo studio era di stimare l’onere globale associato all’inattività fisica e di esaminare le differenze per reddito nazionale e regionale. I rischi attribuibili alla popolazione, basati sulla prevalenza, sono stati calcolati per 168 paesi per stimare quanta malattia potrebbe essere evitata se l’inattività fisica fosse eliminata. “Abbiamo calcolato i PAR (percentuale di casi attribuibili all’inattività) per mortalità per tutte le cause, mortalità per malattie cardiovascolari e malattie non trasmissibili tra cui malattie coronariche, ictus, ipertensione, diabete di tipo 2, demenza, depressione e tumori.

Vedi anche:L’attività fisica può agire come antinfiammatorio

A livello globale, rispettivamente, il 7,2% e il 7,6% dei decessi per tutte le cause e per malattie cardiovascolari sono attribuibili all’inattività fisica. Le percentuali di malattie non trasmissibili attribuibili all’inattività fisica variano dall’1,6% per l’ipertensione all’8,1% per la demenza. C’era un gradiente crescente tra i gruppi di reddito; i PAR erano più del doppio nei paesi ad alto reddito rispetto ai paesi a basso reddito. Tuttavia, il 69% dei decessi totali e il 74% dei decessi per malattie cardiovascolari associati all’inattività fisica si verificano nei paesi a reddito medio, data la dimensione nella popolazione. Sono state osservate anche differenze regionali, con i PAR che si verificano in America Latina/Caraibi e nei paesi occidentali e dell’Asia-Pacifico ad alto reddito e l’onere più basso in Oceania e nell’Asia orientale/sud orientale.

Fonte: BMJ Journal

- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

Inattività fisica causa il 7,2% di decessi nel mondo

(Inattività fisica-Immagine Credit Public Domain). Gli esseri umani si sono evoluti in un ambiente di sforzo fisico e la nostra biochimica richiede uno sforzo fisico...

Dallo spazio studi per comprendere la sarcopenia

(Sarcopenia-Immagine Credit Palo Alto Veterans Institute for Research/NASA). Man mano che le persone invecchiano, perdono gradualmente massa muscolare e forza a causa di una condizione...

SLA: scoperto il ruolo chiave di una proteina

(SLA-Immagine: le mutazioni legate alla SLA dell'optineurin (OPTN) e l'esaurimento dell'OPTN ritardano la clearance degli SG e aumentano i livelli di TDP-43 ubiquitinati aumentando...

Alzheimer: il colesterolo cerebrale regola le placche

(Alzheimer-Immagine: l'esaurimento del colesterolo negli astrociti (a destra) rimuove direttamente le placche amiloidi e la Tau fosforilata (a sinistra, ammassi arancioni) in un modello...

Angiosarcoma: durature risposte all’immunoterapia

(Angiosarcoma-Immagine Credit Public Domain). L' angiosarcoma è un raro cancro aggressivo delle cellule endoteliali con elevata mortalità. Rapporti isolati suggeriscono l'efficacia dell'inibizione del checkpoint immunitario nell'angiosarcoma, ma...