HomeSalutePellePsoriasi: una proteina aiuta a combattere l'infiammazione

Psoriasi: una proteina aiuta a combattere l’infiammazione

(Psoriasi-Immagine Credit Public Domain).

I risultati di uno studio della facoltà di Medicina dell’Università del Michigan rivelano che prendere di mira una proteina presente nella pelle può ridurre la gravità della psoriasi.

Gli interferoni svolgono un ruolo importante nell’attivare la risposta dell’organismo alle minacce virali, ma sono stati rilevati anche nelle lesioni di molti pazienti affetti da psoriasi a livelli anormali. La psoriasi è una malattia autoimmune che causa una sovrapproduzione di cellule della pelle e colpisce quasi 30 milioni di persone nel mondo.

- Advertisement -

Utilizzando un modello che imita la psoriasi nei topi, i ricercatori hanno scoperto che la modifica dei livelli di interferone kappa, una proteina prodotta dalle cellule della pelle, alterava la gravità dell’infiammazione e la produzione di molecole di segnalazione cellulare, chiamate citochine, che inducono l’infiammazione caratteristica della psoriasi. I ricercatori hanno trovato più infiammazione simile alla psoriasi quando era presente più interferone kappa, mentre la diminuzione dei livelli di interferone kappa riduceva la malattia.

I risultati dello studio, pubblicati sul Journal of Investigative Dermatology,  suggeriscono che l’uso di terapie per modulare gli stati di interferone può limitare l’infiammazione nei pazienti affetti da psoriasi.

“Sappiamo che l’infiammazione psoriasica è caratterizzata dall’espressione genica correlata all’interferone, ma non è chiaro come gli interferoni alterino la gravità della malattia“, ha affermato J. Michelle Kahlenberg, MD, Ph.D.,  Professore associato di reumatologia presso la Michigan Medicine e autore senior dell’articolo. “Capire come l’interferone kappa può modulare la psoriasi ci avvicina di un passo all’ottimizzazione dei nostri trattamenti”.

Il team di ricerca ha indotto la psoriasi in modelli murini, suddividendoli in gruppi con interferone kappa a livelli bassi, normali o elevati. La proteina sovraespressa da sola non ha indotto la malattia, ma ha preparato la pelle per la risposta infiammatoria che ne è seguita.  

- Advertisement -

“Questo lavoro mostra come il contesto dell’ambiente cutaneo può modellare le risposte infiammatorie”, ha detto  Mehrnaz Gharaee-Kermani, DVM, MPH, Ph.D., autore principale dello studio e specialista di laboratorio di ricerca presso la Michigan Medicine. “Sarà emozionante vedere come lo studio può essere applicato nella clinica”.

Vedi anche:Identificato nuovo fattore nello sviluppo della psoriasi

Il team di ricerca sta conducendo ulteriori studi per comprendere il ruolo dell’interferone kappa nei pazienti affetti da psoriasi attraverso lo studio sponsorizzato dal Taubman Institute presso Michigan Medicine e in collaborazione con Johann E. Gudhonsson, MD, Ph.D. , ricevendo finanziamenti attraverso la National Psoriasis Foundation. 

Diversi trattamenti sono usati contro la malattia, ma non esiste una cura. “Alcuni attuali farmaci per la psoriasi inibiscono gli interferoni, ma molti di quelli più specifici sono ancora in fase di sperimentazione. Insieme ai risultati dello studio, la medicina personalizzata sarà fondamentale nel tentativo dei medici di curare questa malattia”, ha affermato Kahlenberg. “…. Comprendere il livello di interferone di base di un paziente potrebbe aiutarci a  migliorare la sua malattia più velocemente e rimanere in remissione”.

Fonte: Università del Michigan

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...