Home Salute Diabete Il trattamento con metformina è collegato al rallentamento del declino cognitivo

Il trattamento con metformina è collegato al rallentamento del declino cognitivo

Immagine: Public Domain.

La metformina è il trattamento di prima linea per la maggior parte dei casi di diabete di tipo 2 e uno dei farmaci più comunemente prescritti in tutto il mondo, con milioni di persone che la utilizzano per ottimizzare i livelli di glucosio nel sangue.

Un nuovo studio, condotto in sei anni nel Sydney Memory and Aging Study e che ha coinvolto 1037 australiani (di età compresa tra 70 e 90 anni al basale), ha rivelato un effetto aggiuntivo della metformina: gli individui con diabete di tipo 2 che hanno usato metformina hanno sperimentato un declino cognitivo più lento rispetto a coloro che non hanno usato il farmaco.

- Advertisement -

I risultati forniscono una nuova speranza per ridurre il rischio di demenza negli individui con diabete di tipo 2 e potenzialmente in quelli senza diabete che contano quasi 47 milioni di persone in tutto il mondo.

Lo studio è stato condotto dai ricercatori del Garvan Institute of Medical Research e del Centre for Healthy Brain Ageing (CHeBA), UNSW Sydney e pubblicato sul Journal Diabetes Care.

“Abbiamo rivelato il nuovo e promettente potenziale di un farmaco sicuro e ampiamente utilizzato, che potrebbe cambiare la vita dei pazienti a rischio di demenza e delle loro famiglie. Per le persone con diabete di tipo 2, la metformina può aggiungere qualcosa in più alla riduzione del glucosio: un vantaggio per la salute cognitiva “, afferma la prima autrice, la Prof.ssa Katherine Samaras, leader della ricerca sull’invecchiamento sano presso il Garvan Institute ed endocrinologa presso il St Vincent’s Hospital di Sydney.

Protezione della funzione cerebrale

- Advertisement -

Il diabete di tipo 2 si verifica quando il corpo non è più in grado di produrre abbastanza insulina per soddisfare i suoi bisogni, lasciando gli individui affetti incapaci di mantenere i livelli di glucosio nel sangue entro un intervallo normale. Ciò può portare a complicazioni di salute a lungo termine, incluso il declino cognitivo.

“Con l’avanzare dell’età, le persone che convivono con il diabete di tipo 2 hanno un rischio sbalorditivo del 60% di sviluppare demenza, una condizione devastante che influisce sul pensiero, sul comportamento, sulla capacità di svolgere le attività quotidiane e sulla capacità di mantenere l’indipendenza”, afferma il Prof. Samaras.

I ricercatori di questo studio hanno esaminato i dati dei partecipanti al Sydney Memory and Aging Study di CHeBA. In questa coorte, 123 partecipanti allo studio avevano il diabete di tipo 2 e 67 hanno ricevuto metformina per abbassare i livelli di zucchero nel sangue. I ricercatori hanno testato la funzione cognitiva ogni due anni, utilizzando valutazioni dettagliate che misuravano la cognizione su una serie di capacità, tra cui memoria, funzione esecutiva, attenzione e linguaggio.

Vedi anche:Diabete di tipo 2: come il microbiota riduce il potenziale ipoglicemizzante della metformina

I risultati hanno rivelato che gli individui con diabete di tipo 2 che assumevano metformina avevano un declino cognitivo significativamente più lento e un rischio di demenza inferiore rispetto a quelli che non assumevano metformina. Sorprendentemente, nelle persone con diabete di tipo 2 che assumevano metformina, non c’era alcuna differenza nel tasso di declino della funzione cognitiva in 6 anni rispetto a quelli senza diabete.

Nuovo utilizzo di un comune farmaco

La metformina è stata utilizzata in modo sicuro per il trattamento del diabete di tipo 2 per 60 anni. Agisce riducendo la quantità di glucosio rilasciato dal fegato nel flusso sanguigno e consente alle cellule del corpo di rispondere meglio ai livelli di glucosio nel sangue.

Studi dell’ultimo decennio hanno rivelato prove del beneficio della metformina nel cancro, malattie cardiache, sindrome dell’ovaio policistico e gestione del peso. Mentre l’attuale studio suggerisce che la metformina può avere benefici cognitivi per le persone che convivono con il diabete di tipo 2, i ricercatori affermano che potrebbe anche giovare a chi è a rischio di declino cognitivo più in generale.

“Questo studio ha fornito prove iniziali promettenti che la metformina può proteggere dal declino cognitivo. Mentre si ritiene che il diabete di tipo 2 aumenti il ​​rischio di demenza promuovendo percorsi degenerativi nel cervello e nei nervi, questi percorsi si verificano anche in altre persone a rischio di demenza ed è possibile che la resistenza all’insulina possa essere il mediatore“, afferma il Prof. Samaras.

“Per stabilire un effetto definitivo, stiamo ora pianificando un ampio studio controllato randomizzato sulla metformina in individui a rischio di demenza e valutare la loro funzione cognitiva per tre anni. Questo studio potrebbe tradursi nella nostra capacità di riutilizzare questo farmaco economico con una solida sicurezza per aiutare a prevenire il declino cognitivo nelle persone anziane “.

Il Sydney Memory and Aging Study del CHeBA è uno studio osservazionale sugli anziani australiani iniziato nel 2005 e ricerca gli effetti dell’invecchiamento sulla cognizione nel tempo.

Il Professor Perminder Sachdev, autore senior dello studio e co-direttore di CHeBA, afferma: “Sebbene uno studio osservazionale non fornisca una ‘prova’ conclusiva che la metformina sia protettiva contro la demenza, ci incoraggia a studiare questo e altri trattamenti antidiabetici per la prevenzione della demenza. La metformina è stata addirittura suggerita come anti-invecchiamento. La domanda interessante è se la metformina sia utile nelle persone con normale metabolismo del glucosio. È chiaramente necessario più lavoro “.

Fonte: Medicalxpress

ULTIMI ARTICOLI

La dieta mediterranea aiuta a ridurre gli effetti dello stress

Immagine:dieta mediterranea. Credit: Public Domain. Gli animali alimentati con una dieta in stile mediterraneo hanno mostrato una maggiore resistenza allo stress e un migliore recupero dopo...

Fibrosi e sclerodermia: importante passo avanti nel trattamento

Immagine: tessuto polmonare normale (a sinistra) e fibrosi polmonare indotta da bleomicina in un modello murino di fibrosi (a destra). Credito: Medical University of South...

Esercizio e cervello: ecco come l’attività fisica cambia la sua stessa struttura

Immagine: Public Domain. L'esercizio fisico regolare cambia la struttura dei tessuti del nostro corpo in modi ovvi, come ridurre le dimensioni delle riserve di grasso...

Emiliano Toso suona il pianoforte in sala operatoria durante un intervento

La scienza incontra l'arte: per la prima volta il biologo molecolare e musicista compositore Emiliano Toso suona il pianoforte nella sala operatoria dell’Ospedale Salesi...

Diversi farmaci per l’epatite C possono inibire la proteasi principale SARS-CoV-2

Immagine: SARS-CoV-2. Public Domain. Esperimenti condotti da ricercatori presso l'Oak Ridge National Laboratory del Dipartimento dell'Energia hanno determinato che diversi farmaci per l'epatite C possono...