Home Salute Il fruttosio prodotto nel cervello potrebbe essere alla base dell'Alzheimer

Il fruttosio prodotto nel cervello potrebbe essere alla base dell’Alzheimer

Una nuova ricerca pubblicata dall’Anschutz Medical Campus dell’Università del Colorado propone che la malattia di Alzheimer possa essere guidata dall’iperattivazione del fruttosio prodotto nel cervello.

Lo studio è stato pubblicato su Frontiers in Aging Neuroscience e ha delineato l’ipotesi che la malattia di Alzheimer sia guidata da un eccessivo metabolismo del fruttosio nel cervello.

Vedi anche:Alzheimer: i benefici del trattamento con plasmaferesi più terapia sostitutiva

- Advertisement -

Un team interdisciplinare di neurologi, neuroscienziati ed esperti sul metabolismo dello zucchero ha presentato prove da ampi dati e ricerche condotte sul morbo di Alzheimer che collega alti livelli di fruttosio nel cervello alla malattia. Aiuta anche a spiegare il motivo per cui il diabete e l’obesità sono associati a un aumento del rischio di malattia di Alzheimer.

“In sostanza, proponiamo che la malattia di Alzheimer sia una malattia moderna guidata da cambiamenti nello stile di vita alimentare in cui il fruttosio può interrompere il metabolismo cerebrale e la funzione neuronale “, ha detto l’autore Richard Johnson, MD, Professore della University of Colorado School of Medicine e CU Anschutz Medical Campus.

Johnson delinea i dati che mostrano l’iperattivazione del metabolismo del fruttosio cerebrale che può guidare la malattia di Alzheimer. La fonte di fruttosio è in gran parte dalla produzione endogena nel cervello. Pertanto, la riduzione della produzione di energia mitocondriale è ostacolata dalla glicolisi neuronale che è inadeguata, con conseguente perdita progressiva dei livelli di energia cerebrale necessari affinché i neuroni rimangano funzionali e vitali.

“Delineando prove coerenti, speriamo di ispirare i ricercatori a continuare a esplorare la relazione tra il fruttosio nel cervello e la malattia di Alzheimer. Nuovi trattamenti volti a inibire il metabolismo intracerebrale del fruttosio potrebbero fornire un nuovo modo per prevenire e curare questa malattia“, aggiunge Johnson. 

- Advertisement -

In uno degli scenari delineati da Johnson e dai suoi collaboratori, l’ipometabolismo del glucosio ha aumentato lo stress ossidativo e si è verificata una progressiva perdita di mitocondri, che alla fine ha portato alla disfunzione neuronale e alla morte. In questo scenario, le placche amiloidi e i grovigli neurofibrillari fanno parte della risposta infiammatoria e partecipano al trauma, ma non sono i fattori centrali che guidano la malattia. Johnson afferma che in teoria, l’inibizione degli enzimi nel cervello coinvolti nella produzione o nel metabolismo del fruttosio potrebbe fornire nuovi modi per prevenire e curare la malattia di Alzheimer.

Fonte: Frontiers in Aging Neuroscience

ULTIMI ARTICOLI

Scoperta mutazione genetica che protegge dalle malattie

Immagine:Mutazione genetica. Credit:Montreal Clinical Research Institute. Gli scienziati canadesi hanno scoperto una rara mutazione genetica che protegge dal rischio di malattie e pensano possa essere...

Fibrosi cistica: comprensione delle lesioni polmonari

Immagine: Fibrosi cistica. Credit: Public Domain. Lo Staphylococcus aureus (che include la MRSA) è l'organismo più diffuso isolato dalle vie aeree dei bambini con fibrosi...

Malattie infiammatorie: nuovo target per combatterle

Immagine:malattie infiammatorie. Segni di infiammazione. Credito:WEHI. Un team internazionale di ricercatori ha scoperto un composto simile che blocca un percorso infiammatorio cruciale, aprendo potenzialmente la...

Spray nasale anti-COVID 19 pronto per l’uso nell’uomo

Immagine:spray nasale anti COVID 19. Credit: Università di Birmingham. Uno spray nasale in grado di fornire una protezione efficace contro il virus COVID-19 è stato...

Tre motivi per cui COVID-19 può causare ipossia silenziosa

Immagine: COVID 19. Credit: Public Domain. Gli scienziati stanno ancora risolvendo i molti aspetti sconcertanti di come il nuovo coronavirus SARS-CoV-2, causa di COVID 19,...