Il segreto della sepsi può trovarsi in una cellula rara

sepsi

“La sepsi è il killer numero uno dei bambini a livello globale, ma poco si sa su cosa possa non funzionare nel sistema immunitario di un individuo e causare la sepsi mentre combatte contro un’infezione”, ha detto il Dott. Adrian Piliponsky, ricercatore principale presso il Centro di ricerca per Immunità e Immunoterapia. “Senza queste informazioni, è difficile prevedere chi svilupperà la sepsi o spiegare perché la sepsi provoca una serie di risposte immunitarie in individui diversi”.

In un articolo pubblicato su Nature Immunology, gli scienziati del Seattle Children’s Research Institute rivelano come un raro gruppo di globuli bianchi chiamati basofili abbia un ruolo importante nella risposta immunitaria a un’infezione batterica, impedendo lo sviluppo della sepsi. La scoperta potrebbero portare a modi migliori per prevenire la pericolosa risposta immunitaria che colpisce più di 30 milioni di persone in tutto il mondo ogni anno.

Imparare dalle prime fasi dell’infezione

Per capire meglio i cambiamenti che il sistema immunitario subisce mentre l’infezione progredisce nella sepsi, un team di Seattle Children guidato da Piliponsky, insieme ai collaboratori della Stanford University School of Medicine e di altri laboratori internazionali, ha rintracciato la risposta immunitaria nelle prime fasi dell’infezione .

I ricercatori si sono concentrati su un particolare gruppo di globuli bianchi chiamati basofili noti per aiutare ad avviare una risposta immunitaria a un’infezione.

Vedi anche Sempre più vicini ad un trattamento per la sepsi.

” I bsofili, i più rari tipi cellulari del corpo, costituiscono meno dell’1% dei globuli bianchi di una persona”, ha detto Piliponsky, Professore associato di pediatria presso la Scuola di Medicina dell’Università di Washington. “Gli scienziati hanno a lungo sospettato che i basofili potessero migliorare la difesa immunitaria contro un’infezione batterica sebbene non ci fosse alcuna prova scientifica di questo ruolo prima del nostro studio”.

I basofili giocano un ruolo chiave nell’impedire la sepsi

Per esaminare il contributo dei basofili alla risposta immunitaria, i ricercatori hanno utilizzato un modello di infezione batterica e sepsi che ricorda da vicino la progressione e le caratteristiche della sepsi umana nei topi geneticamente modificati.

I loro studi hanno dimostrato che i basofili sono uno dei primi tipi di cellule immunitarie a comparire nel sito di infezione. La presenza di basofili non solo ha potenziato l’infiammazione nelle prime fasi di una risposta immunitaria all’infezione e ha migliorato la sopravvivenza nei topi, ma lo ha fatto in parte rilasciando una proteina nota come fattore di necrosi tumorale (TNF).

Quale principale attore nella risposta immunitaria a un’infezione, TNF invia il segnale ad altre cellule che generano la risposta infiammatoria che è vitale per proteggere e guarire i tessuti danneggiati. Questa ricerca si aggiunge alla crescente evidenza che TNF derivato da basofili gioca un ruolo importante nei primi stadi della difesa del sistema immunitario contro un’infezione e indica che una ridotta presenza di basofili o una deficienza di fattori regolati dai basofili può portare alla sepsi.

Questi risultati mostrano che i basofili, nonostante il loro basso numero, possono innescare una cascata di eventi che li aiuta ad avviare una risposta immunitaria contro le infezioni e a migliora l’efficacia di questa risposta”, hanno scritto Piliponsky ed i suoi coautori nel documento. “Insieme, questi risultati forniscono nuove informazioni su come i basofili e TNF derivato dai basofili possano avere ruoli chiave nelle prime fasi di una infezione batterica e nella resistenza alla progressione di tale infezione verso la sepsi”.

 La ricerca focalizzata su alcuni aspetti della funzione basofila potrebbe offrire modi migliori per determinare il rischio di una persona di sviluppare la sepsi o prevenire la risposta immunitaria disregolata che può portare alla sepsi.

Fonte, Nature Immunology


Altri articoli su sepsi