Energizzare il sistema immunitario per distruggere il cancro

cancro


Immagine Credito: Penn Medicine.

Le cellule immunitarie chiamate macrofagi dovrebbero servire e proteggerci, ma il cancro ha trovato il modo di renderle disfunzionali. Ora i ricercatori dell’Abramson Cancer Center dell’Università della Pennsylvania hanno scoperto come alimentare i macrofagi con l’energia necessaria per attaccare e ‘mangiare‘ le cellule tumorali.

 È noto che i macrofagi possono supportare la crescita delle cellule tumorali o possono ostacolarla. Ma la maggior parte dei tumori esprime anche un segnale chiamato CD47 che può rendere i macrofagi inattivi. I ricercatori hanno scoperto che il metabolismo dei macrofagi rewiring può superare questo segnale e agire come una sveglia e indurre i macrofagi a compiere il loro lavoro contro il cancro. 

La ricerca è stata pubblicata su Nature Immunology.

I macrofagi sono cellule immunitarie proprio come le cellule T e B, ma differiscono nel fatto che possono mangiare le cellule che non dovrebbero essere nel corpo. In realtà, sono le cellule immunitarie più importanti per combattere il cancro, ma sfortunatamente, la maggior parte di esse spesso aiuta  la crescita e la diffusione del cancro. Le cellule tumorali  impediscono ai macrofagi di attaccarle esprimendo CD47, un segnale del tipo “non mangiarmi”. Il semplice blocco dei segnali CD47 non è sempre sufficiente a convincere i macrofagi ad attaccare il cancro. Invece, sono richiesti due segnali. I macrofagi hanno bisogno di un segnale che li attivi e di un secondo segnale, come un inibitore CD47, per condurre la battaglia contro il cancro.

Vedi anche I macrofagi sono essenziali per un ritmo cardiaco sano.

“Risulta che i macrofagi devono essere attivati prima che possano iniziare il loro lavoro perché i tumori solidi possano resistere al trattamento con i soli inibitori CD47″, ha detto l’autore senior dello studio Gregory L. Beatty, un assistente Professore di Ematologia-Oncologia presso la Scuola di Medicina Perelman di Penn. Jason Mingen Liu, studente laureato nel laboratorio di Beatty, è l’autore principale dello studio.

Il team ha usato questo approccio attivando i macrofagi con CpG, un agonista del recettore e ha scoperto che ha indotto rapidamente il restringimento dei tumori e la sopravvivenza prolungata dei topi anche senza l’intervento delle cellule T. Inaspettatamente, i ricercatori hanno anche scoperto che i macrofagi attivati ​​erano in grado di mangiare cellule tumorali anche in presenza di alti livelli di CD47.

Per comprendere le basi molecolari di questo fenomeno, il team ha tracciato l’attività metabolica dei macrofagi e determinato che i macrofagi attivati ​​hanno iniziato a utilizzare sia la glutammina che il glucosio come combustibile per supportare i fabbisogni energetici necessari per mangiare le cellule tumoraliQuesto ricablaggio del metabolismo dei macrofagi era necessario affinché CpG fosse efficace e i ricercatori affermano che questi risultati indicano l’importanza del metabolismo dei macrofagi nel determinare l’esito di una risposta immunitaria.

“Il cancro non si restringe senza l’aiuto dei macrofagi e i macrofagi bisogno del carburante giusto per mangiare le cellule tumorali e ridurre i tumori”, ha detto Liu. “Per fare questo, è necessario uno spostamento del metabolismo per orientare l’energia nella giusta direzione: è il metabolismo che in ultima analisi consente ai macrofagi di ignorare i segnali che li bloccano“.

Beatty sottolinea che i pazienti con diabete, malattie cardiovascolari e altre condizioni vengono abitualmente trattati con farmaci che potrebbero influenzare il metabolismo dei macrofagi, ma praticamente non si sa nulla su come questi farmaci potrebbero avere un impatto sulle risposte immunitarie nel cancro, il che significa che la scoperta del team ha implicazioni anche per gli esistenti trattamenti.

Fonte, Nature Immunology


Altri articoli su cancro