Il segreto della longevità è nel microbioma e nell’intestino

microbioma

Secondo un nuovo studio, il segreto della longevità è nel microbioma e nell’intestino.

“Sei quello che mangi”, dice il proverbio. La scienza ora invece ci dice che “siamo ciò che mangiano i batteri che vivono nel nostro tratto intestinale” e questo potrebbe avere un’influenza sul modo in cui invecchiamo. Gli scienziati della McGill University hanno nutrito moscerini della frutta con una combinazione di probiotici e un integratore a base di erbe chiamato Triphala che è stato in grado di prolungare la longevità delle mosche del 60% e proteggerle dalle malattie croniche associate all’invecchiamento.

Triphala è un tradizionale integratore a base di erbe che risale a migliaia di anni ed è menzionato nei tradizionali testi indiani. Lo studio, pubblicato su Scientific Reports, aggiunge un crescente numero di prove all’‘influenza che i batteri intestinali possono avere sulla salute. I ricercatori hanno aggiunto un simbiotico – fatto di probiotici con un supplemento ricco di polifenoli – alla dieta delle mosche della frutta. Le mosche alimentate con il sinbiotico sono vissute fino a 66 giorni – 26 giorni in più rispetto a quelle senza supplemento. Hanno anche mostrato tratti ridotti dell’invecchiamento, come il mantenimento della resistenza all’insulina, l’infiammazione e lo stress ossidativo.”

I probiotici modificano radicalmente l’architettura del microbiota intestinale, non solo nella sua composizione, ma anche rispetto a come vengono metabolizzati i cibi che mangiamo“, dice Satya Prakash, Professore di ingegneria biomedica presso la Facoltà di Medicina della McGill e autore principale dello studio . “Ciò consente a una singola formulazione probiotica di agire simultaneamente su più vie biochimiche di segnalazione per ottenere ampi effetti fisiologici benefici e spiega perché la singola formulazione che presentiamo in questo documento ha un effetto così drastico su così tanti diversi marcatori”.

( Vedi anche: Perchè la perdita della diversità microbica nel microbioma intestinale è una minaccia per la salute).

“La mosca della frutta è notevolmente simile ai mammiferi con circa il 70% di somiglianza in termini di percorsi biochimici, il che la rende un buon indicatore di ciò che accadrebbe nell’uomo”, aggiunge Prakash.”Gli effetti sugli esseri umani non saranno così drastici, ma i nostri risultati suggeriscono sicuramente che una dieta che incorpora specificatamente Triphala insieme a questi probiotici promuoverà una vita lunga e sana”.

Gli autori dicono anche che i risultati dello studio possono essere spiegati dall’asse “intestino-cervello”, un sistema di comunicazione bidirezionale tra microrganismi che risiedono nel tratto gastrointestinale – il microbiota – e il cervello. Negli ultimi anni, gli studi hanno dimostrato che l’asse microbiota-cervello è coinvolto nei cambiamenti neuropatologici e in una varietà di condizioni come la sindrome dell’intestino irritabile, la neurodegenerazione e persino la depressione.

Pochi studi, tuttavia, hanno progettato con successo terapie modulanti il microbiota che hanno effetti tanto potenti quanto ampi come la formulazione presentata nel nuovo studio.

Imparare dalla medicina tradizionale

Il supplemento di erbe usato nello studio, Triphala, è una formulazione fatta da amalaki, bibhitaki e haritaki, frutti usati come piante medicinali nell’Ayurveda, una forma di medicina tradizionale indiana. 

Susan Westfall, ex dottoranda presso la McGill e autrice principale dello studio, afferma che l’idea di combinare Triphala e probiotici deriva dal suo interesse di lunga data per lo studio di prodotti naturali derivati ​​dalla medicina tradizionale indiana e il loro impatto sulle malattie neurodegenerative.

“All’inizio di questo studio, eravamo fiduciosi che combinare Triphala con i probiotici sarebbe stato almeno un po’ migliore delle loro singole componenti in termini di beneficio fisiologico, ma non immaginavamo quanto sarebbe stata efficace questa formulazione”, dice Westfall, che ora è un postdoctoral fellow presso l’Icahn School of Medicine del Mount Sinai di New York, negli Stati Uniti.

ll nuovo studio, che include dati depositati in un brevetto provvisorio degli Stati Uniti attraverso una società co-fondata dagli autori, ha il potenziale di influire sul campo del microbioma, dei probiotici e della salute umana. Considerando gli ampi effetti fisiologici di questa formulazione mostrati nella mosca della frutta, Prakash spera che la loro formulazione possa avere interessanti applicazioni in una serie di disturbi umani come il diabete, l’obesità, la neurodegenerazione, l’infiammazione cronica, la depressione, la sindrome dell’intestino irritabile e persino il cancro.

Fonte: Scientific Reports

Altri articoli su microbioma