Una nuova scoperta sugli effetti dell’invecchiamento nelle nostre cellule

Una nuova scoperta sugli effetti dell’invecchiamento nelle nostre cellule potrebbe consentire ai medici di curare o prevenire il diabete, le malattie del fegato grasso e altre malattie metaboliche e forse anche di tornare indietro nel tempo sull’invecchiamento stesso.

La nuova scoperta della Scuola di Medicina dell’Università della Virginia suggerisce che la malattia del fegato grasso e altri effetti indesiderati dell’invecchiamento possono essere il risultato del corrugamento dei nuclei delle nostre cellule, il compartimento che contiene il nostro DNA. I ricercatori hanno scoperto che queste rughe sembrano impedire ai nostri geni di funzionare correttamente. Non esiste una crema antirughe per le membrane nucleari, ma esiste una possibilità allettante: potremmo usare i virus per lisciare le superfici delle membrane e ripristinare il funzionamento delle cellule.

(Vedi anche:Il lato oscuro dei nostri geni: un invecchiamento sano nei tempi moderni).

La nuova scoperta del laboratorio di Irina M. Bochkis, del Dipartimento di Farmacologia della UVA, mostra che la posizione del nostro DNA all’interno del nucleo della cellula è di fondamentale importanza. I geni che vengono disattivati ​​vengono spinti contro la membrana nucleare, che racchiude il nucleo. Ma con l’età, le nostre membrane nucleari diventano grumose e irregolari e impediscono ai geni di spegnersi in modo appropriato. “Abbiamo lo stesso DNA in ogni singola cellula, ma ogni cellula è diversa”, ha spiegato Bochkis. “Allora, come funziona? Beh, in realtà, alcuni geni devono essere attivi nel fegato e devono essere disattivati ​​nel cervello, ad esempio, e viceversa. Se non vengono disattivati ​​in modo appropriato, allora hai problemi”.

Osservando un modello di malattia del fegato grasso, Bochkis e colleghi hanno scoperto che i nostri fegati sono pieni di grasso mentre invecchiamo a causa delle rugose membrane nucleari. “Quando la tua membrana nucleare non funziona più correttamente, può rilasciare il DNA che dovrebbe essere spento”, ha detto il ricercatore. “Allora la tua piccola cellula epatica diventa una piccola cellula adiposa”.

L’accumulo di grasso nel fegato può causare gravi effetti sulla salute, aumentando il rischio di diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari, anche potenzialmente letali. “Il fegato può diventare come un formaggio svizzero”, ha detto Bochkis. La membrana rugosa deriva da una mancanza di una sostanza chiamata lamina, una proteina cellulare che esiste in varie forme. Ripristinando la lamina appropriata, potremmo appianare la membrana, così come il Retinolo aiuta a levigare le rughe del viso.

Portare la lamina fino al nucleo della cellula dove c’è la membrana nucleare è una sfida. Ma Bochkis ha un’idea: potremmo usare i virus per consegnare la lamina. Gli scienziati stanno già modificando i virus per scopi medici benefici e sarebbe particolarmente facile ottenere un virus modificato nel fegato grazie al ruolo dell’organo nel disintossicare il corpo.

E se funziona? “Avrete cellule normali – cellule normali e sane – e esprimeranno in modo appropriato i geni che dovrebbero essere espressi e … “, ha detto il ricercatore.

Bochkis sospetta che l’increspatura della membrana nucleare sia responsabile anche degli effetti indesiderati dell’invecchiamento in altre parti del corpo. “Ogni volta che faccio questo discorso ai colleghi, dicono: ‘Bene, pensi che questo sia un meccanismo universale?’. Ho risposto: secondo me, penso che lo sia”.

Fonte: Aging Cel