I farmaci immunosoppressori possono proteggere dal morbo di Parkinson

parkinson

Sommario: le persone che assumono farmaci immunosoppressori hanno meno probabilità di sviluppare la malattia di Parkinson, secondo un nuovo studio della Scuola di Medicina dell’Università di Washington a St. Louis.

I risultati dello studio, pubblicati il ​​31 maggio su Annals of Clinical and Translational Neurology, suggeriscono che il sistema immunitario di una persona contribuisce allo sviluppo del Parkinson. Il contenimento dell’attività del sistema immunitario con farmaci immunosoppressori potrebbe prevenire questo disturbo neurologico che è caratterizzato da tremori, rigidità e difficoltà a camminare.

“L’idea che il sistema immunitario di una persona possa contribuire al danno neurologico, non è nuova”, affermano Brad Racette e Robert Allan Finke Professor of Neurology e autore senior dello studio. “Abbiamo scoperto che l’assunzione di alcune classi di farmaci immunosoppressori riduce il rischio di sviluppare il Parkinson. Un gruppo di farmaci in particolare, sembra davvero promettente e garantisce ulteriori indagini per determinare se possa rallentare la progressione della malattia”.

Il Parkinson è un disturbo neurodegenerativo che colpisce circa un milione di persone negli Stati Uniti. Le sue cause non sono ancora ben comprese.

( Vedi anche:Disfunzione sinaptica precoce riscontrata nella malattia di Parkinson).L’anno scorso, Racette e colleghi hanno analizzato milioni di cartelle cliniche e sviluppato un algoritmo per predire quali persone sarebbero state diagnosticate con la malattia. Mentre estraevano i dati, hanno scoperto che le persone con diversi tipi di malattie autoimmuni, inclusa la colite ulcerosa, avevano meno probabilità di essere diagnosticate con il morbo di Parkinson rispetto alla popolazione generale. Le malattie autoimmuni erano legate a una miriade di difetti nel sistema immunitario che colpivano una varietà di sistemi di organi. Era difficile vedere come un tale guazzabuglio di malfunzionamenti del sistema immunitario potesse finire per avere lo stesso effetto benefico! I ricercatori hanno notato, tuttavia, che molte malattie autoimmuni hanno una cosa in comune: sono trattati con farmaci che attenuano l’attività immunitaria.

Racette e colleghi hanno analizzato i dati sui farmaci prescritti nell’ambito del Medicare Part D, di 48.295 persone con diagnosi di Parkinson nel 2009 e 52.324 persone di controllo. I ricercatori hanno identificato 26 farmaci immunosoppressori comunemente prescritti, che rappresentano sei classi di farmaci. Hanno determinato quali persone nel set di dati avevano ricevuto prescrizioni per uno qualsiasi dei farmaci un anno o più, prima della data della diagnosi o entro una data limite predefinita. Le prescrizioni nei 12 mesi precedenti la diagnosi sono state escluse per escludere ogni possibilità che fossero state collegate ai primi segni della malattia.

I ricercatori hanno scoperto che le persone che assumevano farmaci di una delle due classi identificate avevano significativamente meno probabilità di sviluppare il Parkinson rispetto a quelle che non assumevano immunosoppressori. Le persone che assumevano corticosteroidi come il Prednisone avevano il 20% in meno di probabilità di essere diagnosticate con il morbo di Parkinson, mentre quelle trattate con inibitori della inosina monofosfato deidrogenasi (IMDH) avevano circa un terzo meno probabilità.

Quando i ricercatori hanno incluso specifiche malattie autoimmuni nella loro analisi, i rischi calcolati non sono cambiati, suggerendo che la differenza era dovuta all’uso dei farmaci, non alle malattie di base che stavano trattando.

I corticosteroidi hanno molti effetti collaterali e i medici già cercano di minimizzarne l’uso, quindi Racette e colleghi hanno rivolto la loro attenzione agli inibitori di IMDH. “Il nostro prossimo passo è condurre uno studio di proof-of-concept con persone di nuova diagnosi della malattia di Parkinson per vedere se questi farmaci hanno l’effetto sul sistema immunitario che ci aspettiamo”, ha detto Racette. “È troppo presto per pensare alle sperimentazioni cliniche per verificare se questi farmaci modificano la malattia, ma il potenziale è intrigante”, ha concluso Racette.

Fonte: Annals of Clinical and Translational Neurology

 

Altri articoli su parkinson