Il nanobiologo Mauro Ferrari si è dimesso dall’European Research Council

Immagine: Mauro Ferrari è diventato presidente del Consiglio europeo della ricerca a gennaio. Credito: Pier Marco Tacca / Getty.

Il capo della ricerca europea si dimette tra le critiche. Il Presidente della più prestigiosa agenzia di finanziamento europea ha rassegnato le dimissioni dall’European Research Council dopo tre mesi, rivolgendo accese accuse all’organo di governo dell’organizzazione che ha in gran parte trascurato le sue responsabilità. Il nanobiologo Mauro Ferrari si è dimesso dall’European Research Council (ERC) il 7 aprile. In una dichiarazione, ha affermato di dimettersi perché l’Unione europea non ha coordinato una risposta adeguata alla crisi COVID-19 e che il CER ha respinto la sua proposta di creare un programma per combattere il coronavirus.

Ma, in una riposta, l’organo di governo composto da 20 membri del CER ha accusato Ferrari di non aver interagito con il CER durante il suo mandato. “Non ha partecipato a importanti riunioni, ha trascorso molto tempo negli Stati Uniti e su progetti esterni e ha usato la sua posizione per promuovere le proprie idee nella Commissione europea”, hanno scritto i membri del Consiglio scientifico del CER l’8 aprile. il CER dichiara di aver chiesto all’unanimità le sue dimissioni il 27 marzo. Il consiglio aggiunge che non poteva sostenere la proposta di Ferrari per un’iniziativa incentrata sul coronavirus perché il CER non fa appelli per specifici argomenti di ricerca.

Ferrari non ha risposto alla richiesta di commenti della prestigiosa rivista Nature.

Fonte: Nature