I test anticorpali per SARS-CoV-2 cambieranno davvero tutto?

Immagine: i test anticorpali potrebbero essere usati per aiutare a arginare la pandemia di COVID-19, ma prima devono superare diversi ostacoli. Credito: Greg Baker / AFP / Getty

Gli scienziati sostengono che il vero potenziale dei test anticorpali per SARS-CoV-2 in rapido sviluppo, sia ancora sconosciuto. I test anticorpali potrebbero essere usati per arginare la pandemia COVID-19, ma prima devono superare diversi ostacoli.

Il primo ministro britannico Boris Johnson li ha definiti un “punto di svolta”. I test sugli anticorpi hanno catturato l’attenzione del mondo per il loro potenziale per aiutare la vita a tornare alla normalità rivelando chi è stato esposto e potrebbe ora essere immune, al nuovo coronavirus. Decine di aziende biotecnologiche e laboratori di ricerca si sono affrettati a produrre esami del sangue. E i Governi di tutto il mondo hanno acquistato milioni di kit, nella speranza di poter guidare le decisioni su quando allentare le misure di allontanamento sociale e riportare le persone al lavoro. Alcuni hanno persino suggerito che i test potrebbero essere utilizzati come “passaporto di immunità”, dando al proprietario l’autorizzazione a interagire di nuovo con gli altri. Molti scienziati condividono questo entusiasmo. “L’obiettivo immediato è un test in grado di dire all’assistenza sanitaria e ad altri lavoratori essenziali se sono ancora a rischio di infezione”, afferma David Smith, un virologo clinico dell’Università dell’Australia occidentale a Perth.

Ma come con la maggior parte delle nuove tecnologie, ci sono segni che le promesse dei test anticorpali COVID-19 sono state ipervendute e le loro sfide sottovalutate. I kit hanno invaso il mercato, ma la maggior parte non è abbastanza precisa per confermare se un individuo è stato esposto al virus. “E anche se i test sono affidabili, non possono indicare se qualcuno è immune alla reinfezione”, affermano gli scienziati. “Ci vorrà un po’ di tempo prima che i kit siano utili quanto sperato”, afferma Smith. “I paesi stanno ancora raccogliendo le prove”. Il governo del Regno Unito lo ha appreso nel modo più duro dopo aver ordinato 3,5 milioni di test da diverse aziende a fine marzo, per poi scoprire che nessuno di questi test funziona abbastanza bene. Nessun test è migliore di un test negativo”, afferma Michael Busch, Direttore del Vitalant Research Institute di San Francisco.

I test sugli anticorpi vengono anche utilizzati dai ricercatori a livello globale per stimare l’estensione delle infezioni da coronavirus a livello di popolazione, il che è estremamente prezioso dato che molti posti non stanno eseguendo test standard sufficienti e le persone con sintomi lievi o assenti probabilmente mancheranno in modo ufficiale nella conta dei casi. Questi sondaggi testano una parte della popolazione e la usano per stimare le infezioni nella comunità più ampia. Più di una dozzina di gruppi in tutto il mondo stanno facendo tali studi.

Inondazione di test

Quando un virus invade il corpo, il sistema immunitario produce anticorpi per combatterlo. I kit rilevano la presenza di anticorpi utilizzando componenti del virus, noti come antigeni. I test generalmente rientrano in una di queste due categorie: test di laboratorio che devono essere elaborati da tecnici qualificati e richiedono circa un giorno e test point-of-care che forniscono risultati rapidi in loco entro 15 minuti/ mezz’ora. Diverse aziende, tra cui Premier Biotech negli Stati Uniti e Autobio Diagnostics con sede in Cina, offrono kit point-of-care, progettati per essere utilizzati dagli operatori sanitari per verificare se un individuo ha avuto il virus, ma alcune aziende li commercializzano per essere usati a casa dalle persone.

I test non rilevano il virus stesso, quindi hanno un uso limitato nella diagnosi delle infezioni attive”, affermano le agenzie sanitarie. Ma in alcuni paesi, come gli Stati Uniti e l’Australia, i test vengono utilizzati per diagnosticare persone che hanno sospettato COVID-19, ma che risultano negative a un test PCR standard”, afferma Smith. (Uno studio1 condotto da ricercatori dell’Ospedale Terzo Popolare di Shenzhen in Cina ha scoperto che i test PCR non hanno sempre diagnosticato i pazienti infetti dal virus).

I primi studi su persone che si sono riprese da COVID-19 hanno rilevato tre tipi di anticorpi specifici per SARS-CoV-2 e produttori e Istituti di ricerca hanno sviluppato test mirati a questi anticorpi. Ad esempio, la società biofarmaceutica tedesca EUROIMMUN ha sviluppato un test di laboratorio che rileva l’immunoglobulina G specifica per SARS-CoV-2 e l’immunoglobulina A. A causa della continua emergenza, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha allentato le regole che regolano l’uso di tali test. Ha autorizzato il loro uso nei laboratori e da parte degli operatori sanitari per diagnosticare l’infezione attiva COVID-19, con la dichiarazione di non responsabilità da parte della FDA che non ha analizzato questi test e con la raccomandazione che i loro risultati non dovrebbero essere utilizzati come unica base per confermare la malattia. L’Australia ha anche introdotto autorizzazioni di emergenza simili.

“Queste misure sono appropriate data la situazione di pandemia”, afferma Smith. “I test sugli anticorpi nelle persone che potrebbero essere attivamente infette possono essere una parte importante della gestione dei pazienti negli Ospedali e del tracciamento dei contatti, sebbene i risultati debbano essere interpretati con cautela”, afferma.

“Un problema, tuttavia, è che la maggior parte dei kit non ha subito test rigorosi per garantire che siano affidabili”, afferma Busch. Durante una riunione presso il comitato ristretto per la scienza e la tecnologia della House of Commons del Parlamento britannico l’8 aprile, Kathy Hall, Direttore della strategia di test per COVID-19, ha affermato che nessun paese sembrava avere un test anticorpale validato in grado di determinare con precisione se un l’individuo ha avuto COVID-19.

“I kit devono essere testati su grandi gruppi di persone per verificarne l’accuratezza: su centinaia di persone che hanno avuto COVID-19 e su centinaia di persone che non hanno avuto COVID”, afferma Peter Collignon, medico e microbiologo di laboratorio presso la Australian National University di Canberra. “Ma finora, la maggior parte delle valutazioni dei test ha coinvolto solo alcune decine di individui perché sono stati sviluppati rapidamente. Sembra che molti test disponibili al momento non siano abbastanza precisi per identificare le persone che hanno avuto la malattia, una proprietà chiamata sensibilità del test e coloro che non sono stati infettati, nota come specificità del test. “Un test di alta qualità dovrebbe raggiungere il 99% o più di sensibilità e specificità”, aggiunge Collignon. “Ciò significa che i test dovrebbero rivelare solo circa 1 falso positivo e 1 falso negativo per ogni 100 risultati positivi e veri negativi”. Ma alcuni test sugli anticorpi già commercializzati hanno registrato specificità fino al 40% all’inizio dell’infezione. In un’analisi di 9 test commerciali disponibili in Danimarca, 3 test di laboratorio avevano sensibilità che variavano dal 67 al 93% e specificità dal 93 al 100%. Nello stesso studio, cinque dei sei test point of care hanno mostrato sensibilità comprese tra l’80 e il 93% e l’80-100% di specificità, ma alcuni kit sono stati testati su meno di 30 persone. Il test è stato sospeso per un kit. Nel complesso, la sensibilità di tutti i test è migliorata nel tempo, con la massima sensibilità registrata due settimane dopo la comparsa dei sintomi. Alcuni di questi test vengono anche utilizzati per testare individui in altri paesi, tra cui Germania e Australia.

“I test point-of-care sono persino meno affidabili dei test utilizzati nei laboratori”, aggiunge Smith. “Questo perché usano un campione più piccolo di sangue – in genere da una puntura del dito – e vengono condotti in un ambiente meno controllato rispetto a un laboratorio, il che può influire sulle loro prestazioni. Dovrebbero essere usati con cautela”, dice. L’OMS raccomanda di utilizzare i test point-of-care solo per la ricerca.

Senza test affidabili, “potremmo finire per fare più danni che benefici”, afferma Collignon.

Vedi anche: Passata la pandemia, SARS-CoV-2 persisterà nella popolazione?

Il tempismo è fondamentale

Se un test viene eseguito troppo presto dopo che una persona è stata infettata e il corpo non ha avuto il tempo di sviluppare gli anticorpi che il test è progettato per rilevare, potrebbe non risultare infetto. Ma gli scienziati non conoscono ancora abbastanza i tempi delle risposte immunitarie dell’organismo alla SARS-CoV-2 per dire esattamente quando si sviluppano anticorpi specifici. “Al contrario, falsi positivi emergono se un test utilizza un antigene che non mira solo agli anticorpi prodotti per combattere la SARS-CoV-2, ma raccoglie anche anticorpi per un altro agente patogeno”, afferma Smith. Un’analisi3 del test anticorpale di EUROIMMUN ha rilevato che sebbene abbia rilevato anticorpi SARS-CoV-2 in tre persone con COVID-19, il test ha restituito un risultato positivo per due persone che avevano un altro coronavirus. “Risolvere tutti questi problemi richiede tempo e comporta tentativi ed errori”, afferma Collignon. “Ci sono voluti diversi anni per sviluppare test anticorpali per l’HIV con una specificità superiore al 99%”, afferma.

L’infezione non equivale all’immunità

Un’altra grande domanda sui test anticorpali è la misura in cui l’infezione da un patogeno conferisce l’immunità alla reinfezione. Per avere l’immunità protettiva, il corpo ha bisogno di produrre un certo tipo di anticorpo, chiamato anticorpo neutralizzante, che impedisce al virus di entrare nelle cellule. Ma non è chiaro se tutte le persone che hanno avuto COVID-19 sviluppano questi anticorpi. Un’analisi non pubblicata su 175 persone in Cina che si erano riprese da COVID-19 e presentavano sintomi lievi, ha riferito che 10 individui non hanno prodotto anticorpi neutralizzanti rilevabili, anche se alcuni avevano alti livelli di anticorpi leganti.Queste persone sono state infettate, ma non è chiaro se abbiano un’immunità protettiva”, afferma Wu Fan, un microbiologo dell’Università di Fudan a Shanghai, in Cina, che ha guidato lo studio. “La situazione per i pazienti è molto complicata”, afferma Fan. Finora, i ricercatori affermano di non avere alcuna prova che le persone possano essere reinfettate dal virus. I macachi Rhesus infettati con SARS-CoV-2 non hanno mostrato reinfezione a poco meno di un mese dopo la loro infezione iniziale, secondo uno studio non ancora esaminato di ricercatori del Peking Union Medical College di Pechino. “Dovremmo presumere che una volta che sei stato infettato, la tua possibilità di contrarre una seconda infezione due a tre mesi dopo è bassa”, afferma Collignon. Ma quanto tempo durerà quell’immunità protettiva non è noto.

Anche se diventa chiaro che la maggior parte delle persone sviluppa anticorpi neutralizzanti, la maggior parte dei test attualmente non li rileva. E i test che lo fanno sono più complessi da sviluppare e non ampiamente disponibili.

Il fatto che la maggior parte dei test sugli anticorpi non sia in grado di rilevare gli anticorpi neutralizzanti è rilevante anche perché alcuni politici stanno adottando l’idea che questi test vengano utilizzati per autorizzare le persone con precedenti infezioni da COVID-19 ad interagire di nuovo con gli altri, un cosiddetto passaporto dell’immunità.I ricercatori stanno cercando di determinare se gli anticorpi rilevati dagli attuali kit possono fungere da proxy per l’immunità protettiva”, afferma Smith.
“Un altro fattore complicante per i passaporti dell’immunità è che i test sugli anticorpi non possono escludere che una persona non sia più infettiva”, afferma Smith. Uno studio pubblicato su Nature questo mese ha scoperto che l’RNA virale diminuisce lentamente dopo che gli anticorpi sono stati rilevati nel sangue. La presenza di RNA virale potrebbe significare che la persona sta ancora diffondendo il virus infettivo.
“Nonostante le sfide, una volta disponibili test anticorpali affidabili, potrebbero essere importanti per capire quali gruppi di persone sono state infettate per fermare un’ulteriore diffusione”, afferma Collignon. ” Questi test potrebbero anche essere usati per diagnosticare infezioni attive quando i test PCR falliscono”, aggiunge Smith.
Fonte: Nature