Il fumo può limitare la capacità del corpo di combattere il melanoma

melanoma

I pazienti affetti da melanoma con una storia di fumo di sigarette hanno il 40% in meno di probabilità di sopravvivere al loro cancro della pelle rispetto alle persone che non hanno mai fumato, secondo un nuovo rapporto finanziato dalla Cancer Research UK.

Lo studio di oltre 700 pazienti affetti da melanoma, principalmente del nord dell’Inghilterra – e pubblicato oggi su Cancer Research – fornisce prove che suggeriscono che il fumo può compromettere la risposta immunitaria contro il melanoma e ridurre la sopravvivenza.

Queste nuove scoperte dei ricercatori dell’Università di Leeds forniscono un’altra ragione per cui le persone dovrebbero cercare di smettere di fumare, in particolare quelle a cui è stato diagnosticato il melanoma maligno – la forma più pericolosa di cancro della pelle.

Vedi anche, L’analisi di una singola cellula rivela come le cellule di melanoma resistono all’immunoterapia.

Gli scienziati hanno scoperto che, nel complesso, i fumatori avevano il 40% in meno di probabilità di sopravvivere alla loro malattia rispetto alle persone che non hanno mai fumato. In un sottogruppo di 156 pazienti che avevano il maggior numero di indicatori genetici per le cellule immunitarie, i fumatori avevano circa quattro volte e mezzo meno probabilità di sopravvivere dal cancro rispetto a persone che non avevano mai fumato.

Dato che la riduzione della sopravvivenza è risultata maggiore per i fumatori del gruppo con la maggior parte degli indicatori delle cellule immunitarie, i ricercatori ritengono che il fumo possa influenzare direttamente il modo in cui i corpi dei fumatori si occupano delle cellule del melanoma.

Questo studio ha trovato un’associazione tra il fumo e la possibilità di sopravvivenza del paziente al melanoma, ma non è stato possibile determinare con certezza che il fumo abbia causato il calo della sopravvivenza.

E’ noto che il fumo può avere effetti negativi sul sistema immunitario, ma non è ancora noto quali sostanze chimiche siano responsabili di questo effetto.

L’autrice principale dello studio Julia Newton-Bishop, docente di dermatologia all’Università di Leeds, ha dichiarato: “Il sistema immunitario è come un’orchestra, con più parti. Questa ricerca suggerisce che il fumo potrebbe interrompere il modo in cui l’orchestra funziona, permettendo ai musicisti di continuare a suonare, ma possibilmente in un modo più disorganizzato. Il risultato è che i fumatori potrebbero ancora innalzare una risposta immunitaria per cercare di distruggere il melanoma, ma sembra che questa risposta sia meno efficace rispetto a quella dei non fumatori. Di conseguenza i fumatori avevano meno probabilità di sopravvivere al loro cancro. Sulla base di questi risultati, smettere di fumare dovrebbe essere fortemente raccomandato alle persone con diagnosi di melanoma”.

I ricercatori ritengono che il fumo possa aver avuto un impatto sul sistema immunitario dei pazienti e questo potrebbe aver alterato la loro capacità di combattere il cancro della pelle, oltre ad aumentare il rischio di altri problemi di salute legati al fumo.

La Dottoressa Julie Sharp, responsabile delle informazioni sulla salute presso la Cancer Research UK, ha dichiarato: “Nel complesso, questi risultati mostrano che il fumo potrebbe limitare le possibilità di sopravvivenza dei pazienti con melanoma, quindi è particolarmente importante che venga dato loro tutto il supporto possibile per smettere di fumare per sempre “.

Fonte, Cancer Research


Altri articoli su melanoma