L’ attivazione di un gene inverte la depressione nei topi

depressione

L’attivazione diretta di un gene SIRT1 importante per i nostri neuroni eccitatori e associato alla depressione maggiore, inverte i sintomi classici della depressione come l’isolamento sociale e la perdita di interesse nei topi maschi, secondo gli scienziati.

I ricercatori hanno esaminato la corteccia prefrontale, un’area cerebrale coinvolta in comportamenti complessi come la pianificazione, la personalità e il comportamento sociale e noto per avere un ruolo importante nella patogenesi della depressione maggiore e hanno scoperto che l’ inattività del gene SIRT1 nei neuroni eccitatori porta allo sviluppo dei sintomi della depressione nei topi maschi.

Lo studio è stato riportato nella rivista Molecular Psychiatry.

“Quando, come nella vita reale, lo stress non ha diretto la manipolazione genetica causata dalla depressione, un farmaco che ha attivato SIRT1, ha invertito i sintomi della depressione nei topi maschi”, afferma il neuroscienziato comportamentale molecolare Dr. Xin-Yun Lu.

“L’ attivazione del gene ha un effetto antidepressivo”, dice Lu, autore corrispondente dello studio e Professore nel Dipartimento di Neuroscienze e Medicina Rigenerativa presso il Medical College of Georgia presso l’Università di Augusta e Georgia Research Alliance Eminent Scholar in Translational Neuroscience.

“Ciò significa che i farmaci che attivano SIRT1 e consentono il solito alto livello di attività di questi neuroni eccitatori potrebbero un giorno essere una terapia efficace per alcuni pazienti con depressione maggiore”, dice Lu.

La depressione maggiore è uno dei disturbi mentali più comuni negli Stati Uniti, che colpisce quasi il 7% degli adulti, secondo l’Istituto Nazionale di Salute Mentale.

Nella depressione i neuroni non comunicano come dovrebbero. “È come se fossero scollegati”, dice Lu. 

Un altro dei ruoli noti di SIRT1 nelle cellule cerebrali è la regolazione delle centrali cellulari, chiamate mitocondri. Gli scienziati hanno scoperto che almeno una parte del modo in cui l’eliminazione di SIRT1 nei maschi ha colpito l’eccitabilità di questi neuroni normalmente eccitati, era la riduzione del numero di centrali elettriche delle cellule e l’espressione di geni coinvolti nella produzione di centrali elettriche.

Vedi anche Depressione: la ketamina previene la perdita di piacere nei primati.

I comportamenti depressi che sono stati osservati come risultato sono un altro indicatore dell’importanza di SIRT1 in quella regione per la regolazione dell’umore e senza di esso, c’è un’eccitazione insufficiente dei neuroni.

 “Così c’è stata la risoluzione della depressione indotta da stress nei topi maschi quando i ricercatori hanno attivato SIRT1 che era stato disattivato dallo stress”, spiegano gli scienziati.

Essi notano con sorpresa, la mancanza di impatto nei topi femmina poiché la variante SIRT1 è stata identificata per la prima volta in un ampio studio genico sulle donne depresse. Sospettano che le differenze fisiche in questa regione anteriore del cervello, come le differenze nel numero di neuroni e sinapsi tra maschi e femmine, potrebbero aiutare a spiegare le differenze che hanno trovato.

 Lu sta già cercando di scoprire se trova simili disparità nell’ippocampo, un’altra regione del cervello importante nella depressione e in altre condizioni come l’Alzheimer.

“I topi depressi e gli umani agiscono in modo simile”, dice Lu, “Entrambi mostrano una ridotta capacità di provare piacere chiamata anedonia”. Quindi i ricercatori hanno usato la solita preferenza dei topi per una soluzione di saccarosio dolce, come un modo per valutare la loro depressione.

Lu, che è anche un farmacologo, ha in programma di esaminare i farmaci esistenti, compresi alcuni vecchi farmaci mai usati per la depressione, per vedere se qualcuno di essi ha un impatto su SIRT1 come il farmaco che hanno usato per la ricerca.

La depressione è generalmente considerata causata da una combinazione di fattori genetici e ambientali. Lu dice che alcuni individui sono nati con la variante SIRT1 identificata negli studi di associazione genome-wide che li predispone alla depressione, sebbene anche i fattori ambientali debbano entrare in gioco perché la depressione si sviluppi. Nota che la variante SIRT1 è probabilmente rara e associata solo alla depressione piuttosto che considerata causale.

“La corteccia prefrontale è nota per avere un ruolo nelle risposte emotive e coinvolta nel controllo dei neurotrasmettitori, come la serotonina, che sono fondamentali per la regolazione dell’umore. La gravità della depressione è correlata al grado di inattività di quella regione del cervello”, scrivono Lu e i suoi colleghi.

Uno studio del 2015 pubblicato sulla rivista Nature ha riportato studi su tutto il genoma di 5.303 donne cinesi con disturbo depressivo maggiore e 5.337 controlli. I ricercatori hanno identificato una variante del gene SIRT1 come una delle due varianti associate al disturbo

Fonte, Nature


Altri articoli su depressione