Identificato nuovo biomarker per il cancro del polmone

cancro del polmone

Immagine: analisi di immunoblot utilizzando anticorpi anti-CKAP4 con lisati di cellule intere da A549, RERF-LC-AI, N231 e LCN1 e campioni di tessuto polmonare. A) La proteina CKAP4 viene rilevata a circa 63 kDa in tutte le cellule di cancro del polmone. B) La proteina CKAP4 viene anche rilevata a circa 63 kDa nei supernatanti di coltura delle cellule A549 e RERF-LC-AI. C) La proteina CKAP4 è espressa solo nei tessuti del cancro del polmone e non nelle loro controparti normali. T: tessuto tumorale, N: tessuto polmonare normale. CKAP4 è stato osservato a varie intensità nel citoplasma delle cellule tumorali polmonari (D: A549, E: RERF LC-AI, F: N231, G: LCN1) e nei tessuti (H: AC, I: SCC), ma non nel polmone normale epitelio (J: epitelio alveolare, K: epitelio bronchiale). Credit:L’American Journal of Pathology.

Alti livelli di proteina associata al citoscheletro 4 (CKAP4) sono stati identificati nel sangue di pazienti con cancro del polmone. In un nuovo studio, pubblicato sul The American Journal of Pathology, i ricercatori hanno scoperto che i livelli di CKAP4 erano significativamente più alti nei pazienti con cancro del polmone rispetto ai soggetti sani. Hanno inoltre determinato che i livelli di CKAP4 sono già elevati nel sangue dei pazienti con malattia di stadio I e che la proteina può essere un potenziale indicatore diagnostico non invasivo che potrebbe cambiare le pratiche correnti nella diagnosi e nel trattamento di alcuni tipi di cancro ai polmoni, incluso il cancro del polmone non a piccole cellule e carcinoma a cellule squamose e migliorare i risultati dei pazienti.

( Vedi anche:Cancro del polmone: sperimentata con successo nuova immunoterapia).

Il cancro del polmone è la principale causa di decessi per cancro negli uomini e nelle donne negli Stati Uniti e in tutto il mondo. La malattia è associata a una prognosi sfavorevole perché la maggior parte dei tumori polmonari viene diagnosticata solo in uno stadio avanzato.

“L’identificazione dei pazienti in uno stadio precoce del cancro quando può essere trattato chirurgicamente, è estremamente importante per migliorare la prognosi”, ha spiegato Yuichi Sato del Dipartimento di Diagnostica Molecolare, Scuola Universitaria di Allied Health Sciences di Kitasato, Sagamihara, Kanagawa, Giappone, che ha guidato lo studio. “Abbiamo bisogno di biomarcatori migliori per la diagnosi precoce”, dice il ricercatore.

Gli attuali biomarcatori per il carcinoma polmonare comprendono l’antigene carcino-embrionale (CEA), l’antigene sialis Lewis X (SLX), l’antigene del carcinoma a cellule squamose (SCC) e il frammento di citocheratina (CYFRA) 21-1, ma questi non sono sufficientemente sensibili per rilevare precocemente i tumori, secondo il co-ricercatore Ryo Nagashio, della School of Allied Health Sciences di Kitasato. “I risultati del nostro studio forniscono la prova che la proteina CKAP4 può essere un nuovo marker di siero-diagnosi precoce per il cancro del polmone“.

I ricercatori hanno eseguito l’analisi della serie di proteine ​​in fase inversa utilizzando un anticorpo monoclonale indicato come anticorpo KU-Lu-1 sul sangue di 271 pazienti con cancro del polmone e 100 individui sani. KU-Lu-1 ha reagito solo con cellule tumorali e fibroblasti stromali tumorali nei tessuti del cancro del polmone e non con i normali tessuti polmonari. Usando l’ immunoprecipitazione e spettrometria di massa, i ricercatori hanno confermato che l’anticorpo KU-Lu-1 ha riconosciuto CKAP4 nelle cellule e nei tessuti del cancro polmonare e la sua secrezione nel surnatante della coltura è stata anche confermata. Inoltre, è stato studiato anche un set di convalida costituito da campioni di 100 pazienti con carcinoma polmonare e 38 controlli sani.

CKAP4 è stato recentemente identificato come recettore di Dickkopf1 (DKK1). Espressioni di DKK1 e CKAP4 sono state frequentemente osservate nelle lesioni tumorali dei tumori pancreatici e polmonari umani e l’espressione simultanea di entrambe le proteine ​​nei tessuti tumorali era inversamente correlata alla prognosi e alla sopravvivenza libera da recidive.

Negli stadi della malattia I-IV, le sensibilità del siero CEA, CYFRA e SCCA sono riportate rispettivamente da 30 a 52, da 17 a 82 e dal 24 al 39 percento. In questo studio, la sensibilità del siero CKAP4 è stata dell’81 percento nel set di allenamento e del 69 percento nel set di validazione. Queste percentuali sono superiori a quelle degli attuali indicatori di siero-diagnostica. Inoltre, la sensibilità del siero CKAP4 era elevata anche nel carcinoma polmonare non a piccole cellule di stadio I e nel carcinoma a cellule squamose.

“L’uso di CKAP4 come biomarcatore potrebbe cambiare le attuali pratiche riguardanti il ​​trattamento dei pazienti con cancro del polmone e l’accuratezza diagnostica può essere notevolmente migliorata dalla combinazione di CKAP4 e marcatori convenzionali”, ha concluso il Dr. Sato.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su cancro del polmone