Cancro del polmone: sperimentata con successo nuova immunoterapia

cancro del polmone non a piccole cellule

Immagine: Mark Rubinstein a destra e John Wrangle. Credit: Sarah Pack, Medical University of South Carolina.

In uno sviluppo pionieristico, una recente sperimentazione clinica per il trattamento del cancro del polmone ha mostrato che una nuova combinazione di immunoterapia è sorprendentemente efficace nel controllare la progressione del cancro del polmone. Lo studio, pubblicato il 4 aprile sulla rivista The Lancet Oncology, si è concentrato sul cancro del polmone non a piccole cellule, che è la forma più comune di cancro ai polmoni.

L’immunologo John Wrangle dell’ Hollings Cancer Center presso la Medical University of South Carolina, ha spiegato che si tratta di una terapia promettente che può essere erogata in ambiente ambulatoriale. Insieme al suo collega Mark Rubinstein anche del’ Hollings Cancer Center, il ricercatore ha progettato una sperimentazione clinica iniziata nel 2016.

I pazienti con carcinoma polmonare metastatico non a piccole cellule, dopo la chemioterapia,  continueanno ad essere trattati con l’immunoterapia, un tipo di terapia che utilizza il sistema immunitario del corpo per combattere il cancro con una classe di farmaci immunoterapeutici nota come inibitori del “checkpoint”, in quanto mirano a controllare i punti di controllo nella regolazione del sistema immunitario per consentire alle difese naturali del corpo, come i globuli bianchi, di individuare più efficacemente il cancro.

(Vedi anche: Nuova strategia per uccidere le cellule del cancro del polmone e del seno).

Rubinstein ha spiegato che gli inibitori del checkpoint funzionano tagliando i cavi dei freni sulle cellule bianche del sangue che sono intrinsecamente in grado di uccidere le cellule tumorali. “La particolarità della terapia che stiamo testando è che oltre a tagliare i cavi dei freni sui globuli bianchi, fornisce carburante per uccidere più efficacemente le cellule tumorali”, dice il ricercatore.

La terapia di Wrangle e Rubinstein è una combinazione di un farmaco di controllo, Nivolumab, con un nuovo e potente farmaco di stimolazione immunitaria, ALT-803. “Ciò che rende unico il nostro trial è che si tratta di due tipi completamente diversi di farmaci che non sono mai stati combinati nell’uomo e lo studio ha dimostrato che questi farmaci possono essere somministrati in modo sicuro, e inoltre, ci sono prove che possono aiutare i pazienti in cui la terapia di controllo  non abbastanza efficace da sola “, ha detto Rubinstein.

I pazienti che hanno smesso di rispondere alla terapia del checkpoint possono essere aiutati in modo significativo aggiungendo ALT-803 al trattamento. Studi preclinici hanno dimostrato che ALT-803 attiva il sistema immunitario per mobilizzare i linfociti contro le cellule tumorali e potrebbe potenzialmente servire come componente importante nei trattamenti di combinazione. Dei 21 pazienti trattati, nove in precedenza avevano una malattia stabile o hanno risposto all’immunoterapia con un solo agente prima di diventare resistenti a questo trattamento. Di questi nove pazienti, il 100 per cento ha avuto una malattia stabile o ha avuto una risposta parziale al trattamento utilizzato in questo studio.

“Possiamo riaffermare il controllo, almeno in termini di malattia stabile, in sostanza in tutti quei pazienti che abbiamo trattato finora”, ha aggiunto Wrangle.

Questa nuova combinazione rappresenta un enorme passo avanti nel trattamento del cancro. “Mentre per decenni le modalità terapeutiche erano la chirurgia, la radioterapia e la chemioterapia, l’ultimo decennio ha portato una terapia mirata e, più recentemente, l’immunoterapia, che altera fondamentalmente l’equilibrio di potere tra il tuo corpo e il tuo cancro”, ha detto Wrangle. Il 75 per cento dei pazienti con cancro del polmone sono sfortunatamente diagnosticati in uno stadio incurabile.

Wrangle attribuisce il merito del lavoro di Rubinstein, allo sviluppo di ALT-803, strumentale a questo progresso. La ricerca su ALT-803 è iniziata anni fa mentre Rubinstein stava facendo il suo addestramento post-dottorato presso l’Istituto di ricerca dello Scripps. È stato lì che ha scoperto il potente stimolatore del sistema immunitario utilizzato in questo studio. Lo stimolatore, noto come complesso IL-15, è in realtà una combinazione di un fattore di crescita del sistema immunitario e del suo recettore solubile. IL-15 è un fattore di crescita per alcuni tipi di globuli bianchi, comprese le cellule killer naturali e le cellule T.

Wrangle ha spiegato che le cellule killer naturali sono il braccio principale della risposta immunitaria innata. “Sono una parte importante della risposta anticancro di cui non si parla da molto tempo”.

Le sperimentazioni che hanno avurto successo nel trattamento del cancro del sono incredibilmente rare. “Ci sono pochissime persone nella storia umana che ottengono il privilegio di sviluppare una nuova terapia per qualsiasi malattia umana e molte meno per il cancro. Mark e io siamo ora in questo strano micro-club di persone che hanno sviluppato una nuova terapia per il cancro: è un privilegio incredibile poterlo fare “, ha detto Wrangle.

A differenza di altre immunoterapie che richiedono l’ammissione in ospedale, questa nuova combinazione terapeutica può essere somministrata in regime ambulatoriale. “Il piano era di fare tutto come una terapia ambulatoriale perché la terapia ospedaliera è semplicemente irrealizzabile: i miei pazienti si sentono come se avessero l’influenza e questa è la parte rivoluzionaria di questa classe di agenti “, ha detto Wrangle.

C’è ancora molto lavoro da fare prima che la nuova combinazione di farmaci possa essere utilizzata al di fuori di una sperimentazione clinica. “Abbiamo molto da capire su come utilizzare questa terapia e abbiamo bisogno di trattare alcune centinaia di pazienti per avere un migliore senso di come affinare la sinergia di queste due classi di farmaci”, conclude il ricercatore.

Fonte: The Lancent Oncology

Altri articoli su cancro del polmone non a piccole cellule