HomeMedicina AlternativaIBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain)

L’integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa, secondo i ricercatori del Center for Diabetes and Metabolism Research dell’Università di Sichuan in Cina e del Cedars Sinai Medical Center di Los Angeles.

Inoltre, la clorofillina riduce significativamente la mortalità correlata a IBD, perdita di peso, diarrea e sangue nelle feci, danno epiteliale intestinale e infiltrazione di cellule infiammatorie.

- Advertisement -

 I risultati dello studio sono stati pubblicati prima della stampa sull’American Journal of Physiology-Gastrointestinal and Liver Physiology e lo studio è stato scelto come articolo APS select per agosto.

I disturbi gastrointestinali cronici come l’IBD colpiscono decine di milioni di persone negli Stati Uniti. L’IBD ha creato un onere sanitario globale a causa dell’aumento dei costi di trattamento della condizione. Sebbene la causa esatta dell’IBD non sia completamente compresa, alcuni fattori che contribuiscono alla malattia includono lo stress e le scelte ambientali, lo stile di vita e la dieta, come l’elevato consumo di carne o pesce. Anche l’infiammazione cronica, l’anomalia nell’autofagia – il processo del corpo di ripulire le cellule danneggiate per fare spazio a cellule più nuove e più sanee lo stress lisosomiale (un’anomalia in un organello che porta all’infiammazione) sono collegati alla condizione.

Le attuali terapie per l’IBD includono farmaci che sopprimono il sistema immunitario (immunosoppressori) e la chirurgia. Tuttavia, l’uso a lungo termine di trattamenti immunosoppressori potrebbe causare gravi effetti avversi, comprese infezioni e persino insufficienza d’organo.

Vedi anche: IBD: nuova terapia combinata con i fagi per il trattamento

- Advertisement -

In questo studio, i ricercatori hanno scoperto che l’assunzione di un integratore orale di clorofillina, un composto derivato dal pigmento verde presente nelle piante, riduce la colite e le anomalie negli epiteli intestinali dei topi. Inoltre, il consumo di verdure verdi e l’integrazione con clorofillina può essere utile per il recupero dell’IBD, in parte attraverso l’alleviamento dell’infiammazione e del flusso autolisosomico (un processo che utilizza il lisosoma per degradare e rimuovere molecole e organelli tossici). Il pigmento verde presente in questi alimenti e gli integratori possono avviare una segnalazione per modulare l’autofagia nelle cellule che sopprime i sintomi dell’IBD.

I ricercatori ritengono che questi risultati potrebbero avviare un percorso verso un nuovo trattamento meno invasivo per l’IBD. “Il consumo di verdure di colore verde o integratori di pigmenti verdi come la clorofillina potrebbe aiutare le persone con malattie infiammatorie intestinali”, ha affermato Xiaofeng Zheng, Ph.D., dell’Università di Sichuan e coautore dello studio.

Fonte:American Journal of Physiology-Gastrointestinal and Liver Physiology

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...