HomeSaluteVirus e parassitiSARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l'emergere di nuove varianti

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all’emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2? 

Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell’University Medical Center Hamburg-Eppendorf (UKE) ha studiato questo problema in modo più dettagliato e ora è stato in grado di dimostrare che non è l’infezione prolungata di per sé che porta al comparsa di nuove varianti. Piuttosto, un processo evolutivo può essere creato da un trattamento antivirale.

I risultati dello studio sono ora apparsi sulla rivista Cell Reports Medicine come versione pre-print.

- Advertisement -

Le infezioni prolungate da SARS-CoV-2 si verificano principalmente nei pazienti immunocompromessi e sono state ripetutamente discusse come importanti contributori nell’evoluzione virale: una ridotta restrizione immunitaria potrebbe portare a un ampio aumento della diversità virale all’interno dell’ospite, favorendo l’ emergere di nuove varianti, soprattutto se i trattamenti antivirali, come il Remdesivir o il plasma convalescente, esercitano una pressione selettiva per l’acquisizione delle mutazioni di fuga.

Analisi della diversità genomica nelle infezioni prolungate

Nello studio pubblicato, un gruppo di ricerca guidato dal Prof. Adam Grundhoff (LIV) e dal Prof. Nicole Fischer (UKE) ha ora verifiato se i pazienti con infezioni prolungate mostrano generalmente una maggiore evoluzione virale, che potrebbe consentire l’emergere più rapido delle varianti di SARS-CoV-2 o se determinati regimi di trattamento promuovono l’emergere di nuove mutazioni.

A tale scopo, la diversità genomica all’interno dell’ospite è stata studiata mediante sequenziamento dell’intero genoma in campioni longitudinali di 14 pazienti con persistenza virale prolungata (30-146 giorni) durante una grave malattia da COVID-19; compresi i pazienti immunocompromessi e immunocompetenti con o senza trattamento antivirale per valutare l’insorgenza di mutazioni con e senza pressione selettiva.

- Advertisement -

Nel complesso, il virus era notevolmente stabile nella stragrande maggioranza degli individui studiati. Tuttavia, in un paziente trattato con Remdesivir, abbiamo osservato che un numero elevato di mutazioni si è verificato immediatamente dopo l’inizio del trattamento, inclusa almeno una mutazione altamente probabile per conferire una maggiore resistenza al Remdesivir“, spiega il Prof. Adam Grundhoff, capo del LIV Virus Genomics Research Group.

Vedi anche:SARS-CoV-2: l’estratto di ortica inibisce la fusione cellulare

Il trattamento antivirale promuove “il collo di bottiglia” evolutivo di SARS-CoV-2

I pazienti con infezione prolungata da SARS-CoV-2 e trattamento antivirale con Remdesivir hanno mostrato un aumento significativo della diversità virale intra-ospite con nuove mutazioni emergenti. Al contrario, nei pazienti che ricevevano solo un trattamento antinfiammatorio, l’emergere di nuove varianti è stata osservata solo sporadicamente.

Il trattamento antivirale promuove l'emergere di nuove varianti SARS-CoV-2

Immagine: astratto grafico. Credito: Cell Reports Medicine (2022). DOI: 10.1016/j.xcrm.2022.100735

“Il nostro lavoro mostra che non è la lunga durata dell’infezione di per sé che porta all’emergere di nuove varianti. Piuttosto, ciò richiede un collo di bottiglia evolutivo, come quello che può essere creato da un trattamento antivirale. Questa scoperta è particolarmente importante in vista delle recenti discussioni sull’uso di Remdesivir per il trattamento di pazienti ad alto rischio non ospedalizzati, ma anche per l’introduzione di terapie antivirali potenzialmente nuove“, afferma la Prof.ssa Nicole Fischer dell’UKE.

Fonte:Cell Reports Medicine

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...