HomeSaluteVirus e parassitiCome l'epatite E inganna il sistema immunitario

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain).

Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell’epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team internazionale ha studiato quali fattori sono importanti per il virus nel corso del suo ciclo di replicazione e come riesce a mantenere l’infezione.

I ricercatori hanno analizzato varie mutazioni del virus e trovato cambiamenti che potrebbero consentire al virus di ingannare il sistema immunitario. Il 15 agosto 2022 il team del Dipartimento di virologia molecolare e medica della Ruhr-Universität Bochum guidato dalla Dott.ssa Toni Luise Meister, dal Dott. Daniel Todt e dalla Prof.ssa Eike Steinmann ha riportato i propri risultati negli atti dell’Accademia nazionale delle scienze.

- Advertisement -

Vantaggi e svantaggi delle mutazioni

Gli anticorpi sono un importante meccanismo di difesa contro le infezioni virali nel nostro corpo. Si legano specificamente principalmente alle proteine ​​​​di superficie dei virus per renderlo innocuo. Ma i virus hanno sviluppato strategie per eludere questa neutralizzazione. Durante un’infezione con il virus dell’epatite E, le mutazioni casuali spesso danno origine a varianti del virus che possono coesistere all’interno di una persona infetta. L’agente antivirale Ribavirina, che ricevono molti pazienti con infezione cronica, può persino aumentare la formazione di tali varianti.

Il team di ricerca ha esaminato più da vicino otto varianti della proteina del capside da campioni di pazienti con infezione cronica trattati con Ribavirina in laboratorio. Il team voleva sapere se i cambiamenti genetici portano vantaggi o svantaggi per il virus e se influenzano la capacità del virus di replicarsi o la sua infettività.

“Mentre sette delle mutazioni studiate si sono comportate esattamente come il virus, abbiamo riscontrato differenze in un mutante”, afferma Toni Luise Meister. Questa mutazione colpisce la proteina del capside che è essenziale per confezionare le particelle virali.

- Advertisement -

“I virus con questa mutazione sono assemblati in modo errato, sono probabilmente più piccoli del virus oroginario e la proteina del capside non si accumula nella cellula”, afferma Daniel Todt. Queste particelle non sono infettive, ma sono correttamente riconosciute e legate dagli anticorpi del sistema immunitario.

Vedi anche:Sulle tracce del collegamento tra epatite e cancro del fegato

“Questo potrebbe essere un vantaggio per il virus. Queste particelle difettose potrebbero potenzialmente catturare gli anticorpi, in modo che non ce ne siano più abbastanza per neutralizzare le particelle virali infettive correttamente assemblate“, aggiunge Eike Steinmann.

Come l'epatite E inganna il sistema immunitario

Immagine: determinazione della produzione di particelle virali infettive delle varianti ORF2. Credito:Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze (2022). DOI: 10.1073/pnas.2202653119

Epatite E

Il virus dell’epatite E (HEV) è la principale causa di epatite virale acuta. Circa 70.000 persone muoiono a causa della malattia ogni anno. Dopo la prima epidemia documentata dal 1955 al 1956, sono trascorsi più di 50 anni prima che i ricercatori esaminassero più da vicino la condizione.

Le infezioni acute di solito guariscono da sole negli individui con un sistema immunitario sano. Nei pazienti con sistema immunitario compromesso, come trapiantati d’organo o pazienti con infezione da HIV, l’HEV può diventare cronico. L’HEV è anche particolarmente minaccioso per le donne in gravidanza.

Fonte: Atti della National Academy of Sciences

ULTIMI ARTICOLI

La vitamina K previene la morte cellulare

(Vitamina k-Immagine: le cellule “-” muoiono per ferroptosi “+” La vitamina K previene efficacemente la ferroptosi. Credito: Mishima et al., Nature) Una nuova scoperta suggerisce anche...

L’Alzheimer: bassi livelli di beta amiloide la causa?

Una nuova ricerca dell'Università di Cincinnati rafforza l'ipotesi che il morbo di Alzheimer sia causato da un calo dei livelli di una specifica proteina,...

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali...

L’ossitocina ha proprietà curative del cuore

(Ossitocina-Immagine Credit Public Doimain). I ricercatori hanno scoperto che l'ossitocina, spesso definita "l'ormone dell'amore", un giorno potrebbe aiutare a guarire i cuori dopo un infarto. Il...

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...