HomeSaluteIntestino e stomacoIBD: gli alimenti trasformati aumentano il rischio-Intervista al Prof.Neeraj Narula

IBD: gli alimenti trasformati aumentano il rischio-Intervista al Prof.Neeraj Narula

(IBD-Immagine Credit Public Domain).

In questa intervista, News-Medical parla con il Dr. Neeraj Narula del cibo ultra-elaborato e di come questo può aumentare il rischio di sviluppare malattie infiammatorie intestinali (IBD).

NewsMedical:Per favore, potresti presentarti e raccontarci cosa ha ispirato la tua ultima ricerca sugli alimenti trasformati e sulle malattie infiammatorie intestinali (IBD)?

- Advertisement -

Dr. Neeraj Narula: Sono un gastroenterologo presso la Hamilton Health Sciences e Professore associato di medicina presso la McMaster University di Hamilton, Ontario, Canada. Alcuni dei miei amici e familiari dell’Asia meridionale che vivono in Canada hanno sviluppato l’IBD e sono stato a lungo interessato a determinare quali fattori ambientali esistono nelle nazioni occidentalizzate che possono aumentare il rischio di sviluppo dell’IBD rispetto alle nazioni in via di sviluppo come l’India.

Una chiara differenza è il tipo di cibo che mangiamo – in particolare, molti degli alimenti nelle nazioni occidentalizzate contengono elevate quantità di molti ingredienti e additivi non naturali come aromi artificiali, zuccheri, stabilizzanti, emulsionanti e conservanti. I detersivi e gli emulsionanti che vengono aggiunti agli alimenti possono avere un impatto dannoso sulla barriera intestinale, poiché alcuni documenti di ricerca scientifica traslazionale hanno dimostrato un aumento della permeabilità intestinale (o “permeabilità intestinale”) causata dal consumo di questi ingredienti. Si ritiene che l’aumento della permeabilità intestinale sia una parte fondamentale della patogenesi dell’IBD, quindi io e i miei colleghi volevamo valutare se esistesse una relazione tra una maggiore assunzione di alimenti trasformati e lo sviluppo della successiva IBD.  

Cosa si intende con il termine ‘cibo ultralavorato’?

La lavorazione del cibo significa sostanzialmente modificare lo stato naturale di un  alimento. Questo può essere fatto aggiungendo ingredienti semplici come sale o olio, o ingredienti più complessi come conservanti o emulsionanti. Gli alimenti ultra-elaborati si riferiscono a quelli che sono altamente elaborati e possono contenere additivi come coloranti, aromi o stabilizzanti artificiali.

Esempi di questi alimenti includono bibite, hot dog, biscotti, torte, salumi, ecc.

Che cos’è l’IBD e ci sono predisposizioni genetiche che possono aumentare il rischio di questa malattia?

- Advertisement -

Le malattie infiammatorie intestinali (IBD), costituite dal morbo di Crohn (MC) e dalla colite ulcerosa (UC), sono disturbi infiammatori cronici del tratto gastrointestinale. Si ritiene comunemente che i cambiamenti nel microbiota intestinale che si verificano in individui geneticamente predisposti possano portare all’attivazione del sistema immunitario e portare al danno dell’intestino che osserviamo nei pazienti con IBD.

Ricerche precedenti hanno suggerito che l’IBD è più comune nelle nazioni industrializzate. Perchè?

Non lo sappiamo per certo. Ma si pensa che sia dovuto alle differenze ambientali che esistono nelle nazioni industrializzate rispetto a quelle in via di sviluppo.  

Ipotesi comuni per le differenze tra le nazioni industrializzate e in via di sviluppo che potrebbero predisporre all’IBD includono differenze nella dieta, esposizione a inquinanti atmosferici e metalli pesanti, esposizione ad antibiotici nei primi anni di vita, tra le altre.

Puoi descrivere come hai condotto la tua ultima ricerca sull’assunzione di cibo ultra-processato e sull’IBD?

Questo studio è stato condotto come parte dello studio PURE, uno studio prospettico di coorte osservazionale in corso da quasi 20 anni. Sono stati reclutati più di 130.000 partecipanti in 21 paesi.

PURE è stato progettato tenendo conto degli esiti cardiovascolari e, di conseguenza, ha concentrato il reclutamento principalmente su adulti di età compresa tra 35 e 70 anni. Al momento del reclutamento, i partecipanti hanno completato diversi questionari di base, incluso un questionario sulla frequenza alimentare e hanno anche donato il sangue che è stato elaborato e congelato per future analisi.

Per questo studio, la nostra esposizione di interesse era il cibo trasformato. Abbiamo incluso qualsiasi alimento che contenga additivi, aromi artificiali, coloranti o altri ingredienti chimici nella nostra definizione di alimenti trasformati. Abbiamo anche condotto alcune analisi esplorative per esaminare altre variabili dietetiche che in precedenza erano state segnalate come associate o protettive dallo sviluppo di IBD.

Il nostro risultato di interesse era lo sviluppo della malattia di Crohn o della colite ulcerosa durante il periodo di follow-up. Abbiamo aggiustato per molti fattori confondenti che potrebbero anche avere un impatto sullo sviluppo di IBD.

Cosa hai scoperto?

Per la nostra esposizione principale di interesse, l’assunzione totale di alimenti trasformati, abbiamo osservato un rischio più elevato per lo sviluppo sia del morbo di Crohn che della colite ulcerosa in quelli con un’assunzione di alimenti trasformati maggiore rispetto a un’assunzione inferiore. I partecipanti con assunzione di più di 5 porzioni al giorno di alimenti trasformati avevano quasi il doppio del rischio di sviluppare IBD rispetto a quelli con meno di 1 porzione al giorno.

Vedi anche:Individuata una variazione genetica responsabile dello sviluppo della IBD

C’erano cibi che non mostravano un aumento del rischio di IBD?

Parecchi! Non abbiamo trovato alcuna associazione quando abbiamo esaminato carne bianca, carne rossa, latticini, amido, frutta, verdura e legumi.

Abbiamo scoperto che una maggiore assunzione di cibo fritto era anche associata a un rischio più elevato di IBD, sebbene molti cibi fritti siano anche alimenti trasformati, come ad esempio i bastoncini di pesce, quindi qui potrebbero esserci delle sovrapposizioni.

Ci sono dei limiti nella tua ricerca? Se così è, quali sono?

Decisamente. Questi limiti sono descritti in dettaglio nel nostro documento. Ma nel complesso, sebbene siamo stati in grado di adeguarci a molte variabili attraverso i nostri modelli multivariabili, esiste ancora la possibilità di bias residui dovuti a fattori confondenti sconosciuti, misurati in modo improprio o non misurati a causa della natura osservativa del nostro studio.

Credi che con ulteriori ricerche sugli effetti di diverse diete e IBD, si possa determinare un legame più chiaro?

Decisamente. Questo è un argomento scottante nel campo dell’IBD e prevedo diversi sviluppi entusiasmanti nei prossimi 5 anni che aiuteranno a far progredire il nostro campo.

Quali sono i prossimi passi della tua ricerca?

Il nostro studio ha trovato un’associazione tra una maggiore assunzione di alimenti trasformati e lo sviluppo di successive IBD. Per coloro che hanno già l’IBD, tuttavia, non è certo se l’esclusione di alimenti altamente trasformati porterà a un miglioramento della malattia. Una volta iniziata la cascata infiammatoria, è probabile che sia troppo tardi perché i cambiamenti nella dieta apportino un miglioramento significativo al decorso della malattia. Detto questo, stiamo esplorando modifiche dietetiche che potrebbero essere utilizzate come parte della gestione terapeutica dei pazienti con malattia di Crohn.

Fonte: NewsMedical

 

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...