Home Salute Intestino e stomaco I probiotici - anche quelli inattivi - possono alleviare i sintomi dell'IBS

I probiotici – anche quelli inattivi – possono alleviare i sintomi dell’IBS

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è una malattia cronica dell’intestino che può causare una varietà di sintomi gastrointestinali tra cui dolore addominale e diarrea, costipazione o un mix dei due. L’IBS può ridurre la qualità della vita e può avere un impatto economico sostanziale.

I medici diagnosticano l’IBS identificando i sintomi stabiliti nei Criteri di Roma, un insieme di misure diagnostiche sviluppate da un gruppo di oltre 100 esperti internazionali. Vengono inoltre eseguiti test diagnostici per escludere altre condizioni che potrebbero presentare sintomi simili. Sebbene la causa precisa dell’IBS rimanga sconosciuta, ricerche recenti suggeriscono che uno squilibrio nel microbiota intestinale (i microrganismi che vivono nel tratto digestivo) e una barriera intestinale disfunzionale (che, quando funziona correttamente, aiuta a mantenere contenuti potenzialmente dannosi nell’intestino consentendo al contempo ai nutrienti di essere assorbiti nel flusso sanguigno) possono essere coinvolti nello sviluppo dell’IBS in alcune persone. Per questo motivo, sono stati esplorati diversi metodi per ripristinare il microbiota come trattamento per questa condizione.

L’equilibrio dei batteri è importante per la salute dell’intestino

- Advertisement -

Molti processi digestivi si basano su un equilibrio di vari batteri che si trovano naturalmente nel tratto gastrointestinale. Se questi batteri non sono equilibrati, possono verificarsi disturbi gastrointestinali, possibilmente incluso IBS.

I probiotici, che sono batteri o lieviti associati a benefici per la salute, possono aiutare a ripristinare questo equilibrio. La maggior parte dei probiotici utilizzati nel trattamento dell’IBS rientrano in due gruppi principali: Lactobacillus e Bifidobacterium. Questi probiotici sono pensati per aiutare il sistema digestivo. Tra le altre funzioni, possono rafforzare la barriera intestinale, aiutare il sistema immunitario a rimuovere i batteri nocivi e abbattere i nutrienti.

I probiotici possono alleviare i sintomi dell’IBS

L’American College of Gastroenterology ha condotto una meta-analisi di oltre 30 studi, che hanno scoperto che i probiotici possono migliorare i sintomi generali, nonché gonfiore e flatulenza, nelle persone con IBS. Tuttavia, la qualità complessiva delle prove degli studi inclusi nella meta-analisi era bassa e le raccomandazioni specifiche sull’uso di probiotici per IBS sono rimaste poco chiare. È stato segnalato che il ceppo probiotico Bifidobacteriumbifidum MIMBb75 aderisce particolarmente bene alle cellule intestinali e quindi può avere un vantaggio nel modificare il microbiota intestinale e aumentare la funzionalità della barriera intestinale. In uno studio clinico pubblicato su Alimentary Pharmacology & Therapeutics, assumere una volta al giorno Bifidobacterium bifidum MIMBb75 ha migliorato significativamente i sintomi IBS generali, nonché i singoli sintomi IBS tra cui dolore addominale, gonfiore e urgenza fecale.
Recenti studi hanno scoperto che i probiotici inattivi alleviano i sintomi dell’IBS
Più recentemente, Bifidobacterium bifidum MIMBb75 ha dimostrato di migliorare i sintomi dell’IBS, anche nella sua forma inattivata. Per lo studio clinico di otto settimane, in doppio cieco, controllato con placebo, pubblicato su Lancet Gastroenterology, i ricercatori hanno studiato se la forma inattivata al calore di Bifidobacterium bifidum MIMBb75 potesse alleviare i sintomi dell’IBS. (I batteri Bifidobacterium bifidum inattivati ​​al calore non erano vitali, ma mantenevano la loro forma e la loro capacità di aderire alle cellule intestinali).
Complessivamente, 443 pazienti di età media di 41 anni con il 70% di donne, sono stati randomizzati a ricevere Bifidobacterium bifidum MIMBb75 o placebo inattivati ​​al calore una volta al giorno. Un totale di 377 pazienti (190 probiotici e 187 placebo) hanno completato lo studio. L’endpoint primario è stato definito come un miglioramento del 30% o maggiore del dolore addominale o sintomi IBS in qualche modo alleviati in quattro o più settimane della durata dello studio di otto settimane. Significativamente più pazienti che hanno ricevuto il probiotico Bifidobacterium hanno raggiunto l’endpoint primario rispetto ai pazienti che hanno ricevuto placebo (34% contro 19%). Inoltre, una percentuale significativamente maggiore di pazienti che hanno ricevuto il probiotico ha riportato un adeguato sollievo dei sintomi rispetto al placebo. Infine, anche i sintomi individuali tra cui gonfiore, soddisfazione del movimento intestinale e qualità della vita sono stati significativamente migliorati con Bifidobacterium bifidum MIMBb75 rispetto al placebo.
In precedenza, il consenso generale sosteneva che solo i batteri attivi e viventi possono avere effetti benefici. Ma questi risultati suggeriscono che il bifidobatterio inattivato al calore può svolgere un ruolo significativo nell’alleviare i sintomi dell’IBS, una sindrome con opzioni tipicamente limitate per il sollievo.
Ciò è importante perché i probiotici inattivi presentano numerosi vantaggi potenziali rispetto ai probiotici attivi. Ad esempio, hanno maggiori probabilità di essere stabili, in particolare se esposti a calore eccessivo. I probiotici inattivi sono anche più facili da standardizzare rispetto ai probiotici attivi. I probiotici attivi sollevano anche preoccupazioni per i pazienti che possono essere sensibili alle infezioni; i probiotici inattivi dovrebbero alleviare queste preoccupazioni.
Resta da sapere se anche altri ceppi di probiotici inattivati ​​al calore miglioreranno i sintomi dell’IBS.
- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

Come SARS-CoV-2 raggiunge il cervello

SARS-CoV-2-Immagine: Pubvlic Domain. SARS-CoV-2 entra nel cervello attraverso le cellule nervose nella mucosa olfattiva. Utilizzando campioni di tessuto post mortem, un team di ricercatori della Charité...

La depressione può essere rivelata dalla pupilla

Depressione-Immagine Credit Public Domain. "La depressione può essere rivelata dalla dilatazione delle pupille", secondo uno studio degli scienziati dell'Istituto Max Planck di Psichiatria che lo...

Alzheimer: modificare un gene per prevenire la malattia

Alzheimer-Immagine Credit Public Domain. Un team di ricercatori della Laval University ha trovato prove che si potrebbe prevenire lo sviluppo della malattia di Alzheimer modificando...

Livelli di Vitamina D-batteri intestinali: trovata connessione

Vitamina D e microbioma-Immagine Credit Public Domain. Ricercatori e collaboratori dell'Università della California di San Diego hanno recentemente trovato una connessione tra livelli di vitamina...

Proteine: risoluzione 3D da AI rivoluzionerà la biologia

Proteine:Immagine:la funzione di una proteina è determinata dalla sua forma 3D. Credito: DeepMind. Secondo gli scienziati, il programma di apprendimento profondo di Google per determinare le...