Nuovi farmaci approvati per il carcinoma prostatico avanzato BRCA-positivo

Immagine: Credit Wikipedia.

I geni BRCA difettosi sono ben noti per la loro capacità di causare tumori al seno e alle ovaie nelle donne. Ma questi stessi difetti genetici sono anche forti fattori di rischio per il cancro alla prostata aggressivo negli uomini. Circa il 10% degli uomini con carcinoma prostatico metastatico, ovvero tumore che si sta diffondendo lontano dalla prostata, risulta positivo alle mutazioni genetiche dei geni BRCA. Fortunatamente, questi tumori possono essere trattati con nuovi tipi di terapie personalizzate.

A maggio, la FDA ha approvato due nuovi farmaci specifici per gli uomini con carcinoma prostatico metastatico BRCA positivo che ha smesso di rispondere ad altri trattamenti. Uno dei farmaci, chiamato Rucaparib, è stato approvato il 15 maggio, l’altro, Olaparib, è stato approvato il 19 maggio. Entrambi i farmaci agiscono bloccando la capacità della cellula cancerosa di riparare il suo DNA. Come tutte le cellule del corpo, le cellule tumorali vengono bombardate ogni giorno da radicali liberi, radiazioni di basso livello e altri fattori di stress che causano danni al DNA. I geni BRCA di solito riparano quel danno in modo che le cellule possano funzionare normalmente e sopravvivere. Ma se i geni sono difettosi, il danno si accumula. I tumori BRCA positivi risolvono questo problema implementando un gene di riparazione del DNA alternativo chiamato PARP.  Rucaparib e Olaparib inibiscono entrambi PARP, lasciando le cellule tumorali senza alcuna possibilità di riparare il loro DNA e alla fine le cellule muoiono. Ognuno di questi farmaci era già stato approvato per altri tumori positivi a BRCA e prima della loro approvazione erano stati utilizzati “off-label” anche negli uomini con carcinoma prostatico. “Le approvazioni dovrebbero consentire a un maggior numero di pazienti di beneficiare di questi due farmaci”, afferma il Dr. Marc Garnick, Professore di medicina del Gorman Brothers presso la Harvard Medical School e Beth Israel Deaconess Medical Center ed editore capo di HarvardProstateKnowledge .org.

Vedi anche: Perché l’adenocarcinoma duttale pancreatico è così letale

Cosa hanno mostrato gli studi

I risultati degli studi clinici hanno mostrato che i farmaci erano ben tollerati, con effetti collaterali simili a quelli della chemioterapia lieve. Rucaparib è stato testato in uno studio clinico a braccio singolo (ovvero senza gruppo di controllo), arruolando quasi 400 uomini con carcinoma prostatico metastatico BRCA positivo che non rispondevano più ad altri trattamenti. I risultati hanno mostrato che i tumori si sono ridotti nel 44% dei soggetti arruolati, in alcuni casi fino a due anni. Olaparib è stato testato in una popolazione simile e ha ritardato la progressione della malattia di una media di 7,4 mesi, che era un tempo poco più di due volte più lungo di un tipo di terapia ormonale utilizzata nel braccio di controllo di quello studio. Entrambi i farmaci hanno i loro difetti. Come terapie personalizzate, funzionano solo per gli uomini con carcinoma prostatico BRCA-positivo e solo la metà degli uomini trattati ne trarrà beneficio. Inoltre, l’esperienza con gli inibitori PARP finora è che i tumori diventano resistenti alla terapia entro 6-12 mesi. È ancora allo studio se gli inibitori di PARP allunghino effettivamente la sopravvivenza per gli uomini con carcinoma prostatico metastatico. E molte altre domande rimangono su come utilizzare i farmaci nel modo più efficace per massimizzare i loro benefici.

Tuttavia, il Dr. Garnick descrive le approvazioni come un importante progresso per le terapie per il cancro alla prostata sviluppate per sottogruppi specifici nella popolazione. “I test genetici, necessari per determinare l’idoneità di un paziente a ricevere questi farmaci, hanno dimostrato che le mutazioni sono molto più comuni di quanto si pensasse in precedenza”, afferma. “Inoltre, altre mutazioni negli uomini con carcinoma prostatico avanzato sono state scoperte e molte di esse possono essere trattate con successo con farmaci mirati che possono rallentare la progressione della malattia”.

Fonte: Health Harvard