Home Alimentazione & Benessere I flavonoli vegetali riducono significativamente il rischio di Alzheimer

I flavonoli vegetali riducono significativamente il rischio di Alzheimer

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Neurology a gennaio 2020 conclude che aumentare l’assunzione di flavonoli vegetali riduce drasticamente il rischio di demenza di Alzheimer (AD) fino alla metà. In altre parole, l’Alzheimer potrebbe essere prevenuto in molte persone semplicemente mangiando e bevendo regolarmente più alimenti contenenti questi composti come tè, arance e broccoli.

Il morbo di Alzheimer

L’AD è una patologia cerebrale progressiva in cui l’individuo perde abilità cognitive, tra cui capacità di memoria e di pensiero e la capacità di svolgere compiti semplici. È di gran lunga la principale causa di tali disturbi e colpisce oltre 5 milioni di americani.

Questo studio è stato condotto su oltre 900 persone che facevano parte di un più ampio progetto di ricerca in corso nella comunità chiamato Progetto Rush Memory and Aging (MAP). Questi partecipanti sono stati valutati annualmente per la loro salute neurologica e i loro schemi dietetici, per una media di 6 anni, ma alcuni per un massimo di 12 anni. L’età media era di 81 anni e 3 su 4 erano donne.

Vedi anche, I flavonoli del cacao favoriscono la salute cardiovascolare

Le scoperte

Nel primo studio, 220/921 partecipanti hanno sviluppato AD durante lo studio. Il rischio di AD è diminuito con una maggiore assunzione di flavonoli. Questa scoperta è stata valida anche dopo che i ricercatori si sono adeguati ad altri fattori associati alla salute. I ricercatori hanno anche tenuto conto di fattori genetici come la presenza del gene APOE4 e di fattori di rischio cardiovascolare che potrebbero influenzare il rischio di AD, come diabete mellito, anamnesi di infarto, ictus o ipertensione.

Classificati in cinque gruppi in base alla riduzione dell’assunzione di flavonoli, i partecipanti al primo gruppo (assunzione più elevata) hanno consumato oltre 15 mg di flavonoli al giorno. Rispetto a quelli nel quinto più basso (circa 5 mg al giorno), questi individui hanno mostrato una riduzione di circa il 50% del rischio di AD.

In termini concreti, 28 su 186 pazienti nel gruppo a più alta assunzione hanno sviluppato AD, contro 54 su 182 nel gruppo a più bassa assunzione.

Per quanto riguarda i singoli flavonoli, l’assunzione di kaempferolo era collegata a una riduzione di quasi il 50% del rischio di Alzheimere e sia la miricetina che l’isoramnetina a una riduzione del 40% ciascuna. Un quarto flavonolo, chiamato quercetina, non ha avuto effetti evidenti sul rischio di AD. I partecipanti con il più alto apporto di flavonoli hanno bevuto circa una tazza di tè nero al giorno. Broccoli, e circa un bicchiere di vino rosso ogni giorno, potrebbe anche fornire flavonoli.

Fonti di flavonoli

Il Kaempferolo è abbondantemente presente nelle verdure a foglia verde tra cui spinaci e nei broccoli, fagioli, tè e cavolo. Gli alimenti ricchi di isoarmentina includono olio d’oliva, vino rosso, pere e salsa di pomodoro. La miricetina si trova nel tè, cavoli, arance, pomodori e vino rosso.

Il ricercatore Thomas Holland afferma: “Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati, ma questi sono risultati già promettenti. Mangiare più frutta e verdura e bere più tè potrebbe essere un modo abbastanza economico e semplice per aiutare le persone a evitare la demenza di Alzheimer. “

implicazioni

Molti scienziati non sono d’accordo con l’enfasi sui flavonoli. Sebbene si pensasse che avessero attività antiossidante nel corpo, questa teoria fu screditata molti decenni prima. L’attività antiossidante cessa quando vengono ingeriti e sottoposti all’attività degli enzimi nel tratto digestivo. I ricercatori di questo studio sottolineano che i flavonoli si trovano in molte piante, frutta e verdura che sono stati associati alla buona salute per secoli. I nutrizionisti affermano che gli effetti ritardanti dell’AD di tali alimenti sono probabilmente dovuti ad altri prodotti chimici vegetali che sono relativamente più abbondanti. D’altra parte, è improbabile che l’assunzione di pillole di flavonol o estratti di tè produca lo stesso effetto salutare e il sovradosaggio potrebbe essere controproducente.

Holland afferma in modo valido le sue conclusioni: “‘Con l’aumento della popolazione anziana in tutto il mondo, qualsiasi diminuzione del numero di persone con questa malattia devastante o addirittura poterla ritardare di qualche anno, potrebbe rappresentare un enorme beneficio per la salute pubblica”.

Fonte, Neurology


ULTIMI ARTICOLI

Le statine riducono la gravità di COVID-19

Immagine: l'infezione da SARS-CoV-2 (verde, a sinistra) è inibita dal trattamento con 25HC (a destra). Credito: UC San Diego Health Sciences. Non ci sono trattamenti approvati...

Il trattamento con metformina è collegato al rallentamento del declino cognitivo

Immagine: Public Domain. La metformina è il trattamento di prima linea per la maggior parte dei casi di diabete di tipo 2 e uno dei...

Il fruttosio prodotto nel cervello potrebbe essere alla base dell’Alzheimer

Una nuova ricerca pubblicata dall'Anschutz Medical Campus dell'Università del Colorado propone che la malattia di Alzheimer possa essere guidata dall'iperattivazione del fruttosio prodotto nel...

Come il microbioma della madre influenza il neurosviluppo fetale

Immagine: Public Domaian. "Durante la gravidanza nei topi, i miliardi di batteri e altri microbi che vivono nell'intestino di una madre regolano i metaboliti chiave,...

Iniziano le sperimentazioni per una nuova arma contro il Parkinson: la luce

Immagine:Alan Minson dice che i suoi sintomi di Parkinson sono migliorati dopo che ha iniziato a usare un "casco leggero" nel luglio 2019. Credito:RON...