Il cacao migliora la funzione cognitiva

cacao,flavonoli
I ricercatori hanno scoperto che i flavanoli presenti nel cacao aumentano la funzione cognitiva nel giro di poche ore dal consumo.

Inoltre, i ricercatori hanno trovato che l’assunzione regolare, a lungo termine dei flavanoli del cacao, può proteggere contro il declino cognitivo.

I flavanoli sono composti naturalmente presenti in vari tipi di piante. I più alti livelli di flavonoli sono stati trovati nel cacao. Essi hanno proprietà antiossidanti,  il che significa che hanno la capacità di ridurre gli effetti dei danni cellulari provocati da stress ossidativo

Inoltre, diversi studi hanno dimostrato che i flavanoli possono migliorare la funzione dei vasi sanguigni e ridurre la pressione sanguigna.

Ma i benefici dei flavanoli non finiscono qui. Una nuova revisione, recentemente pubblicata sulla rivista Frontiers in Nutrizione, suggerisce che i flavanoli del cacao potrebbero beneficiare le funzioni cognitive.

La ricerca è stata condotta da Valentina Socci, dell’Università degli Studi de L’Aquila e colleghi.

Miglioramenti rapidi della cognizione

Precedenti studi hanno suggerito un legame tra l’assunzione di flavanoli del cacao e una migliore funzione cognitiva, con il cioccolato fondente spesso citato come la migliore fonte.

Per la nuova ricerca, Socci e il suo team hanno voluto approfondire i benefici sul cervello dei flavanoli del cacao: quali specifiche funzioni cognitive possono essere beneficiate dai flavanoli del cacao? E gli effetti dei flavonoli sono immediati?

( vedi anche: Un nuovo studio suggerisce: il cioccolato ti rende più intelligente).

I ricercatori hanno cercato di rispondere a queste ed altre domande attraverso un esame approfondito degli studi esistenti sugli effetti cognitivi dei flavanoli del cacao.

In particolare, il team ha esaminato come i flavanoli del cacao influenzano il funzionamento cognitivo nel corso del tempo e dopo poche ore dal consumo.

I ricercatori hanno scoperto che solo un piccolo numero di studi clinici controllati randomizzati hanno esaminato gli effetti a breve termine dei flavanoli del cacao sulla funzione cognitiva.

Il team ha scoperto prove di un legame tra il consumo di flavanoli del cacao e miglioramenti quasi immediati nella memoria di lavoro. Uno studio, per esempio, ha identificato miglioramenti della memoria nei giovani adulti, appena 2 ore dopo aver consumato 773 milligrammi di flavanoli del cacao.

In un altro studio, i ricercatori hanno scoperto che il consumo di flavanoli del cacao sembra compensare il deficit cognitivo causato da una notte di privazione del sonno .

Gli adulti più anziani traggono maggiori benefici dai flavonoli del cacao

Valutando gli effetti a lungo termine del consumo di flavonoli del cacao, i ricercatori hanno scoperto che la maggior parte degli studi che hanno esaminato questa associazione sono stati condotti suglii adulti più anziani.

La revisione suggerisce che una dose giornaliera di flavanoli del cacao – per almeno 5 giorni e fino a 3 mesi – ha offerto i maggiori benefici alle funzioni cognitive, portando a miglioramenti nell’ attenzione, nella velocità di elaborazione, fluenza verbale e nella memoria di lavoro.

Socci e il suo team fanno notare che questi benefici sono stati maggiori negli adulti più anziani con lieve declino cognitivo o altri deficit di memoria, una scoperta che ha sorpreso i ricercatori.

“Questo risultato suggerisce il potenziale dei flavanoli del cacao nel proteggere la cognizione in popolazioni vulnerabili nel corso del tempo, migliorando le prestazioni cognitive”, dicono Socci e il co-autore Michele Ferrara,  dell’Università degli Studi di L’Aquila.

“Se si guarda il meccanismo di base, i flavanoli del cacao hanno effetti benefici per la salute cardiovascolare e possono aumentare il volume ematico cerebrale nel giro dentato dell’ippocampo”. “Questa struttura è particolarmente influenzata dall’invecchiamento e quindi è  potenziale fonte di declino della memoria correlata all’età nell’uomo”, dicono i ricercatori che aggiungono:

Assunzione regolare di cacao potrebbe effettivamente fornire effetti benefici alla funzione cognitiva, nel tempo”.

Il team avverte, tuttavia, che si deve evitare di mangiare troppo cioccolato, dal momento che essso ha un alto contenuto di calorie e zucchero. Eppure, i risultati suggeriscono che quando si tratta di funzione cognitiva, un po’ di cioccolato potrebbe fare miracoli.

Fonte: Medicalnews

Altri articoli su cacao, flavonoli