I benefici dei broccoli sulla salute dei reni

broccoli

Una nuova ricerca indica che i benefici di un composto dietetico presente nei broccoli, sulla salute dei reni, possono dipendere dalla genetica di un individuo. I risultati, che appariranno in un prossimo numero di JASN, possono essere utili per personalizzare gli interventi per prevenire o curare le malattie renali.

Il glutatione S-transferasi mu-1 (GSTM1) è un enzima che svolge un ruolo nel liberare il corpo dalle tossine e nel combattere lo stress ossidativo. Molte persone portano una variante del gene GSTM1 che impedisce l’espressione del gene (chiamata variante nulla) e quindi mancano della produzione dell’enzima.
Un team guidato da Thu H. Le, MD (University of Rochester Medical Center) in precedenza ha mostrato che le persone che portano questa variante affrontano un rischio maggiore di subire un declino della funzione renale .

Nel loro ultimo studio, i ricercatori hanno scoperto che l’inattivazione del gene aumenta la lesione renale nei topi con ipertensione e malattie renali. L’integrazione della dieta con la polvere di broccoli (che è ricca di un composto attivante gli antiossidanti) ha ridotto significativamente la lesione renale nei topi geneticamente modificati, ma non nei topi normali con malattia renale.

Vedi anche, Invertire la malattia renale policistica è possibile.

“Abbiamo ipotizzato che l’enzima GSTM1 possa essere coinvolto nella scomposizione dei composti promotori di antiossidanti, e quindi la carenza dell’enzima può aumentare la biodisponibilità dei composti protettivi rilevanti nelle malattie renali”, ha affermato il Dott. Le.

Quando i ricercatori hanno esaminato le informazioni di un ampio studio clinico, hanno scoperto che l’elevato consumo di broccoli e altre verdure crocifere era associato a un minor rischio di insufficienza renale, principalmente nei partecipanti con la variante nulla GSTM1.

“Il nostro studio evidenzia le interazioni dieta-gene nella malattia renale e illustra che la risposta all’effetto modificante la malattia della dieta, è influenzata dalla genetica“, ha affermato il Dott. Le. “Nel contesto della medicina personalizzata e di precisione, un aumento del consumo di verdure crocifere può essere protettivo, in particolare nelle persone prive di GSTM1 che sono geneticamente più a rischio di progressione della malattia renale. Inoltre, il nostro studio suggerisce che la conoscenza delle informazioni genetiche di un individuo consente di personalizzare un intervento per prevenire o ritardare la progressione della malattia renale tra coloro che risponderebbero in base alla loro composizione genetica”.

Fonte, Journal of the American Society of Nephrology


Altri articoli su broccoli