L’olio di pesce aiuta a trattare l’insufficienza cardiaca

insufficienza cardiaca,olio di pesce

Un nuovo studio suggerisce che l’olio di pesce potrebbe aiutare le persone con insufficienza cardiaca.

I risultati provengono da un’analisi di una sperimentazione clinica pubblicata lo scorso anno, in cui i ricercatori hanno testato gli effetti dell’olio di pesce e della vitamina D sul rischio di malattie cardiache e cancro.

Quella sperimentazione – chiamata “Vitamin D e Omega-3 Trial (VITAL)” – ebbe alcuni risultati incoraggianti. Gli adulti più anziani in buona salute a cui era stato somministrato un integratore di olio di pesce avevano meno probabilità di subire un infarto nel corso dei prossimi anni, soprattutto se non erano mai stati grandi mangiatori di pesce.

L’attuale analisi ha esaminato se i supplementi avevano alcun effetto sul rischio dei partecipanti di essere ricoverati in ospedale per insufficienza cardiaca.

L’insufficienza cardiaca è una condizione cronica in cui il cuore perde gradualmente la sua capacità di pompare efficacemente il sangue al corpo. Spesso, deriva da un danno al muscolo cardiaco causato da un attacco di cuore, il che ha sollevato la questione se i benefici visti nello studio potessero estendersi all’insufficienza cardiaca”, ha spiegato il Dott. Luc Djousse.

Djousse, del Brigham and Women’s Hospital e della Harvard Medical School di Boston, ha condotto il presente studio.

Complessivamente, il suo team ha scoperto che né la vitamina D né l’olio di pesce hanno frenato il rischio di un primo ricovero per insufficienza cardiaca nell’arco di cinque anni, ma le persone che usano olio di pesce hanno meno probabilità di aver bisogno di ripetute degenze in ospedale.

La scoperta offre un “segnale” che i supplementi potrebbero aiutare a prevenire i ricoveri per insufficienza cardiaca”, ha detto Djousse. “Ma“, ha sottolineato, “questo deve ancora essere supportato da ulteriori studi”.

L’olio di pesce è ricco di acidi grassi omega-3, che sono noti per aiutare a ridurre i trigliceridi, ridurre l’infiammazione e la coagulazione del sangue e aiutare a stabilizzare il ritmo cardiaco.

L’American Heart Association (AHA) raccomanda alle persone di mangiare pesce due volte a settimana, preferibilmente varietà grasse con più alto contenuto di omega-3, come salmone, sgombro, sardine e tonno bianco.

Djousse ha consigliato di seguire quella raccomandazione, “Ma non friggere il pesce”, ha aggiunto.

I risultati, pubblicati l’11 novembre in Circulation, provengono da un processo che ha coinvolto circa 26.000 adulti di età pari o superiore a 50 anni che inizialmente erano privi di problemi cardiaci. Sono stati assegnati in modo casuale ad assumere 1 grammo di olio di pesce (Omacor), 2.000 UI di vitamina D o un placebo ogni giorno.

Per cinque anni, il gruppo che ha assunto l’olio di pesce ha avuto il 28% in meno di probabilità di subire un infarto rispetto al gruppo placebo. L’effetto è stato più pronunciato tra le persone la cui dieta era a basso contenuto di pesci: avevano il 40% in meno di probabilità di avere un infarto rispetto agli utilizzatori di placebo.

Quando il team di Djousse ha esaminato i ricoveri per insufficienza cardiaca, non vi è stato alcun effetto evidente né dell’olio di pesce né della vitamina D sui ricoveri per la prima volta. Ma i consumatori di olio di pesce avevano il 14% in meno di probabilità di avere ricoveri ripetuti: c’erano 326 ricoveri ospedalieri ricorrenti in quel gruppo e 379 nel gruppo placebo.

Vedi anche, Una polipillola a basso costo riduce il rischio di infarti, ictus e insufficienza cardiaca.

Perché l’olio di pesce non impedisce un primo ricovero in ospedale?

Non è chiaro. Secondo Djousse ci sono stati meno ricoveri in ospedale per la prima volta, quindi i numeri avrebbero potuto essere troppo piccoli per rilevare un effetto.

“Questa è una possibilità”, ha concordato il dDott. David Siscovick, ricercatore senior presso l’Accademia di Medicina di New York che non era coinvolto nello studio.

“Sono necessarie ulteriori ricerche”, ha detto Siscovick, “Ma”, ha aggiunto, “a questo punto, non ci sono prove che l’olio di pesce possa impedire l’insufficienza cardiaca. Vi sono, tuttavia, prove del fatto che i pazienti con insufficienza cardiaca esistente possano trarne beneficio”.

Siscovick ha presieduto un comitato AHA che, nel 2017, ha pubblicato un advisory su integratori di omega-3 e malattie cardiache.

L’advisory ha affermato che era “ragionevole” per i medici prescrivere omega-3 ai pazienti con insufficienza cardiaca, sulla base di uno studio clinico italiano chiamato GISSI. In quello studio, i ricercatori hanno assegnato casualmente ai pazienti con insufficienza cardiaca un integratore di omega-3 o un placebo (olio d’oliva). Per quattro anni, i pazienti trattati con omega-3 avevano un rischio inferiore del 9% di essere ricoverati in ospedale.

“L’attuale studio”, ha affermato Siscovick, ” è “molto coerente” con tale evidenza”.

Ha anche sottolineato, tuttavia, che l’insufficienza cardiaca è una condizione complessa, con forme diverse e diverse cause sottostanti.

Fonte, US.News


Altri articoli su insufficienza cardiaca, olio di pesce