Gli scienziati svelano i segreti dei difetti nei nostri geni

Immagine: il genoma è come il manuale di istruzioni umane, dove le parole sono geni e lettere del nostro DNA.

Immagina il manuale di istruzioni del corpo, il genoma: qui le parole sono geni, le lettere sono DNA e l’equivalente dei refusi può avere conseguenze disastrose.

Negli ultimi anni, gli scienziati sono diventati sempre più fluenti nel linguaggio del genoma, ma molto rimane misterioso, inclusa la funzione di molti dei nostri geni. Scoprire a cosa servono questi geni e come funzionano è la chiave per capire cosa succede quando non funzionano correttamente, causando malattie e talvolta la morte. Ora un gruppo di scienziati sta sfruttando un enorme database di informazioni genetiche di oltre 140.000 persone per capire meglio quali dei nostri geni sono importanti e come potremmo indirizzare meglio i farmaci per curare le malattie genetiche. Il database stesso è una sorta di punto di riferimento. Conosciuto come Genome Aggregation Database o gnomAD (pronunciato nomade), contiene oltre 15.000 sequenze di interi genomi – l’equivalente di un manuale di istruzioni completo – e oltre 125.000 sequenze di interi esomi. In sette articoli pubblicati mercoledì sulle riviste Nature, Nature Communications e Nature Medicine, gli scienziati hanno analizzato i dati di gnomAD, concentrandosi su un tipo di errore di ortografia che rompe efficacemente il gene.
Tutti abbiamo alcuni di questi errori, noti come varianti di perdita di funzione, nel nostro genoma. Ma nella maggior parte dei casi, spengono o rompono un gene senza effetti negativi. Potremmo finire con un ridotto senso dell’olfatto, ad esempio, ma altrimenti essere sani.
Ma quando questi errori si verificano in geni più importanti, possono provocare gravi malattie.
La ricerca è personale per Minikel. Sua suocera è morta a causa di una malattia e sua moglie, una collega scienziata, ha una mutazione genetica che significa che probabilmente la svilupperà anche lei. Lui e sua moglie vogliono trovare un farmaco che prevenga la malattia e l’esame dell’inattivazione genica naturale offre informazioni sugli effetti collaterali che un nuovo trattamento potrebbe avere. “Gli effetti dei cambiamenti del DNA che inattivano un gene possono aiutare a prevedere cosa potrebbe accadere se trattassimo le persone con un farmaco per colpire quel gene”, ha detto ad AFP.
Necessità di set di dati più grandi
Allo stesso modo, un altro team ha utilizzato i dati per prevedere se lo spegnimento di un gene associato al Parkinson potrebbe causare effetti collaterali. I ricercatori hanno trovato genomi in cui quel gene era naturalmente disattivato da varianti di perdita di funzione e nella maggior parte dei casi hanno scoperto che ciò non ha causato effetti dannosi sulla salute. Ciò potrebbe suggerire che un farmaco mirato al gene potrebbe proteggere dal morbo di Parkinson, sebbene i ricercatori abbiano avvertito che è necessario un ulteriore lavoro significativo. MacArthur, che è ora Direttore del Center for Popom Genomics del Garvan Institute, ha affermato che sono necessari set di dati molto più grandi di gnomAD per ulteriori scoperte, coinvolgendo potenzialmente centinaia di milioni di persone e informazioni sulla loro salute.
“Abbiamo bisogno di quel tipo di informazioni … per arrivare al punto in cui possiamo davvero iniziare a comprendere appieno l’impatto della variazione in tutti i geni del genoma sul rischio di malattia umana”, dice MacArthur.
Fonte: Nature