Gli scienziati scoprono come le cellule di Schwann generano la mielina a livello molecolare

cellule di Schwann

Gli scienziati hanno scoperto che le cellule di Schwann producono mielina, la guaina protettiva che copre le fibre nervose, più di quanto si credesse in precedenza.

Questa rivelazione offre la possibilità di nuove strategie per trattare le lesioni nervose e varie forme di neuropatia. Ulteriori ricerche potrebbero rivelarsi utili nel promuovere la riparazione della mielina nei disturbi del sistema nervoso centrale come la sclerosi multipla, in cui il danno alla mielina rallenta o blocca i segnali elettrici nel cervello.

“Questo lavoro stravolge completamente la definizione da manuale del modo in cui funzionano le cellule di Schwann “, dice l’ autore senior dello studio Kelly Monk, Professore e co-Direttore del Vollum Institute dell’Oregon Health & Science University

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature Communications.

Due tipi di cellule nel corpo producono mielina: gli oligodendrociti nel cervello e nel midollo spinale e le cellule di Schwann nel resto del corpo. Fino ad ora, gli scienziati pensavano che solo gli oligodendrociti generassero più guaine di mielina attorno agli assoni, la proiezione di una cellula nervosa che trasporta segnali elettrici tra le cellule.

La nuova ricerca rivela che le cellule di Schwann sono anche in grado di diffondere la mielina su più assoni.

I ricercatori hanno scoperto che alcuni pesci avevano più mielina del previsto e quei pesci trasportavano una mutazione in un gene chiamato fbxw7. Quando hanno eliminato il gene in topi geneticamente modificati, hanno scoperto una caratteristica inaspettata: singole cellule di Schwann hanno iniziato a diffondere mielina su molti assoni.

“La ricerca evidenzia un potenziale molto plastico di queste cellule”, ha detto Monk.

La scoperta di come le cellule di Schwann generano la mielina a livello molecolare, potrebbe portare a nuove tecniche di terapia genica per riparare la mielina danneggiata nei disturbi del sistema nervoso periferico come la malattia di Charcot-Marie-Tooth, una forma ereditaria dolorosa di neuropatia che colpisce 1 in 2.500 persone negli Stati Uniti.

Sia le cellule di Schwann che gli oligodendrociti sono sorti allo stesso punto nella storia evolutiva dei vertebrati, mentre gli invertebrati sono privi di mielina e alcuni, come il calamaro, usano gli assoni grossi per trasmettere rapidamente i segnali tra i neuroni.

Vedi anche, La mielina si ripara naturalmente per ripristinare la funzione del sistema nervoso.

“Avremmo potuto evolverci come gli invertebrati, ma il diametro del nostro midollo spinale sarebbe stato come quello di un gigantesco albero di sequoia”, ha detto Monk.

Invece, gli assoni dei vertebrati utilizzano la mielina per proteggere gli assoni e accelerare la trasmissione del segnale.

“Il sistema nervoso centrale è fondamentalmente diverso rispetto al sistema nervoso periferico”, ha detto Monk.

Monk teorizza che le cellule di Schwann hanno sviluppato un meccanismo per riparare la mielina danneggiata su base cellulare, poiché sarebbe stato normale che si verificassero lesioni senza necessariamente uccidere l’intero organismo. Quei tratti sarebbero stati tramandati e rafforzati attraverso generazioni di evoluzione.

Al contrario, la rimielinizzazione nel sistema nervoso centrale tendeva ad essere un vicolo cieco evolutivo in quanto pochi sarebbero sopravvissuti a un grave colpo al cervello o alla colonna vertebrale.

Tuttavia, la scoperta pubblicata oggi suggerisce una nuova opportunità per guarire il cervello e la colonna vertebrale.

“Il target del gene fbxw7 – o delle molecole del percorso a valle – potrebbe essere un modo efficace per promuovere la riparazione della mielina nel sistema nervoso centrale”, ha concluso Monk.

Fonte: Nature