HomeSaluteFibrosi polmonare idiopatica: nuova terapia potrebbe salvare vite umane

Fibrosi polmonare idiopatica: nuova terapia potrebbe salvare vite umane

(Fibrosi polmonare idiopatica-Immagine Credit Public Domain).

I ricercatori dell’Università dell’Alabama a Birmingham Marnix E. Heersink School of Medicine hanno pubblicato un nuovo studio su PLOS ONE che descrive in dettaglio una nuova terapia per le esacerbazioni acute della fibrosi polmonare idiopatica, o AE-IPF, che potrebbe potenzialmente salvare la vita a molte persone.

Recenti studi di ricerca hanno suggerito che le proteine ​​chiamate anticorpi prodotte dal sistema immunitario potrebbero essere coinvolte nel danno polmonare nella fibrosi èpolmonare idiopatica. Gli anticorpi prodotti dal sistema immunitario normalmente aiutano a combattere le infezioni attaccando batteri e virus senza danneggiare i nostri stessi tessuti, ma quando questo processo è disregolato, può causare danni a vari organi.

- Advertisement -

In molti pazienti con AE-IPF, e specialmente in quelli con esacerbazioni acute, vi sono prove che alcuni anticorpi, chiamati autoanticorpi, attaccano il polmone e contribuiscono al danno e alla cicatrizzazione che si verificano nell’AE-IPF. Secondo il National Institutes of Health, circa 100.000 persone negli Stati Uniti hanno la fibrosi polmonare idiopatica e ogni anno vengono rilevati da 30.000 a 40.000 nuovi casi. Questa malattia porta un alto tasso di mortalità con un tempo di sopravvivenza medio di 3-5 anni dopo la diagnosi; ci sono circa 15.000 decessi attribuibili all’IPF ogni anno.

“I nostri studi recenti hanno scoperto che molti pazienti affetti da AE-IPF sembrano avere livelli eccessivi di autoanticorpi nel sangue e nei polmoni che potrebbero peggiorare la loro malattia”, ha affermato Steve Duncan, MD, ricercatore principale e Professore presso la Divisione UAB di malattie polmonari, allergiche e critiche.

Duncan e colleghi hanno utilizzato un protocollo di trattamento per ridurre gli autoanticorpi che includeva lo scambio plasmatico terapeutico, un farmaco approvato dalla Food and Drug Administration chiamato Rituximab per il trattamento di malattie da autoanticorpi come l’artrite reumatoide e l’immunoglobulina endovenosa, che ha comportato un significativo miglioramento clinico in circa metà dei pazienti AE-IPF. La maggior parte degli episodi di AE-IPF trattati con farmaci convenzionali soccombe a causa della malattia, spesso entro pochi giorni.

Vedi anche:Fibrosi polmonare idiopatica: nuova luce sulle cause

- Advertisement -

Nel nostro studio, i pazienti che hanno risposto a questo protocollo di trattamento avevano livelli di anticorpi pre-trattamento più elevati”, ha affermato Tejaswini Kulkarni, MD, assistente Professore presso la Divisione di medicina polmonare, allergia e terapia intensiva. “Capire ulteriormente questo percorso critico della malattia può aiutare a identificare i pazienti che hanno maggiori probabilità di beneficiare di questi trattamenti e ottimizzare l’utilizzo di questo protocollo di trattamento”.

“Gli studi incrementali potrebbero ulteriormente perfezionare e ottimizzare i regimi di riduzione degli autoanticorpi, convalidare misure per facilitare le applicazioni personalizzate di questi trattamenti e potenzialmente illuminare altri importanti meccanismi patologici a monte oltre o in aggiunta all’autoimmunità umorale“, ha affermato Duncan.

Fonte:PLOS ONE

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...