HomeSaluteFegatoFegato grasso: l'esercizio fisico protegge dalle malattie correlate

Fegato grasso: l’esercizio fisico protegge dalle malattie correlate

(Fegato grasso-Immagine Credito DZD).

L’esercizio fisico non solo allena i muscoli, ma può anche prevenire lo sviluppo del fegato grasso. Un nuovo studio del Centro tedesco per la ricerca sul diabete (DZD), Helmholtz Monaco e l’Ospedale universitario di Tubinga, mostra quali adattamenti molecolari, in particolare dei mitocondri epatici, possono essere osservati in questo processo. Lo studio è stato ora pubblicato su Molecular Metabolism.

Nel mondo una persona su quattro soffre di malattia epatica non alcolica (NAFLD, chiamata anche malattia metabolica del fegato MAFLD). Le persone colpite hanno spesso il diabete di tipo 2 e un aumentato rischio di cirrosi epatica e malattie cardiovascolari. Inoltre, la NAFLD è associata ad un aumento della mortalità. Uno squilibrio tra assunzione e consumo di energia è discusso come causa della malattia. Ciò porta a depositi di grasso nel fegato e nel tempo compromette la funzione dei mitocondri*, entrambi fattori di rischio per lo sviluppo dell’insulino-resistenza epatica e dell’infiammazione del fegato.

- Advertisement -

Vedi anche:Malattia del fegato grasso: scoperto nuovo obiettivo terapeutico

Come l’esercizio modifica l’adattamento del fegato all’aumento dell’apporto energetico

Per prevenire e trattare la NAFLD, si raccomanda una modifica dello stile di vita con una maggiore attività fisica. Gli scienziati dell’Istituto di chimica clinica e patobiochimica dell’Ospedale universitario di Tubinga e dell’Istituto di ricerca sul diabete e sulle malattie metaboliche di Helmholtz Monaco di Baviera presso l’Università di Tubinga, hanno studiato in che misura l’esercizio regolare altera l’adattamento del fegato all’aumento dell’assunzione di energia e quale ruolo gioca il muscolo scheletrico in questo processo (IDM). I ricercatori hanno collaborato con l’Istituto di genetica sperimentale (IEG) di Helmholtz Monaco, l’Istituto Leibniz per le scienze analitiche di Dortmund e il Dalian Institute of Chemical Physics in Cina.

L’esercizio fisico può prevenire la steatosi epatica causata dalla sovranutrizione

Nello studio condotto dalla Dott.ssa Miriam Hoene e dalla Dott.ssa Lisa Kappler, i topi sono stati nutriti con una dieta ad alto contenuto energetico. Alcuni dei topi hanno anche ricevuto un allenamento regolare sul tapis roulant. Dopo l’intervento di sei settimane, i ricercatori hanno esaminato il fegato e i muscoli degli animali per verificare la presenza di cambiamenti nel trascrittoma, nel proteoma mitocondriale, nella composizione lipidica e nella funzione mitocondriale.

I risultati hanno mostrato che l’allenamento regolava importanti enzimi della degradazione del glucosio e del fruttosio nel fegato, nonché il metabolismo del piruvato mitocondrialeIn questo modo, è possibile ridurre il carico di substrato per la respirazione mitocondriale e la sintesi lipidica. Di conseguenza, nel fegato viene immagazzinato meno grasso e vengono ridotti lipidi specifici come le specie di diacilglicerolo. Inoltre, il controllo del glucosio migliora nei topi allenati. Inoltre, una maggiore capacità respiratoria dei muscoli scheletrici allevia lo stress metabolico nel fegato.

- Advertisement -

I dati sulla biologia dei sistemi offrono una visione completa dell’adattamento molecolare del fegato e dei muscoli a una dieta ad alto contenuto energetico, all’allenamento e agli effetti combinatori. “I risultati si adattano molto bene agli approcci degli studi clinici in corso in cui gli inibitori vengono testati contro alcuni degli obiettivi qui trovati, come il trasportatore del piruvato mitocondriale”, ha affermato la scienziata DZD Prof. Dr. Cora Weigert, capo dello studio e Professore di Diabetologia Molecolare presso l’Ospedale Universitario di Tubinga. “Dimostrano anche che l’attività fisica regolare regola molti bersagli allo stesso tempo nodi chiave delle vie metaboliche, un effetto che non può essere ottenuto con la monoterapia“.

*Mitocondri

Il compito dei mitocondri è quello di rendere disponibile l’energia alla cellula, che avviene attraverso la respirazione cellulare. Questo è un processo metabolico in cui l’energia immagazzinata nel glucosio e in altre sostanze organiche viene ottenuta rompendo il legame chimico, producendo infine adenosina trifosfato o ATP. Questa è la molecola di energia più importante nel corpo. I mitocondri sono quindi considerati anche le centrali elettriche della cellula.

Fonte:Molecular Metabolism

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...