HomeSaluteCervello e sistema nervosoSM: nuova tecnica di imaging sviluppata per la diagnosi precoce

SM: nuova tecnica di imaging sviluppata per la diagnosi precoce

(SM-Immagine Credit Radiology).

I ricercatori in Austria affermano che una nuova tecnica di risonanza magnetica può portare a una diagnosi e un trattamento più rapidi per le persone con sclerosi multipla.

La tecnica è in grado di rilevare i cambiamenti biochimici nel cervello delle persone con SM all’inizio della loro malattia, secondo i risultati dello studio pubblicati il ​​4 gennaio sulla rivista Radiology.

- Advertisement -

“La risonanza magnetica consente di rilevare i cambiamenti delle sostanze neurochimiche nel cervello dei pazienti con sclerosi multipla in regioni che appaiono poco appariscenti alla risonanza magnetica convenzionale“, ha affermato l’autore senior dello studio Wolfgang Bogner, dell’High Field MR Center presso l’Università di medicina di Vienna. “I cambiamenti visualizzati nella neurochimica del tessuto cerebrale dall’aspetto normale erano correlati con le disabilità dei pazienti”.

La SM, una malattia del sistema nervoso centrale, colpisce quasi 3 milioni di persone in tutto il mondo. Non esiste una cura e può causare affaticamento, dolore e compromissione della coordinazione. La terapia fisica e i farmaci possono rallentarne la progressione.

Attualmente, la SM può essere rilevata nelle lesioni della sostanza bianca del cervello su risonanza magnetica standard. Queste lesioni sono legate alla perdita di un rivestimento protettivo attorno alle fibre nervose noto come mielina. Questo è un danno tissutale visibile ad occhio nudo, ma sarebbe meglio trovare il danno quando è ancora microscropico o in una fase biochimica. “Una tecnica di imaging avanzata, chiamata spettroscopia RM protonica, è in grado di rilevare sostanze prodotte durante il metabolismo che hanno una potenziale rilevanza per la SM”, affermano i ricercatori.

I ricercatori hanno usato la strategia per confrontare i cambiamenti biochimici nel cervello di 65 persone con SM con quelli di 20 individui sani. Hanno impiegato uno scanner MRI con un potente magnete da 7 Tesla (T).

- Advertisement -

Il team ha riscontrato livelli ridotti di un derivato dell’amminoacido chiamato N-acetilaspartato (NAA) nei pazienti con SM. Livelli più bassi di NAA sono stati collegati a una ridotta integrità dei neuroni nel cervello.

Le persone con SM hanno anche mostrato livelli elevati di mio-inositolo (MI), un composto coinvolto nella segnalazione cellulare. Livelli più elevati possono indicare una sostanziale attività della malattia infiammatoria.

Vedi anche:Sclerosi multipla: farmaco costoso offre scarsi benefici

I ricercatori hanno affermato che i risultati dello studio mostrano un ruolo potenziale della nuova tecnica di risonanza magnetica nella visualizzazione della patologia della SM oltre le lesioni demielinizzanti.

Alcuni cambiamenti neurochimici, in particolare quelli associati alla neuroinfiammazione, si verificano all’inizio del decorso della malattia e potrebbero non solo essere correlati alla disabilità, ma anche essere predittivi di un’ulteriore progressione come la formazione di lesioni da sclerosi multipla”, ha affermato l’autrice principale dello studio Eva Heckova, anche lei dell’High Field MR Centre che ha detto che i cambiamenti rilevati attraverso questa nuova tecnica di imaging possono avere applicazioni cliniche significative.

Tuttavia, è necessario più lavoro per confermare i risultati.

“Se confermata in studi clinici longitudinali, questa nuova tecnica di neuroimaging potrebbe diventare uno strumento di imaging standard per la diagnosi iniziale, per la progressione della malattia e per il monitoraggio della terapia dei pazienti con sclerosi multipla e, di concerto con la risonanza magnetica consolidata, potrebbe contribuire alle strategie di trattamento dei neurologi”, ha riferito Bogner in un comunicato stampa.

Fonte:Radiology

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...