HomeSaluteFarmaci antinfiammatori: scoperti nuovi effetti collaterali

Farmaci antinfiammatori: scoperti nuovi effetti collaterali

(Farmaci antinfiammatori-Immagine Credit Public Domain).

Una nuova ricerca della McGill University rivela che il blocco dell’infiammazione determinato da farmaci antinfiammatori, può portare a dolore cronico.

I risultati dello studio possono cambiare il modo in cui trattiamo il dolore acuto

Ogni volta che hai mal di testa, ti fa male la schiena, l’artrite si infiamma o hai la febbre, è probabile che tu assuma dei medicinali antinfiammatori. I FANS, o farmaci antinfiammatori non steroidei, sono la forma più diffusa di farmaci antinfiammatori. Secondo l’American Gastroenterological Association, quasi 30 milioni di americani li assumono ogni giorno per alleviare il dolore o il disagio.

- Advertisement -

I tipi più comuni di FANS includono Aspirina, Ibuprofene (comunemente indicato come Advil) e Naprossene (noto con il marchio Aleve e Naprosyn). Tuttavia, nonostante la loro popolarità, questi farmaci possono avere effetti collaterali.

Secondo la McGill University e colleghi in Italia, l’uso di farmaci antinfiammatori e steroidi per trattare il dolore può aumentare il rischio di sviluppare dolore cronico. Le loro scoperte mettono in discussione i metodi tradizionali per alleviare il dolore. Il normale recupero da un grave infortunio comporta il trattamento dell’infiammazione e i farmaci che prevengono tale infiammazione possono causare dolore più difficile da trattare.

“Per molti decenni è stata pratica medica standard trattare il dolore con farmaci antinfiammatori. Ma abbiamo scoperto che questa soluzione a breve termine potrebbe portare a problemi a lungo termine”, afferma Jeffrey Mogil, Professore presso il Dipartimento di Psicologia della McGill University ed EP Taylor Chair in Pain Studies.

La differenza tra le persone che migliorano e quelle che non migliorano

Nello studio pubblicato l’11 maggio 2022 su Science Translational Medicine, i ricercatori hanno esaminato i meccanismi del dolore sia nell’uomo che nei topi. Hanno scoperto che i neutrofili, un tipo di globuli bianchi che aiutano il corpo a combattere le infezioni, svolgono un ruolo chiave nella risoluzione del dolore.

“Nell’analizzare i geni delle persone che soffrono di mal di schiena, abbiamo osservato cambiamenti attivi nei geni nel tempo, nelle persone il cui dolore è scomparso. I cambiamenti nelle cellule del sangue e nella loro attività sembravano essere il fattore più importante, specialmente nelle cellule chiamate neutrofili, afferma Luda Diatchenko, Professore presso la Facoltà di Medicina, Facoltà di Odontoiatria e Canada Excellence Research Chair in Human Pain Genetics.

- Advertisement -

Vedi anche:I comuni farmaci antinfiammatori possono causare più danni che benefici

L’infiammazione gioca un ruolo chiave nella risoluzione del dolore

“I neutrofili dominano le prime fasi dell’infiammazione e preparano le basi per la riparazione del danno tissutale. L’infiammazione si verifica per una ragione e sembra pericoloso interferire con essa”, afferma il Professor Mogil, che è anche membro dell’Alan Edwards Center for Research on Pain insieme al Professor Diatchenko.

Il blocco dei neutrofili nei topi ha aumentato la durata del dolore fino a dieci volte. I farmaci antinfiammatori e gli steroidi come il Desametasone e il Diclofenac hanno avuto lo stesso effetto, nonostante fossero utili contro il dolore all’inizio.

Questi risultati sono corroborati anche da uno studio separato su 500.000 individui nel Regno Unito, che ha rilevato che coloro che usavano farmaci antinfiammatori per alleviare il dolore avevano maggiori probabilità di soffrire di dolore da due a dieci anni dopo, un effetto non osservato nelle persone che hanno assunto paracetamolo o antidepressivi.

Riconsiderare il trattamento medico standard del dolore acuto

“I nostri risultati suggeriscono che potrebbe essere il momento di riconsiderare il modo in cui trattiamo il dolore acuto. Fortunatamente il dolore può essere trattato in altri modi che non implicano l’interferenza con l’infiammazione”, afferma Massimo Allegri, medico del Policlinico dell’Ospedale di Monza in Italia e dell’Ensemble Hospitalier de la Cote in Svizzera.

“Abbiamo scoperto che la risoluzione del dolore è in realtà un processo biologico attivo”, afferma il Professor Diatchenko. Questi risultati dovrebbero essere seguiti da studi clinici che confrontano direttamente i farmaci antinfiammatori con altri antidolorifici che alleviano dolori, ma non interrompono l’infiammazione”.

Fonte:Science Translational Medicine

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...